13.9 C
Belluno
venerdì, Ottobre 30, 2020
Home Cronaca/Politica Quote latte. Zanon:“Le sanzioni europee per le multe non pagate le paghi...

Quote latte. Zanon:“Le sanzioni europee per le multe non pagate le paghi Zaia di tasca propria”

Sanzioni della Ue per le quote latte. ”Perché l’attuale governatore del Veneto, Luca Zaia, ha sempre sostenuto gli allevatori che non volevano pagare la multe, chiedendo di prorogare il pagamento delle stesse ha danneggiato di fatto gli allevatori italiani che hanno rispettato le regole?” Se lo chiede l’eurodeputato veneto Andrea Zanoni (IdV) che invece non riesce a trovare giustificazioni razionali alla decisione del precedente governo Berlusconi, assunta su forte pressione della Lega, di concedere dilazioni sul pagamento delle multe sulle quote latte.

Zanoni concorda con quanto ha dichiarato il ministro delle Politiche agricole Mario Catania sul fatto che lo Stato, in passato, abbia commesso su questo tema molti errori e leggerezze.

Fra l’altro, rileva Zanoni, la stessa Coldiretti ammette che non vi era alcun motivo valido per una ulteriore proroga del pagamento delle multe.   “Le multe vanno pagate. L’Italia troppo spesso si fa cogliere con le mani nel sacco dalla Commissione europea per la violazione di questa o quella direttiva. Questo malcostume deve finire perché poi a rimetterci sono tutti i cittadini italiani”, ha affermato l’on. Zanoni.

Nel caso delle quote latte la Commissione europea, lo scorso 10 febbraio ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale la notizia dell’apertura nei confronti dell’Italia di una procedura d’infrazione sugli aiuti di Stato per chiarire le ragioni dell’immotivata proroga di 6 mesi del pagamento delle multe sulle quote latte.    “Purtroppo a causa di Zaia e della politica delle Lega ora incombe sull’Italia un’altra sanzione, che si va ad aggiungere a quella in arrivo per la violazione della Direttiva Uccelli per il regalo della caccia in deroga e della Direttiva Ovaiole sugli allevamenti non a norma di legge.   Zaia paghi di tasca propria il prezzo delle violazioni alle direttive comunitarie volute per accontentare i suoi amici allevatori e cacciatori, non e’ giusto che siano i cittadini a pagare per gli affari altrui”.

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Denunciati dalla polizia 5 italiani per truffa. Bottino da 5.790 euro

L’altro ieri la Squadra Mobile di Belluno ha denunciato all’Autorità Giudiziaria 5 persone per truffa in concorso. Si tratta di soggetti italiani residenti parte...

Furto in un deposito di Ponte nelle Alpi. Rubate sigarette per 80mila euro

Ponte nelle Alpi, 30 ottobre 2020 - Ammonta a 80mila euro il valore degli scatoloni di sigarette di varie marche rubati ieri sera nel...

Inaugurato oggi l’Eurobrico a Ponte nelle Alpi

Duemilacinquecento metri quadrati, dall'utensileria all'edilizia, passando per idraulica e arredo giardino, mobili e accessori legati alla sfera dell'auto, casalinghi e arredo casa, fino all'abbigliamento...

L’Alto Adige si adegua. Sabato scatta il coprifuoco anche per loro

Chi aveva programmato la cena sabato sera dai vicini in Alto Adige, dovrà rinviare. Il governatore Kompatscher ha stabilito che dal 31 ottobre anche...
Share