13.9 C
Belluno
lunedì, Ottobre 26, 2020
Home Cronaca/Politica Sballo giovanile, la Regione adotta e finanzia il progetto di Calalzo. De...

Sballo giovanile, la Regione adotta e finanzia il progetto di Calalzo. De Carlo e Da Col: “Sarà un servizio civile a vantaggio della comunità”

Luca De Carlo sindaco di Calalzo di Cadore

Un “servizio civile” che aiuti a prevenire la cultura dello sballo educando al lavoro e alla fatica. Questa era, un anno fa, la soluzione che il sindaco Luca De Carlo e l’assessore Antonio Da Col avevano elaborato per combattere le bevute mattutine a Lagole, scrivendo in merito al capogruppo del Pdl in Regione Dario Bond e all’assessore al Sociale Remo Sernagiotto. E oggi, a 15 mesi di distanza, arriva la risposta da Venezia, dopo un bando predisposto per finanziare le progettualità dei giovani in tutto il Veneto.

“La Giunta regionale – spiegano De Carlo e Da Col – ha destinato 7.000 euro al nostro progetto ‘GIOVENTU’ CHE COSTRUISCE IL FUTURO’, che vedrà impegnati alcuni nostri ragazzi e varie associazioni del territorio a sostegno delle attività di queste ultime e a servizio del paese. Il finanziamento, comunicatoci qualche giorno fa da Sernagiotto, si affianca a quello che la Regione ha garantito ad altre Amministrazioni, proprio sulla base della richiesta partita da Calalzo e che è stata estesa al resto del Veneto, per combattere la cultura dello sballo e le devianze attraverso il servizio alla comunità di residenza”.

I 7.000 euro verranno impiegati in voucher a favore dei ragazzi che si sono messi a disposizione per realizzare le attività della Casa della Gioventù, del Centro per lo studio assistito e per l’estensione dell’orario di apertura della Biblioteca. “In sostanza – dichiarano De Carlo e Da Col – diverranno una specie di collante tra generazioni, coniugando le esperienze e le progettualità dei giovani con quelle di altri giovani. Vogliamo potenziare le loro naturali doti di socialità rendendoli da un lato responsabili dell’arricchimento di un progetto di supporto alle famiglie, e dall’altro offrendo un ambiente giovane e familiare ai frequentanti della Biblioteca. I giovani diventano quindi esempio per i ragazzini, occupando il proprio tempo libero in maniera costruttiva senza cadere nella cultura dello sballo, e costituiscono un aiuto fondamentale all’inserimento attivo degli anziani nel tessuto del paese”.

“Ciò che ci dà soddisfazione, come amministratori, è vedere che la Regione ha assunto e proiettato sull’intero Veneto il nostro suggerimento di un ‘servizio civile’ per i giovani, dando la possibilità agli Enti locali di attivare sì ordinanze ed azioni di repressione, ma anche di combattere il disagio dei ragazzi con una soluzione che consideriamo efficace”.

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Quattro furti in abitazione ad Alano di Piave

Alano di Piave, 25 ottobre 2020  - Quattro furti in appartamento ad Alano di Piave nella serata di ieri. Ignoti, previa effrazione degli infissi,...

Tre interventi di soccorso in montagna

Belluno, 25 - 10 - 20    Alle 11 circa la Centrale del 118 è stata allertata dagli amici di un ragazzo colto da...

Auto e Moto d’Epoca. Bilancio positivo a Padova per la 37ma edizione della rassegna

Il patron Mario Carlo Baccaglini: “Siamo molto soddisfatti. La decisione di fare la fiera nonostante il grande momento di difficoltà ed incertezza del settore...

50 nuovi volontari della Protezione Civile. Padrin e Bortoluzzi: «Le tute fluo sono sempre più indispensabili per il nostro territorio»

Si è concluso oggi, domenica 25 ottobre, l'ultimo corso di Protezione Civile organizzato e curato dalla Provincia di Belluno. Hanno partecipato 50 persone, soprattutto...
Share