13.9 C
Belluno
domenica, Novembre 29, 2020
Home Prima Pagina Il volontariato bellunese: criticità, punti di forza, scenari evolutivi

Il volontariato bellunese: criticità, punti di forza, scenari evolutivi

Sabato 14 novembre un incontro-dibattito sull’indagine della Fondazione Roma che ha coinvolto 100 organizzazioni di volontariato della provincia di Belluno. “Il volontariato bellunese. Criticità, punti di forza, scenari evolutivi”. E’ il titolo dell’incontro-dibattito organizzato dal Comitato d’Intesa e dal Centro di servizio per il volontariato di Belluno per presentare i risultati di un’indagine svolta a partire dall’autunno 2008 dalla Fondazione Roma su 100 organizzazioni di volontariato della provincia di Belluno. A più di dodici anni dall’avvio delle proprie attività, il Centro di Servizio per il volontariato di Belluno ha ravvisato l’esigenza di focalizzare la propria attenzione sul fenomeno del volontariato locale, puntando ad assumere dati concreti e non solo percezioni. Per questo, nell’autunno dello scorso anno, il Csv di Belluno, in accordo con i Centri di Servizio per il volontariato delle province di Treviso, Venezia e Rovigo e la Fondazione Roma Terzo Settore (allora si chiamava Feo-Fivol), ha partecipato ad una ri­levazione che ha coinvolto 100 organizzazioni di volontariato per ciascuna delle quattro province interessate, per approfondire caratteristiche e dinamiche di funzionamento. In ogni provincia è stato individuato un campione “probabilistico” di associazioni, rispettoso quindi della loro distribuzione sul territorio provinciale e rappresentativo per settore di attività, dimensione, composizione interna e ap­partenenza o meno alle grandi reti del volontariato nazionale. La situazione del volontariato bellunese è stata per la prima volta confrontata con quella delle altre province venete, facendone scaturire le caratteristiche peculiari e distintive tenendo conto del contesto territoriale e del settore di attività. I dati emersi dall’indagine verranno presentati sabato 14 novembre alle 16 in sala Muccin del Centro Giovanni XXIII di Belluno da Renato Frisanco, ricercatore della Fondazione Roma, mentre il sociologo Diego Cason si soffermerà sul contesto locale in cui operano le organizzazioni di volontariato bellunesi. E’ anche previsto un dibattito, moderato da  Liliana Tomaselli, componente del Consiglio Direttivo del Comitato d’Intesa e Csv di Belluno, al quale potranno partecipare le associazioni e le istituzioni presenti all’incontro.

Share
- Advertisment -

Popolari

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. De Carlo: “Strategia contro il territorio che annulla ogni forma di rappresentanza”

“La proposta di centralizzazione delle concessioni idroelettriche avanzata dal Partito Democratico fa parte di una strategia contro il territorio che punta ad annullare ogni...

Idroelettrico. Bond (FI): «Il tentativo di romanizzare le grandi concessioni è scandaloso. Mi opporrò senza se e senza ma»

«Chi vuole riproporre la centralizzazione della gestione idroelettrica fa il male della montagna. Il tentativo di espropriare i territori delle loro ricchezze, in questo...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. Bona: “Il governo punisce la montagna”

«Si è capito che questo governo ce l'ha con le regioni e con i territori periferici. Dopo il silenzio sull'autonomia, dopo i tentativi di...

Arrestato uno straniero di Sedico. Doveva scontare la pena di 2 anni e 10 mesi per rapina e lesioni

Nella serata di ieri, venerdì 27 novembre, i carabinieri di Pieve di Cadore con il Nucleo investigativo di Belluno, hanno arrestato Burlac Michail 19enne...
Share