13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 13, 2021
Home Cronaca/Politica Nasce il marchio veneto che certifica la “Qualità verificata” del prodotto

Nasce il marchio veneto che certifica la “Qualità verificata” del prodotto

Ecco il Marchio regionale “Qualità Verificata”, che certificherà ai consumatori la qualità delle produzioni venete rispondenti a precisi requisiti, definiti da disciplinari di produzione approvati dalla Giunta regionale del Veneto, pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione e controllati da organismi indipendenti. “Si tratta di fatto dell’ultimo passaggio per l’attivazione della Legge Regionale n. 12 del 2001 – ha sottolineato il vicepresidente Franco Manzato – con la quale il Veneto ha voluto tutelare e valorizzare le proprie produzioni agricole e agroalimentari ai più alti livelli. Siamo ormai alla fine di un percorso lungo e complesso, durante il quale abbiamo approvato già numerosi disciplinari per l’ortofrutta e il florovivaismo, con la collaborazione degli stessi produttori, e costruito un sistema accettato dall’Unione Europea e che potrà quindi usufruire dei finanziamenti comunitari”. “Abbiamo studiato un marchio semplice ma di grande efficacia comunicativa – ha aggiunto Manzato – identico graficamente per tutte le produzioni certificate ma di colore diverso a seconda che si tratti di prodotti ortofrutticoli (verde), carne (rosso), prodotti ittici (blu scuro) o prodotti lattiero caseari (azzurro)”. La Giunta veneta ha ora approvato il Manuale di Identità Visiva del Marchio, che appunto riproduce le caratteristiche ideografiche e cromatiche di “Qualità Verificata” e ne specifica le regole di utilizzo, e il Regolamento d’uso del marchio stesso, che definisce le condizioni generali per la concessione del marchio e le modalità d’uso, oltre alle sanzioni applicabili nei casi di violazioni. La Direzione Produzioni agroalimentari provvederà alla sottoscrizione della domanda di registrazione, al successivo deposito presso la Camera di Commercio competente per territorio e all’adozione degli atti conseguenti. Dopo di che i produttori potranno accedere al sistema di certificazione, attraverso un sistema web molto semplice in fase di messa a punto finale, e inizieranno ad arrivare sul mercato i prodotti così marchiati, per i quali il consumatore potrà avere la garanzia di qualità veneta rispondente a regole di alto profilo. “Tali prodotti, inoltre – ha concluso Manzato – potranno essere presentati sotto la copertura del “marchio ombrello”, cioè con il logo dell’ospitalità “Veneto. Tra la terra e il cielo”, con la stella colorata a sette punte affiancata dal Leone alato di San Marco”.

Share
- Advertisment -

Popolari

104mo Giro d’Italia. Il 19 maggio la diretta della presentazione della tappa dolomitica del 24 maggio

Il 19 maggio alle ore 11 avrà luogo nella Sala Consiliare del Comune di Cortina, in Corso Italia n. 33 la presentazione della tappa...

Divide et impera. Terna ci riprova trattando separatamente con i singoli Comuni

Terna pare aver fatto sua la strategia di Giulio Cesare, "Divide et impera" e riprende la trattativa separata con i singoli Comuni. Alcuni dei...

Sfregiati gli affreschi del rustico di Villa Patt a Sedico. Cibien: “Sporgeremo denuncia”

Brutta sorpresa per i tecnici della Provincia di Belluno. Nei giorni scorsi un sopralluogo a Villa Patt (a Sedico) ha fatto scoprire una serie...

DolomitiBus cerca autisti. Il supermercato Kanguro di Agordo cerca macellaio e la sede di Cortina addetto al reparto frutta, verdura, gastronomia

DolomitiBus cerca autista di autobus per il territorio Bellunese. Pronta disponibilità di mansione su Agordo. Oltre che della guida dei mezzi aziendali per il...
Share