13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 27, 2020
Home Cronaca/Politica Il Centrodestra protesta contro se stesso: Bond occupa il ponte di Bribano...

Il Centrodestra protesta contro se stesso: Bond occupa il ponte di Bribano con sindaci e amminsitratori “L’Anas cominci i lavori o sarà la rivoluzione”

Dario Bond ha occupato il ponte di Bribano, quello che a tutti gli effetti può essere considerato il “ponte dei sospiri” bellunese. Lo ha fatto questa mattina accanto ai sindaci di Santa Giustina e Sedico, al presidente della Comunità montana Valbelluna e a un nutrito gruppo di consiglieri e cittadini, tutti esasperati per i ritardi dell’Anas.
In ballo c’è l’allargamento della struttura ma per il momento – nonostante l’opera sia finanziata e già appaltata – non si muove foglia. “Con questa protesta vogliamo lanciare un messaggio forte all’Anas. I patti devono essere rispettati, basta con le prese in giro”, hanno detto quasi all’unisono il capogruppo del Pdl Bond, i sindaci Giovanni Piccoli e Ennio Vigne (rispettivamente primi cittadini di Sedico e Santa Giustina) e il presidente della Cm Roberto Maraga.
“Dopo anni di tira e molla, i lavori sul ponte dovevano cominciare già qualche settimana fa, ma l’Anas sta tergiversando”, afferma Bond, reduce da una serie di telefonate a Roma con i vertici dell’azienda strade: “Ho provato a contattare più e più volte il condirettore generale tecnico dell’Anas Gavino Corazza ma – nonostante la gentilezza delle sue segretarie – non l’ho mai trovato”.
“Siamo al paradosso”, afferma Bond, “l’opera è finanziata, i soldi ci sono così come la ditta pronta a cominciare i lavori. Ho il timore che i soldi siano stati dirottati su qualche altra opera magari in un’altra regione”.
“Volevamo dare un segnale di compattezza, ormai la pazienza è finita”, affermano, dal canto loro, i sindaci Vigne e Piccoli. “Se non si parte, la prossima volta organizzeremo un’azione ancora più eclatante”.
I due sindaci hanno sensibilizzato gli automobilisti dell’ora di punta, molti dei quali hanno appoggiato la protesta senza batter ciglio. E questo, nonostante i leggeri disagi al traffico.
Oltre ad alcuni volantini sono stati affissi anche dei cartelloni con su scritto “Ponte di Bribano – basta ciacole”. “Appunto”, dice Bond, “basta ciacole. E’ da decenni che i bellunesi attendono una soluzione. Questo ponte è davvero uno dei punti più neri della viabilità provinciale e lasciarlo in queste condizioni significa non avere rispetto per nessuno. Il ponte di Bribano è innanzittutto una questione di sicurezza”.
Era stato lo stesso Bond nel dicembre scorso a sbloccare la partita finanziaria attorno al ponte, facendo in modo che il Governo liquidasse la somma necessaria per eseguire i lavori: “Sono sconcertato. Che fine hanno fatto quei soldi? Forse non si è capito che qui siamo pronti alla rivoluzione”. Se non lo sa Bond che è consigliere regionale della coalizione che guida Provincia, Regione e governo centrale… c’è davvero da preoccuparsi!

Share
- Advertisment -


Popolari

Tre furti in appartamento. Due a Borgo Valbelluna e uno a Pedavena

Sono tre i furti in appartamento denunciati tra ieri e oggi: due sono avvenuti nel Comune di Borgo Valbelluna nel quartiere Salvo d'Acquisto dove...

Concorso per geometra e per vigile al Comune di Pedavena

È indetto un concorso pubblico per l'assunzione a tempo indeterminato e pieno di un istruttore tecnico categoria C1 presso l’Area Tecnica del Comune di...

In corso di attivazione l’ospedale di Comunità di Agordo

Al via l’attivazione di un “Ospedale di Comunità” all’interno del presidio di Agordo. L’Ulss Dolomiti sta predisponendo in questi giorni il nuovo piano di emergenza...

Annullata l’ex tempore di scultura su legno

Annullata l'Ex Tempore di scultura su legno. Il Consorzio Belluno Centro Storico, preso atto dei cambiamenti dell'ultima settimana relativi all'emergenza sanitaria, fa sapere di...
Share