13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Lega stampella di Roma. Perché non ritorna a parlare alla gente? ...

Lega stampella di Roma. Perché non ritorna a parlare alla gente? * intervento dei Radicali Belluno

La politica italiana è “provinciale”. E prova del fatto sono le scuse e le accuse per i troppi tagli al territorio bellunese in arrivo da Roma, da parte di autorevoli esponenti leghisti che rappresentano la stampella con la quale si regge il governo centrale. Prova ne è anche il disegno di legge a prima firma Lussana (Lega Nord) svuotato del suo primo intento condivisibile, di vietare il ricorso al giudizio abbreviato per i reati punibili col carcere a vita e trasformato (da Mugnai PDL) nell’ennesima legge ad personam per il primo ministro, sul quale non solo la Lega ha taciuto ma ha votato con fiducia. Il solito doppio gioco leghista che cavalca contraddittoriamente ora la xenofobia, poi Roma ladrona, a volte l’opposizione e financo il giustizialismo (ma non per tutti) per tenere con le unghie il suo elettorato.
Secondo noi i cittadini bellunesi vorrebbero sentire parlare di progetti e non lamentele per la scarsità di soldi. Un cittadino normale si scontra con la sanità inefficiente, con gli ospedali di montagna carenti, con le strade piene di buchi, con la burocrazia lenta, con carte inutili; in casa ha anziani a cui badare, farmaci da comperare, problemi con le amministrazioni, bambini da mandare a scuola dove manca la carta igienica; i giovani cercano lavoro, svago, si muovono in un territorio vasto senza mezzi pubblici, usano internet e cabernet allo stesso modo, non si sposano più, convivono in attesa di un futuro migliore, a volte hanno figli, a volte qualcuno ricorre all’aborto, nella maggior parte dei casi nessuno li capisce. I cittadini non hanno più risposte concrete, banali e semplici alla quotidianità. Le famiglie si rinchiudono in se stesse, i problemi si risolvono in casa, spesso violentemente. E in carcere a Baldenich a volte si può anche morire.
Perché la Lega Nord non ritorna ad essere una forza politica che parla alla gente per risolvere i problemi di tutti i giorni? Perché non rigetta fermamente il sistema della casta politica e smette di alimentarlo e di alimentare l’antipolitica? Perché non diventa una vera forza socialista e liberale, come era nei primi anni novanta, che difende i diritti individuali della persona?

Giovanni Patriarca, Claudio Michelazzi
Radicali Belluno

Share
- Advertisment -


Popolari

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...
Share