13.9 C
Belluno
lunedì, Gennaio 25, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Teatro per l'infanzia: Ernesto Roditore guardiano di parole

Teatro per l’infanzia: Ernesto Roditore guardiano di parole

Proseguono gli appuntamenti teatrali dedicati alle scuole della 17ma edizione della Stagione di Teatro per l’Infanzia e la Gioventù Comincio dai 3 organizzata da Tib Teatro, per la direzione artistica di Daniela Nicosia, con Comune di Belluno, Fondazione Teatri delle Dolomiti, Provincia di Belluno, Regione del Veneto, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Miur-Ufficio Scolastico Provinciale di Belluno, Agiscuola e AICS-Comitato Provinciale di Belluno. Per l’asse tematico il valore delle parole nel processo di sviluppo del linguaggio e della comunicazione, da mercoledì 3 a sabato 6 febbraio (con platee tutte esaurite e repliche aggiunte per soddisfare le numerose richieste giunte dalle scuole) Guido Castiglia vestirà, per le scuole dell’infanzia e primo ciclo delle primarie, i panni di Topo Ernesto, un roditore guardiano di parole  che, per salvare i libri da una fredda archiviazione informatica, decide di mangiarli tutti per poterli raccontare ancora. La drammaturgia dello spettacolo, che è una produzione Nonsoloteatro realizzata in collaborazione con il Centro Studi Teatro Ragazzi “Gian Renzo Morteo”, è incentrata sul piacere del leggere, ed il protagonista Ernesto si erge quale paladino della parola scritta, delle parole d’inchiostro nero su carta ingiallita, in pericolo perché da fuori vogliono zipparle tutte queste parole sagge, buffe o tenere come una carezza, e archiviarle in un grande computer centrale e distruggere tutta quella carta ingombrante. Tra troni di paglia ed eroi panettieri, ragni architetti e ombrelli di parole, si susseguono buffi personaggi e risate a crepapelle. Con un diluvio di parole e una presenza scenica vulcanica e divertentissima, Ernesto racconta ai bambini il valore dei libri e della lettura. Il personaggio è portatore giocoso delle dinamiche teatrali offerte dalla grammatica della fantasia dove la ferrea logica infantile giustifica le situazioni più surreali e diviene poetica del personaggio. Il signor Ernesto Roditore è una sintesi sedimentata di una lunga esperienza sul campo, dove messaggio, riferimento alla realtà infantile, giocosità e leggerezza sono gli elementi base della dinamica centripeta dell’elaborazione teatrale. Infatti, l’articolato percorso di stimolo alla lettura, svolto dalla Compagnia Nonsoloteatro in questi anni, ha incontrato l’esigenza del Centro Studi Teatro Ragazzi Gian Renzo Morteo di creare uno spettacolo per invitare i bambini alla lettura.
Le tecniche di improvvisazione hanno dato gambe e concretezza scenica al testo, facendo nascere uno studio teatrale “testato” con diversi gruppi di bambini che ha permesso di instaurare con essi un rapporto di interscambio inventivo, stimolo rivelatosi di fondamentale importanza per l’allestimento teatrale vero e proprio. Fondamentale anche la collaborazione di Alberto Zoina (della Compagnia Tiriteri di Vicchio Firenze), che ha creato le musiche originali e la realizzazione di una scenografia che nasce dall’immagine surreale di un personaggio poetico che vive in un mondo fantastico, dove è possibile mangiare libri per salvarli dalla distruzione, dove una radio può vivere di vita propria, dove una lavagna non è altro che un grande mulino metallico composto da petali astratti e un ombrello alla “Calder” è la culla per far dormire le parole. A completare la messinscena i costumi sono di Gianpiero Capitani, gli oggetti scenici di Franco da Tregnago e il disegno luci di Dana Forte. Lo spettacolo, scritto e interpretato da Guido Castiglia, si è aggiudicato nel 2004 il Premio ETI-Ente Teatrale Italiano “Stregagatto-Visioni d’Infanzia” quale Miglior Spettacolo per l’Infanzia e il Premio della Critica al Festival di Teatro per le Nuove Generazioni “Il Gioco del Teatro”. Quest’ultimo con la seguente motivazione: Lo spettacolo è apprezzabile per la scrittura del testo in perfetto equilibrio tra semplicità ed immediatezza comunicativa da una parte, e livello alto del linguaggio dall’altra. L’intento didattico non è puramente didascalico, ma crea un’atmosfera di profonda suggestione grazie anche alle capacità affabulatorie dell’interprete-autore Guido Castiglia che sa essere misurato e attento ai ritmi scenici. Si ricorda domenica 7 febbraio l’ultimo appuntamento delle Domeniche a Teatro con una chiusura d’eccezione, La storia di Hansel e Gretel (inizio spettacolo ore 17:00), di Crest, in cui i due protagonisti grazie alle risorse proprie dell’infanzia, quali la fantasia e l’intelligente, istintiva creatività, riusciranno a sconfiggere le insidie nella foresta che attraversa la vita e che è necessario attraversare per diventare adulti. Info e prenotazioni 0437-950555

Share
- Advertisment -

Popolari

Incidente all’ambulanza del Suem

Ponte nelle Alpi, 24 gennaio 2021 - Alle 9:30 di questa mattina i vigili del fuoco sono intervenuti lungo la SS 51 in via...

Ricognizione sul territorio. Padrin: «Il problema maggiore riguarda le risorse; le nevicate hanno esaurito i budget dei Comuni montani»

Dopo l'ultimo episodio di maltempo, la Provincia ha voluto capire quale fosse la situazione sul territorio. Soprattutto in montagna, dove sono caduti dai 30...

Una task force di medici e amici del Rotary per sconfiggere il Covid-19

Sono oltre un centinaio i soci del Rotary del Triveneto, medici e non solo, che hanno aderito ad End Covid Now, offrendo la propria...

Covid, “zona Sudtirol”. Bond (FI): «Bolzano ancora una volta fa quello che vuole. Assurdo, soprattutto per i territori contermini»

«Il governo sa che oltre a rossa, arancione e gialla esiste anche la "zona Sudtirol"? E lo sa che a Bolzano fanno quello che...
Share