13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Cronaca/Politica Lettera-appello di Bond a Bottacin per salvare il salvabile. "Caro presidente, ricominciamo...

Lettera-appello di Bond a Bottacin per salvare il salvabile. “Caro presidente, ricominciamo da capo. Serve un nuovo corso”

Dario Bond consigliere regionale Pdl
Ci aveva già provato il Michele Carbogno (Pdl in quota An), vicepresidente della provincia ad avvicinare e dissuadere il presidente della provincia Gianpaolo Bottacin dalla promessa-minaccia di azzerare gli assessori del Pdl. Ora è la volta del consigliere regionale pidiellino Dario Bond, che la prende da lontano, in punta di piedi, ma in sostanza dice cose già dette, nella speranza di ricucire lo strappo con l’alleato di governo in provincia di Belluno.

Caro Presidente,
Non sono qui a rivendicare posizioni a sostegno del Pdl né ti scrivo per tutelare qualcuno e men che meno mi permetto di darti lezioni di buon governo. Non l’ho mai fatto con nessuno.
Non ho nemmeno la pozione magica che mi consenta di portare tutti quei soldi che servono alla provincia di Belluno per colmare una disparità economico-sociale del territorio che sempre di più grida vendetta. Disparità – dispiace dirlo – che nemmeno il tanto decantato federalismo riuscirà a risolvere definitivamente.
Su una cosa però voglio essere chiaro: all’interno di questa difficile situazione in giunta e in consiglio provinciali dobbiamo cercare, come ultimo tentativo, di dare e darti la possibilità di dimostrare le tue indubbie capacità ben note a Venezia ma un po’ offuscate in questi due anni di mandato da presidente della Provincia.
Non ha senso, da parte tua, revocare mandati di assessori o di posti nelle società collegate alla Provincia. E’ un modo vecchio di fare politica che, francamente, non mi aspettavo da un amministratore giovane e preparato come te.
Penso abbia più senso invece riunire tutte le forze politiche, economiche e sociali di questa complessa nostra realtà, guardarci negli occhi e decidere se ha senso gestire un territorio attraverso un ente come la Provincia e – se sì – fare una squadra capace di dare la spinta necessaria al rinnovamento con un nuovo modello che aiuti la tua amministrazione a uscire da questo tunnel fatto di ultimatum da una parte e dall’altra.
Politica distensiva del fare, non dello scontro, fatta di nomi giovani e conoscitori del territorio. Soggetti con grandi conoscenze per ciascun assessorato. In altre parole, l’eccellenza di un territorio. Questa è la mia idea per un nuovo corso.
Se questi uomini e queste donne crederanno in un vero progetto di rilancio, anche la politica con i suoi ritmi e le sue regole non sempre comprensibili sarà costretta a seguirli. Con buona pace di quelle logiche che sempre di più i cittadini dimostrano di non tollerare.
Solo in questo modo potremmo iniziare – dopo due anni – con una nuova giunta. E questo, sia altrettanto chiaro, senza nuove elezioni e quindi soldi buttati via. In un momento come questo, non ce lo possiamo permettere.
L’unico obiettivo dovrà essere quello di difendere il nostro territorio da tutte quelle difficoltà e problematiche che lo rendono sempre più vulnerabile e difficile da vivere.
Caro Gianpaolo, l’appello che, in ultima battuta, ti rivolgo è quello di non sprecare energia nelle tue sofisticate tattiche contro il Pdl, ma invece di dedicare tutte le tue forze per la costruzione di un modello forte di provincia di Belluno Dolomitica. I bellunesi hanno bisogno di questo perché – nonostante tutto – c’è ancora molta affezione nei confronti dell’ente Provincia, visto come luogo di aggregazione e di appartenenza in un territorio dove tutto è molto più complesso che altrove.
Ti auguro un buon lavoro,
Con stima e affetto,
Dario Bond

Share
- Advertisment -


Popolari

Elisoccorso. Azienda Zero vince il ricorso al Tar, Elifriulia condannata al pagamento delle spese processuali

Con sentenza n.102 pubblicata il 13 ottobre 2020 il Tribunale amministrativo regionale del Veneto ha respinto per inammissibilità e per infondatezza il ricorso promosso...

Emergenza Covid, le direttive della Prefettura

Si è tenuta ieri 19 ottobre 2020, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana...

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...
Share