13.9 C
Belluno
giovedì, Ottobre 1, 2020
Home Prima Pagina Certificazioni di invalidità: valgono solo quelle rilasciate dalle strutture pubbliche

Certificazioni di invalidità: valgono solo quelle rilasciate dalle strutture pubbliche

Attenzione a dove fate le visite specialistiche per FM (Fibromialgia), CFS (Sindrome da Stanchezza cronica) e MCS (Sindrome da chimica multipla). Il certificato di diagnosi vi sarà utile per la richiesta di invalidità. L’appello arriva da Rosita Romor, presidente nazionale dell’Anfisc-Onlus, Associazione Nazionale Fibromialgia e Sindrome da Fatica Cronica. “Contattando le Presidenze delle Commissioni Invalidità civile di prima istanza – spiega Rosita Romor –  queste mi parlano di un numero elevato di diagnosi per le patologie, FM e CFS. E d’altro canto – afferma sempre la Presidente Anfisc –  molti pazienti che si lamentano come molte delle certificazioni presentate non vengano prese nella giusta considerazione dalle commissioni”. Un problema che si pone con una certa frequenza, sottolinea Rosita Romor. “Credo che la questione stia principalmente nella scelta della struttura dove viene eseguita la visita per ottenere poi la certificazione utile all’ottenimento dell’invalidità civile. Voglio qui ricordare che per avere un certificato valido ai fini legali occorre recarsi presso le strutture pubbliche. Molti pazienti, invece, stando a quanto essi stessi mi hanno raccontato, si affidano a strutture private, magari per velocizzare i tempi delle visite. Ma – dice Rosita Romor – sono le strutture pubbliche, presso le Ulss, chiamate a fornire la corretta documentazione, valida ai fini legali”. Il consiglio dell’Anfisc è quindi di rivolgersi proprio presso queste strutture. “Esiste, poi, un problema di scarsa conoscenza delle patologie – dice la presidente Romor – e per questo ho preso contatti con le commissioni per l’invalidità, con l’Inps e con i medici per una corretta informazione sulle patologie e far conoscere loro le linee guida Canadesi dove le tre patologie in questione sono riconosciute dall’Organizzazione mondiale della sanità”. Per la presidente serve anche una maggior conoscenza tra la popolazione. “Prossimamente l’Anfisc organizzerà degli incontri per dare le giuste informazioni circa le tre  patologie e su quanto l’Associazione ha fatto e sta facendo sul territorio nazionale”. Per avere utili ragguagli è comunque possibile visitare il sito www.anfisc.it.

Share
- Advertisment -



Popolari

Spettacolare salvataggio di una mucca gravida con l’elicottero Drago 71 dei Vigili del Fuoco

Nel primo pomeriggio di oggi, mercoledì 30 settembre, i vigili del fuoco sono intervenuti con l’elicottero Drago 71 sul Monte Tomatico a circa 900...

Nevegal. Apriranno gli impianti sciistici? L’appello del presidente Associazione proprietari

Il presidente dell’Associazione Proprietari Nevegal, Daniele Ciani, esprime viva preoccupazione per le recenti notizie di una possibile chiusura della seggiovia per la imminente stagione...

Sicurezza, frazioni, scuole: Ponte nelle Alpi guarda al futuro con il Dup

Il Comune di Ponte nelle Alpi pianifica il futuro. E lo fa attraverso il Dup, Documento Unico di Programmazione 2021-2023, che proprio oggi viene...

Super Ecobonus e lotta all’inquinamento: riapre lo Sportello PubblichEnergie a Ponte nelle Alpi

Il tema del risparmio energetico è diventato centrale nella quotidianità di un gran numero di persone. Anche a Ponte nelle Alpi. E così, dopo...
Share