13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 18, 2020
Home Cronaca/Politica Nasce il “Sistema veneto delle badanti” per regolamentare la materia

Nasce il “Sistema veneto delle badanti” per regolamentare la materia

La Regione Veneto, prima in Italia, ha creato il “sistema veneto delle badanti”. In altre parole, vuol fare chiarezza nel ginepraio dell’intermediazione per la richiesta di queste lavoratrici e  lavoratori familiari. Con un recente decreto della Giunta sono stati istituiti il registro degli assistenti familiari e la rete degli sportelli di assistenza familiare. Così chi avrà bisogno di un aiuto a domicilio per accudire persone bisognose non si dovrà più basare sul passa parola o sul sentito dire per contattare l’assistente, ma rivolgersi ad enti qualificati.  «Nel mio ruolo di assessore regionale ai Flussi migratori  – esordisce soddisfatto De Bona – sono grato ai colleghi Stefano Valdegamberi (Politiche sociali) ed Elena Donazzan (Politiche della formazione) che hanno portato in giunta l’iniziativa. Attraverso questi strumenti, realizzati con la collaborazione di Veneto Lavoro, vengono messi in rete servizi in grado di offrire gratuitamente un supporto di qualità attraverso la selezione del personale e viene stimolata di conseguenza la crescita professionale delle badanti in possesso di requisiti specifici e capaci di intercettare i bisogni delle famiglie. Ma soprattutto si tratta di un’offerta trasparente per una corretta gestione del mercato del lavoro. Adesso non ci sono alibi per nessuno – sottolinea De Bona – perché questo provvedimento è un elemento di lotta in più al lavoro nero e all’immigrazione clandestina».   Nello specifico, va precisato che il “Registro pubblico regionale degli assistenti familiari” è lo strumento al quale iscriversi ed accedere all’iscrizione e per ottenere i dati nell’incrocio di domanda ed offerta; la “Rete di assistenza familiare” ha lo scopo di offrire servizi di assistenza, informazione e consulenza a favore delle famiglie e dei lavoratori.  «Come dicevo – continua l’assessore –  questi strumenti ci portano verso la regolarizzazione completa dei flussi d’immigrazione ed offriranno dati certi riguardo i lavoratori stranieri in Veneto, perché quelli di cui siamo in possesso attualmente non ci danno il quadro completo del fenomeno migratorio nella nostra regione». I dati forniti da Veneto Lavoro indicano che secondo l’Inps, nel 2007 (ultimo anno di disponibilità ufficiale dei dati), i lavoratori domestici stranieri in regione risultavano essere circa 38 mila (calcolati su quanti hanno versato almeno un contributo nel corso dell’anno). Secondo l’indagine sulle forze di lavoro prodotta dall’Istat, nel secondo trimestre 2009 i lavoratori domestici (media giornaliera) erano stimati sui 27mila. Riguardo le badanti, stando alla recente sanatoria, in Veneto sono state presentate in totale 23.954 domande, così ripartite: Verona 5.346; Padova 4.739; Venezia 4.601; Vicenza 4.313; Treviso 3.515; Rovigo 1.066; Belluno 374.

Share
- Advertisment -




Popolari

Contributi regionali per 6 milioni e mezzo per la valorizzazione delle destinazioni turistiche i

Venezia, 18 settembre 2020   “Le conseguenze del lungo periodo di lockdown ci hanno imposto la necessità di un rilancio complessivo e immediato dell’economia veneta...

Le mostre di Oltre le vette: 4 esposizioni, a Belluno dal 2 all’11 ottobre

Le mostre sui temi della montagna sono da sempre uno dei punti di forza della rassegna bellunese, occasione per il pubblico di ammirare opere...

Ulss Dolomiti. Avviso del Centro per l’affido per un minore del Centro Cadore

Il Centro per l'Affido e la Solidarietà Familiare dell'ULSS 1 Dolomiti – Distretto di Belluno cerca per un minore che frequenta la scuola primaria...

Sorveglianza al lago Sorapis. Il bilancio dei carabinieri forestali delle Stazioni di Cortina e Auronzo

La stagione estiva che sta volgendo al termine è stata segnata dalla pandemia legata Covid-19 ma nonostante questo, l’afflusso registrato nelle Dolomiti bellunesi, ha...
Share