13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 26, 2021
Home Cronaca/Politica Irma Visalli: Il gioco delle parti sulla vicenda sede Unesco è...

Irma Visalli: Il gioco delle parti sulla vicenda sede Unesco è semplicemente vergognoso”

“Vergognoso  in termini politici perché tutto interno ad una maggioranza che manifesta palesemente di non evere né linea politica nè un progetto. Parlano  sconfessandosi a vicenda  , facendo governo  ed opposizione insieme. Giochino che la Lega fa ovunque, dal livello nazionale a quello locale. Basta pensare a quanto dicono di Roma ladrona o della politica centralistica, occupando contemporaneamente tutte le sedie del potere più centralistico che c’è , sia a Roma sia a Venezia. Ma tanto poi basta una bella magnata di polenta e coda alla vaccinare per risolvere i dissidi!  .  Le dichiarazioni di Bottaccin sono  testimonianza di tutto ciò: dichiara egli stesso  che la decisione della sede Unesco  a Villa Patt è stata presa  in giunta ma anche due suoi assessori ,oltre a tanti  consiglieri  del PDL e della Lega, sono firmatari  della protesta . Contro se stessi.  Ma che fanno? Governano la provincia  o giocano a tamburello ? Vergognoso anche la questione di merito .  E’ un anno e mezzo che il progetto Unesco sta fermo al palo per queste ridicole dispute. Senza fare le cose concrete ed utili agli operatori e al territorio , si accendono micce che , anziché produrre coesione e unità ,  stanno lacerando la provincia . Il tema  “sede” è  solo l’emblema dell’inefficienza e dell’incapacità! Enfatizzato già da Toscani quando, inviando a tutti i sindaci la richiesta  a “candidarsi” con tanto di mappe e metri quadri a disposizione,  si riempì la bocca della grande” concertazione” con i Comuni.  Pur sapendo che  questo è un problema di lana caprina ma che , senza criteri e un ‘idea di base, avrebbe solo causato “guerra”.
Ma forse il problema  è un altro. La provincia  sa cosa deve fare la sede? E i comuni  ne sono stati informati ? Cosa vi succederà dentro oltre il suo simbolismo? Tale è l’ignoranza sull’argomento che il nostro Sindaco Prade addirittura dice che tra tre anni la sede va dismessa. Ma chi gliel’ha detto?.
E non è  meglio che al momento si lavori negli uffici provinciali e poi, una volta capito “qual cosina” di cosa si deve fare, pensare a dove farlo?
Da due mesi la Fondazione dovrebbe essere operativa, e dovrebbe aver iniziato a lavorare per le cose che nel 2011 verranno  verificate dall’ Unesco per restare nel Patrimonio. Qualcuno  si ricorda che  si devono attivare progetti in rete  con le altre Province e avviare ben NOVE piani di gestione sui luoghi Unesco?
E’ triste, deludente e preoccupante che il Patrimonio Dolomiti Unesco si riduca a questo!
Irma Visalli
Consigliere provinciale del Partito Democratico

Share
- Advertisment -

Popolari

Cortina festeggia i 65 anni dalle Olimpiadi invernali del ’56, e guarda al futuro

Cortina d'Ampezzo festeggia sessantacinque anni dalla cerimonia di apertura dei suoi primi Giochi Olimpici Invernali. E celebrando il passato, la Regina delle Dolomiti si...

Ulss Dolomiti. Rinnovati gli incarichi ai medici USCA fino al 31 dicembre 2021 e assegnati ulteriori due incarichi

Belluno, 25 gennaio 2021 - Oggi sono stati rinnovati gli incarichi ai medici operativi nelle tre USCA (Unità Speciali Continuità Assistenziali) di Belluno, Cadore...

Giorno della Memoria: il Comune di Feltre propone un incontro online mercoledì con il professor Gabrio Forti

“La disumanità della distanza in una lettura cinematografica dei processi di Norimberga”. E' questo il titolo dell'incontro online con il professor Gabrio Forti che...

Ponte nelle Alpi, consolidato il versante franoso della strada della Val Medone. Vendramini: ora è a prova di sicurezza

"Più sicura e più fruibile. L'Unione Montana Bellunese ha rimesso a nuovo la strada vicinale della Val Medone. Ovvero, dell'unica via di accesso alle...
Share