13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 28, 2022
Home Prima Pagina Il volontariato bellunese: criticità, punti di forza, scenari evolutivi

Il volontariato bellunese: criticità, punti di forza, scenari evolutivi

Sabato 14 novembre un incontro-dibattito sull’indagine della Fondazione Roma che ha coinvolto 100 organizzazioni di volontariato della provincia di Belluno. “Il volontariato bellunese. Criticità, punti di forza, scenari evolutivi”. E’ il titolo dell’incontro-dibattito organizzato dal Comitato d’Intesa e dal Centro di servizio per il volontariato di Belluno per presentare i risultati di un’indagine svolta a partire dall’autunno 2008 dalla Fondazione Roma su 100 organizzazioni di volontariato della provincia di Belluno. A più di dodici anni dall’avvio delle proprie attività, il Centro di Servizio per il volontariato di Belluno ha ravvisato l’esigenza di focalizzare la propria attenzione sul fenomeno del volontariato locale, puntando ad assumere dati concreti e non solo percezioni. Per questo, nell’autunno dello scorso anno, il Csv di Belluno, in accordo con i Centri di Servizio per il volontariato delle province di Treviso, Venezia e Rovigo e la Fondazione Roma Terzo Settore (allora si chiamava Feo-Fivol), ha partecipato ad una ri­levazione che ha coinvolto 100 organizzazioni di volontariato per ciascuna delle quattro province interessate, per approfondire caratteristiche e dinamiche di funzionamento. In ogni provincia è stato individuato un campione “probabilistico” di associazioni, rispettoso quindi della loro distribuzione sul territorio provinciale e rappresentativo per settore di attività, dimensione, composizione interna e ap­partenenza o meno alle grandi reti del volontariato nazionale. La situazione del volontariato bellunese è stata per la prima volta confrontata con quella delle altre province venete, facendone scaturire le caratteristiche peculiari e distintive tenendo conto del contesto territoriale e del settore di attività. I dati emersi dall’indagine verranno presentati sabato 14 novembre alle 16 in sala Muccin del Centro Giovanni XXIII di Belluno da Renato Frisanco, ricercatore della Fondazione Roma, mentre il sociologo Diego Cason si soffermerà sul contesto locale in cui operano le organizzazioni di volontariato bellunesi. E’ anche previsto un dibattito, moderato da  Liliana Tomaselli, componente del Consiglio Direttivo del Comitato d’Intesa e Csv di Belluno, al quale potranno partecipare le associazioni e le istituzioni presenti all’incontro.

Share
- Advertisment -

Popolari

Presidenzialismo. Trabucco: “Approccio superficiale”

All'indomani delle elezioni politiche del 25 settembre 2022, il partito di maggioranza relativa (Fratelli d'Italia), in modo pienamente legittimo, ha illustrato uno dei punti...

Riqualificazione energetica dell’edificio Kraller. Saranno riservati 8 alloggi ai lavoratori temporanei

Belluno, 27 settembre 2022 - Via libera oggi in giunta al progetto definitivo/esecutivo di riqualificazione energetica dell’edificio Kraller, in via Lungardo. L’operazione, finanziata dal...

Tutto esaurito per i Percorsi della Memoria 2022: seimila partecipanti sui luoghi del Vajont

Longarone. Tutto esaurito per l’edizione 2022 dei Percorsi della Memoria: domenica prossima 2 ottobre ci saranno 6000 persone a camminare sui luoghi del Vajont....

Disponibile e gentile, amante della natura e dello sport. Cercasi Cavaliere sulle piste da sci, nell’area vacanze sci & malghe Rio Pusteria

Aperte fino all'8 novembre 2022 le candidature per svolgere il lavoro più cool delle Alpi nell'area vacanze sci & malghe Rio Pusteria, tra le...
Share