13.9 C
Belluno
giovedì, Ottobre 29, 2020
Home Cronaca/Politica Domenica di luglio senza riposo per il Soccorso alpino

Domenica di luglio senza riposo per il Soccorso alpino

Questa mattina una squadra di soccorritori di Cortina ha raggiunto il rifugio Giussani, sotto le Tofane, per riportare a valle un turista di Fermo, N.D.T., 67 anni, impossibilitato a camminare a causa di un trauma al piede. Successivamente, nel primo pomeriggio, il Soccorso alpino cortinese è intervenuto assieme all’elicottero del Suem di Pieve di Cadore in aiuto di due escursionisti in difficoltà sulla ferrata di Punta Anna. I soccorritori imbarcati dall’elicottero per poi essere sbarcati nelle vicinanze dei due uomini, impauriti dall’approssimarsi del temporale, li hanno accompagnati fino alla conclusione del percorso, poichè le nuvole hanno impedito al velivolo di completare le operazioni di recupero.

Sotto il Pelmo, una squadra del Soccorso alpino di San Vito di Cadore è andata incontro a una donna di Aviano colpita al fianco da un sasso non distante dal rifugio Venezia, dove si trovava con la famiglia, e l’ha portata fino all’ospedale di Cortina per i controlli del caso. Sul versante zoldano invece, l’eliambulanza è stata poi inviata sul sentiero che porta al rifugio Staulanza per un escursionista con una sospetta frattura alla caviglia.

Sul monte Tamer, comune di La Valle Agordina, uno di quattro amici, dopo aver risalito il sentiero 524 dal Pian de Caleda, sulla via del ritorno non è più stato in grado di scendere per una distorsione al ginocchio. L’uomo P.M. 53 anni di Verona, è stato medicato dal dottore dell’elicottero del Suem, caricato in barella e condotto all’ospedale di Agordo. Elitrasportati in quota e sbarcati vicino ai tre compagni dell’infortunato, due soccorritori di Agordo sono scesi con loro, camminando una quarantina di minuti fino alla strada.

Il Soccorso alpino di Feltre è stato impegnato tra Croce d’Avena e Faller, a Pedavena, dove un’escursionista non riesce più a proseguire per essersi procurata un trauma al piede. La squadra l’ha raggiunta, e attrezza la discesa del versante con le corde per calarla fino alla strada.

L’ultimo intervento di domenica si è concluso in Val di Gares, dove una squadra del Soccorso alpino della Val Biois è stata inviata dal 118 in aiuto di una turista di Bassano del Grappa (VI). Scendendo dal sentiero delle cascate delle Comelle, infatti, M.S., 54 anni, scivolata sulla roccia bagnata si era fatta male a una gamba. Dopo averla raggiunta, i soccorritori hanno caricato l’infortunata sulla barella e l’hanno trasportata a spalla per circa mezz’ora fino all’ambulanza in attesa sulla strada, che l’ha poi accompagnata all’ospedale di Agordo.

 

 

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Questo non è amore. Campagna della polizia contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre prossimo si celebra, come ogni anno, la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Su tale fenomeno la Polizia di Stato, con...

Commercio Virtuoso apre ai commercianti di Belluno

Commercio Virtuoso, il marketplace italiano nato a sostegno delle attività locali, apre le iscrizioni per produttori e negozianti in nuove città in Veneto, tra...

Sintomi del nuovo coronavirus e chi è il contatto stretto di un positivo

#corononavirus. Quali sono i sintomi del nuovo coronavirus? Come altre malattie respiratorie, il nuovo coronavirus può causare sintomi lievi come raffreddore, mal di gola, tosse...

La collezione di vetri veneziani Nasci – Franzoia alla Galleria Rizzarda di Feltre

  Alla Galleria d'Arte moderna "Carlo Rizzarda" di Feltre il 19 dicembre 2020 l'intrigante connubio di forza e fragilità dei preziosi vetri d’autore della Collezione...
Share