13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 24, 2020
Home Cronaca/Politica Belluno addio? La lunga notte di Palazzo Piloni. Trentotto province sotto i...

Belluno addio? La lunga notte di Palazzo Piloni. Trentotto province sotto i 300mila abitanti rischiano d’essere cancellate, mentre l’Italia va in ferie a ferragosto

 La vigilia di ferragosto di 34 anni fa il colonnello della Gestapo  Herbert Kappler fuggì dall’Ospedale militare Celio di Roma, attraversò mezza Italia su una Fiat 132 rossa senza che nessuno se ne accorgesse, e se ne tornò tranquillamente in Germania. In Italia, dunque, tutto può succedere la vigilia delle ferie.
Oggi infatti, venerdì 12 agosto, mentre gli italiani staccano la spina per ferragosto l’Ansa ci informa che la manovra anticrisi che sta per varare il governo cancellerebbe 38 province sotto i 300mila abitanti e un numero imprecisato di piccoli comuni sotto i mille abitanti, di cui 18 in provincia di Belluno.
Ovviamente i presidenti di provincia e i sindaci che verrebbero decapitati dalla norma sono già insorti nella rete.
Ma cosa succederebbe se il blitz di ferragosto 2011 andasse veramente in porto? Sicuramente salterebbero un bel po’ di poltrone. Con il conseguente risparmio di denaro pubblico. Certo ci sarà chi si straccerà le vesti dicendo, nel nostro caso che la montagna non sarà più rappresentata (perché, finora lo è stata?), saremmo governati da Treviso e Vicenza che fagociteranno i nostri territori. Ma in un mondo globale la questione potrebbe essere davvero irrilevante. Tutto fa pensare, anzi, che la categoria di lavoratori più preoccupata da siffatta circostanza sia proprio quella dei politici. Vi ricordate cosa successe quando il referendum popolare del ’93 abolì il ministero dell’Agricoltura e delle Foreste e del Turismo? Cambiarono nome e ritornarono in vita. Nel ’93 Ciampi istituì il ministero per il Coordinamento delle politiche agricole, che poi diventò ministero delle Risorse agricole, alimentari e forestali e poi con D’Alema ministero delle politiche agricole e forestali. Il ministero del Turismo cambiò pelle e diventò Dipartimento nel 2006 con Prodi, retto da un ministro senza portafoglio.  Oggi, a fronte della volontà popolare che abolì tali ministeri, infatti, abbiamo Galan ministro dell’Agricoltura e la Brambilla ministro del Turismo.
D’accordo, obietterà qualcuno, ma questa volta non è la volontà popolare (che può essere tranquillamente calpestata in questo Stato), ma sono loro, i grossi papaveri che anziché tagliare loro stessi, tagliano a partire dal basso, dai piccoli comuni e le piccole province.
Non sappiamo se questa rimarrà una delle tante boutade a cui il maleodorante governo Berlusconi oramai ci ha abituato. Certo è, che se dovesse andare veramente in porto dovremmo prepararci ad assistere a un repentino cambio di cartelli e targhe. All’ingresso di Palazzo Piloni, sede della Provincia di Belluno, ad esempio, potremmo vedere prossimamente “Provincia di Treviso, Dipartimento di Belluno”. Tutto come prima, insomma, tranne il consiglio provinciale la giunta e il suo presidente che non ci sarebbero più. Un’eventualità, che per l’uomo che cammina per la strada, non sarebbe percepita sicuramente come una grave sciagura.
Ovviamente il piccolo esercito di politici locali non se ne starà con le mani in mano ad attendere la propria morte.  Ipotizzeranno scenari funesti per Belluno in conseguenza della “manovra tagliateste”. Scenderanno in campo i professionisti della montagna, gli autonomisti, i referendari. Tutti a proporre la loro ricetta. Maggioranza ed opposizione a braccetto, invocando i diritti dei popoli, l’autodeterminazione, la legge naturale, soprannaturale, la Costituzione, Dio, Patria e famiglia. Vedremo insomma il luccichio di lance, spade e forconi. Politica, antipolitica, profeti e falsi profeti in campo. Con Treviso, mai! Tutti con Trento. No, tutti con Bolzano. Peggio di così, ditemi voi…
Roberto De Nart

Ecco l’elenco seguito dal numero degli abitanti:
Aosta 128.230
Ascoli Piceno: 214.068
Asti: 221.687
Belluno: 213.474
Benevento: 287.874
Biella: 185.768
Caltanissetta: 271.729
Campobasso: 231.086
Carbonia-Iglesias: 129.840
Crotone: 174.605
Enna:172.485
Fermo:177.914
Gorizia:142.407
Grosseto:228.157
Imperia:222.648
Isernia:88.694
La Spezia:223.516
Lodi:227.655
Massa Carrara: 203.901
Matera:203.726
Medio Campidano:102.409
Nuoro:160.677
Ogliastra:57.965
Olbia Tempio: 157.859
Oristano: 166.244
Piacenza 289.875
Pistoia: 293.061
Prato: 249.775
Rieti: 160.467
Rovigo: 247.884
Savona: 287.906
Siena: 272.638
Sondrio: 183.169
Terni: 234.665
Trieste: 236.556
Verbano-Cusio-Ossola: 163.247
Vercelli: 179.562
Vibo Valentia: 166.560

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...

Furti di monili d’oro in casa. Giovedì sera a Limana e venerdì sera a Mel

Borgo Valbelluna, 24 ottobre 2020  -  Due furti in appartamento sono avvenuti nella tarda serata di ieri. Uno in quartiere Europa e l'altro in...

Passaggi a livello desueti. L’interrogazione del consigliere Stella

Nel territorio del Comune di Belluno vi sono 5 passaggi a livello (1 a Safforze, 2 a Fiammoi, 1 a Sargnano, 1 a San...
Share