13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Dolomiti contemporanee va in trasferta

Dolomiti contemporanee va in trasferta

Gianluca d'Incà Levis

Dopo aver chiuso, temporaneamente, la stazione di Sass Muss, Dolomiti Contemporanee inizia una serie di trasferte che porteranno il progetto a spasso per l’Italia ed all’estero (Torino, Bologna, Napoli, Palermo, Milano, Bolzano, Innsbruck, ecc.), dove verranno presentati nuovi progetti artistici, che realizzeremo insieme ad artisti, istituzioni, curatori, musei, con i quali abbiamo costruito, in questi mesi, una serie di rapporti e di relazioni importanti.
Questo credito, raggiunto in così poco tempo, dimostra la potenzialità di crescita di un progetto culturale nuovo e sano, che continuerà a proporre stimoli nel (dal) territorio-origine, e che intendiamo  sviluppare attraverso rapporti diretti con realtà esterne, abdando fuori, operando in un’orbita più larga (semplicemente: chi si chiude non sa aprire).
Dolomiti Contemporanee sarà presente quest’anno ad Artissima, a Torino, la più importante e selettiva fiera d’arte contemporanea italiana, che inaugura giovedì prossimo 3 novembre (fiera aperta al pubblico dal 4 al 6 novembre). DC parteciparà ad Artissima Lido, un programma di realtà e progetti sperimentali ed indipendenti, dove presenterà, insieme a La Collezione di Carrozzeria Margot, altro importante spazio emergente nel panorama italiano dell’arte contemporanea, un’opera-seme, realizzata dall’artista Jonathan Vivacqua, dando notizia dell’avvio di una collaborazione che porterà alla produzione di un’opera derivata da Il mio mezzo spazio. L’allestimento sarà realizzato all’interno della produzione A SHOP IS A SHOP IS A SHOP IS A SHOP, a cura di Hanna Hildebrand, nella Galleria Umberto I, n. 19, Torino.
Dell’allestimento farà parte un blocco di piatra bianca offertoci dall’amico sponsor Cason Marmi (grazie ad Antonio e Mimmo), sul quale l’artista inserirà un elemento scultoreo metallico modellato come una presa da arrampicata. Tale opera costituisce il primo momento di un lavoro che porterà alla realizzazione di una grande scultura arrampicabile, di alcuni metri di altezza, che verrà messa in opera nei prossimi mesi.

gianluca d’incà levis

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Dpcm del 25 ottobre 2020, ecco le nuove restrizioni in vigore da lunedì 26 ottobre al 24 novembre

E' stato diffuso il testo definitivo del nuovo Decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 25 ottobre 2020 che sarà in vigore dal...

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...
Share