13.9 C
Belluno
lunedì, Febbraio 6, 2023
Home Lettere Opinioni Assegnazione della legna da ardere e usi civici: le precisazioni di De...

Assegnazione della legna da ardere e usi civici: le precisazioni di De Moliner

Invito l’Assessore  Martire a leggere attentamente  i due regolamenti   approvati  dal Consiglio Comunale per la gestione del territorio boschivo, l’uno titolato  “Regolamento per la gestione delle proprietà boschive Comunali e l’altro “Schema di regolamento per  l’esercizio degli usi civici”. Che disciplinano  Usi Civici e proprietà boschive.  All’articolo 4, in particolare, Regime Giuridico, comma 4: “ L’esercizio dell’Uso Civico è per principio gratuito; salvo quanto previsto dall’art. 46 del Regio Decreto del 1928 n. 332 che prevede la possibilità per il Comune, se ha sostenuto delle spese, a chiedere  un corrispettivo per l’esercizio degli usi consentiti. Ma non far pagare la legna al quintale!  Nel regolamento delle proprietà boschive all’art.1 comma 4 c’è scritto: “il presente regolamento si applica in toto alle proprietà boschive comunali non gravate da uso civico” e negli articoli successivi si regolamenta  anche la  vendita, il cui prezzo è fissato dalla Giunta  sulla base del valore commerciale,  che sinceramente quello applicato, viste le difficoltà dei luoghi, esclusi ovviamente quelli sugli Usi Civici. Perché, visto l’artico 4 del relativo regolamento, non si devono pagare. Il Comune, vista la vastità della proprietà  boschiva, dovrebbe incentivare ulteriormente il taglio nelle proprietà comunali, esclusi gli Usi Civici, attraverso prezzi più interessanti del valore commerciale, tralasciando le vicissitudini di bilancio, riconoscendo ai cittadini il valore ambientale dell’intervento. Perché è inutile lamentarsi che il bosco avanza, se poi indirettamente limitiamo il taglio con prezzi e quantità. Il taglio del bosco, insomma, deve essere riconosciuto quale intervento ambientale in quanto migliora il territorio , ed in quest’ottica è  necessario ripensare il metodo di assegnazione di quest’anno,  applicando i rispettivi regolamenti  senza mettere tanti paletti, se non quelli strettamente necessari, avendo l’avvertenza  di non creare  cittadini di serie A e di serie B.
Roberto De Moliner – Consigliere Comunale Gruppo L’ULIVO-P.D .

Share
- Advertisment -

Popolari

Tecnologie, legalità e responsabilità educative: il ruolo della scuola e delle famiglie. Roberta Gallego venerdì alle 20 Palestra di Lentiai

Borgo Valbelluna: la vice Procuratore Roberta Gallego parlerà a genitori e cittadini di legalità Tecnologie, legalità, responsabilità educative: la situazione nel territorio e il ruolo...

Inaugurata Casa Sanremo, le Dolomiti Bellunesi iniziano con Amadeus la settimana di Festival

Da domani inizia la programmazione giornaliera, ospiti d'eccezione Loris Capirossi e Nicole Mazzocato Sanremo 5 febbraio 2023 -  Taglio del nastro con Amadeus. È stato...

Pallavolo Belluno. Da Rold Logistics abbonata al tie-break, ma l’epilogo sorride alla Geetit

DA ROLD LOGISTICS BELLUNO-GEETIT BOLOGNA 2-3 PARZIALI: 21-25, 25-22, 19-25, 25-21, 12-15. DA ROLD LOGISTICS BELLUNO: Maccabruni 3, Novello 10, Saibene 10, Graziani 17, Mozzato 12,...

De Bortoli (Azione Belluno) sull’autonomia: ma i bellunesi non sono ancora stanchi di proclami?

Lascia trasparire un certo disincanto il segretario provinciale di Azione dopo aver letto i toni entusiastici con cui è stato accolto sul territorio bellunese...
Share