13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 22, 2024
HomeCronaca/PoliticaDigitale terrestre, comincia la raccolta dati. Palazzo Piloni farà da collettore per...

Digitale terrestre, comincia la raccolta dati. Palazzo Piloni farà da collettore per i Comuni e le Comunità montane del Bellunese

Riunione questa mattina a Palazzo Piloni fra la Provincia di Belluno, la Regione Veneto, i Comuni e le Comunità montane, e un rappresentante del Ministero allo Sviluppo Economico (dipartimento per le Comunicazioni). Tema dell’incontro il passaggio al digitale terrestre, previsto a cominciare dal prossimo 27 novembre 2010. Mancano ancora due mesi allo switch-off che muterà le frequenze della televisione da analogiche a digitali. Questo cambiamento comporta un intervento alle strutture di ricezione e di diffusione del segnale televisivo e la Regione Veneto, su invito del Ministero di riferimento, si è mossa per avere il quadro completo della situazione su tutte le sette province. Per quanto concerne la realtà bellunese, ora si rende necessaria una raccolta di tutti i dati in grado di fornire una mappatura completa di quali siano i tralicci e gli impianti utilizzati per la ripetizione del segnale, chi siano i proprietari di questi stessi impianti e quali frequenze trasmettano (private, pubbliche, nazionali, locali). A raccogliere le informazioni sarà Palazzo Piloni, che metterà insieme quanto fornito da Comuni e Comunità Montane, e poi invierà a Venezia il resoconto che servirà per fare un confronto con i dati in possesso del Ministero, al fine di procedere alle azioni utili a coprire l’intero territorio con il segnale della televisione nazionale pubblica (Rai). Per qualsiasi informazione, per gli utenti finali del servizio, è già possibile contattare il numero verde attivato dal Ministero delle Comunicazioni: 800 022 000 (da lunedì al sabato, escluso i giorni festivi, dalle ore 8,00 alle ore 20,00).

- Advertisment -

Popolari