13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 14, 2021
Home Cronaca/Politica Angelo Paganin ritorna “gasato” da Losanna. Chi glielo dice che ci vogliono...

Angelo Paganin ritorna “gasato” da Losanna. Chi glielo dice che ci vogliono 40 milioni di euro per realizzare quel progetto faraonico in Nevegal? Per ora il Comune ne ha spesi 55mila per acquistare il pacchettino Know how dagli svizzeri

Luigi Roccon
Luigi Roccon

“Siamo tutti gasatissimi” – ha detto Angelo Paganin al suo rientro in Italia dalla Svizzera. “Abbiamo visto e toccato con mano la Scuola di Losanna e devo dire che l’incontro è stato molto positivo. In due giorni abbiamo potuto vedere cosa riesce a fare una Scuola, sul tema della ospitalità, con 150 anni di storia alle spalle. Sono certo che tutte le persone del gruppo – Giovanni Valle, Walter De Cassan, “Orso Grigio”, Paolo Costa, Renzo Minella, Emilio Dalle Mule e Vito Olivier – oggi hanno abbondanza di elementi per  farsi una loro idea su questo nostro progetto. Per quanto mi riguarda, ho avuto la conferma che si tratta di una realtà di eccellenza, quello che serve al nostro Colle. É una scuola che per rigore e stile si avvicina a quella che noi chiameremmo un’Accademia. Ecco, Accademia mi piacerebbe davvero molto come nome: identifica benissimo quello che noi vorremmo fare, in termini di qualità, sul Nevegàl”.  “Si tratta di un progetto faraonico per realizzare una scuola superiore alberghiera in Nevegal – spiega il consigliere di opposizione Luigi Roccon (Alternativa civica per Belluno) che diventerà la succursale dell’Ecole Hotelière di Losanna (Svizzera). Nel  2011 sono previsti 15 allievi. Costo del progetto: 40 milioni di euro! Chi paga? Nelle intenzioni della giunta saranno gli investitori privati, le aziende bellunesi a farsi avanti. La società dell’Ecole Hotelière di Losanna fornisce solo il know how, ossia le conoscenze tecniche per far funzionare la scuola. Che nel 2011 partirebbe alle Torri (proprietà del Comune), per dare il tempo di ristrutturare l’Hotel Pineta (di proprietà del clero) con il costo previsto altri 2 milioni e mezzo di euro. Nell’attesa della costruzione della sede definitiva del campus che costa la bellezza di 40 milioni di euro. Il Comune ha già speso 55mila euro per acquistare il know out dalla società svizzera, i cui rappresentanti sono stati ospitati a spese del Comune per un paio di settimane nel prestigioso Hotel Carpenada. In cambio la delegazione bellunese ha pagato 228 euro a testa per 2 giorni. Se questo è il biglietto da visita!!!”

Share
- Advertisment -

Popolari

Belluno. Mappa delle asfaltature dal 19 maggio al 30 luglio

Per consentire i lavori di fresatura e asfaltatura per il ripristino del manto stradale in alcune vie, nel periodo dal 19 maggio al 30...

104mo Giro d’Italia. Il 19 maggio la diretta della presentazione della tappa dolomitica del 24 maggio

Il 19 maggio alle ore 11 avrà luogo nella Sala Consiliare del Comune di Cortina, in Corso Italia n. 33 la presentazione della tappa...

Divide et impera. Terna ci riprova trattando separatamente con i singoli Comuni

Terna pare aver fatto sua la strategia di Giulio Cesare, "Divide et impera" e riprende la trattativa separata con i singoli Comuni. Alcuni dei...

Sfregiati gli affreschi del rustico di Villa Patt a Sedico. Cibien: “Sporgeremo denuncia”

Brutta sorpresa per i tecnici della Provincia di Belluno. Nei giorni scorsi un sopralluogo a Villa Patt (a Sedico) ha fatto scoprire una serie...
Share