13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Cronaca/Politica Bond: "via libera al finanziamento in Comelico per la strada di Bus...

Bond: “via libera al finanziamento in Comelico per la strada di Bus de Val”

Dario Bond

La giunta regionale ha approvato l’accordo di programma riguardante il consolidamento dei due ponti bellici sulla strada statale Carnica. Ed ha messo a disposizione i 200mila euro necessari per la sistemazione della strada di Bus de Val in Sinistra Piave.
“Si tratta di una soluzione adottata a tempo di record, per questo ringrazio l’assessore Renato Chisso”, afferma Bond (Pdl). “Mettere a posto la strada di Bus de Val, rendendola percorribile ai mezzi di soccorso, è un segnale di attenzione verso il Comelico e la sua gente. Il prossimo passo sarà trasformarla in una bretella permanente aperta al traffico comune, magari a senso unico”. 
La bretella sarà “operativa” nei giorni della chiusura totale al traffico della Carnica tra il 13 giugno e il 3 luglio. “L’impegno che Anas si è assunta davanti alla Regione è quello di terminare i lavori in tempi brevi prima cioè dell’inizio della stagione turistica”, riferisce Bond. “Noi vigileremo”.
“Il Comelico merita tutta la nostra attenzione”, afferma, dal canto suo, l’assessore regionale Renato Chisso, che ieri ha portato la delibera in giunta: “E’ nostra intenzione andare avanti con l’ammodernamento delle strade dell’intero comprensorio, agevolando i contatti con i territori confinanti e con l’Austria”.
E qui si inserisce l’impegno assunto un mese fa da Anas e Regione proprio davanti ai sindaci del Comelico: quello di inserire nel piano triennale dell’azienda strade la costruzione di un tunnel proprio dove oggi sorgono i due ponti oggetto dell’intervento. “Anche qui il nostro impegno sarà massimo”, assicurano Bond e Chisso.
L’articolo 2 dell’accordo di programma spiega nel dettaglio gli interventi in corso riguardanti il consolidamento dei due ponti. Sintetizzando, i lavori consistono nella realizzazione di un nuovo impalcato con larghezza totale di 8,2 metri (due corsie da 3,5 metri più due cordoli da 0,60 metri). Le strutture portanti, a loro volta, saranno posizionate all’interno delle travi reticolari esistenti.
L’articolo 4 afferma infine che il costo complessivo dell’opera è stimato in un milione e 660 mila euro, cui vanno aggiunti i duecentomila euro messi a disposizione dalla Regione per la strada di Bus de Val.

Share
- Advertisment -


Popolari

Elisoccorso. Azienda Zero vince il ricorso al Tar, Elifriulia condannata al pagamento delle spese processuali

Con sentenza n.102 pubblicata il 13 ottobre 2020 il Tribunale amministrativo regionale del Veneto ha respinto per inammissibilità e per infondatezza il ricorso promosso...

Emergenza Covid, le direttive della Prefettura

Si è tenuta ieri 19 ottobre 2020, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana...

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...
Share