13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Nuovo binario d'incrocio a Santa Croce al Lago: più treni e più...

Nuovo binario d’incrocio a Santa Croce al Lago: più treni e più veloci da Venezia a Ponte nelle Alpi

Regione del Veneto, Rete Ferroviaria Italiana e il Comune bellunese di Farra d’Alpago hanno sottoscritto stamani un protocollo d’intesa finalizzato alla realizzazione di un binario d’incrocio nella stazione di Santa Croce del Lago, sulla linea ferroviaria Conegliano – Ponte nelle Alpi.

Renato Chisso
Renato Chisso

Il documento è stato firmato dall’assessore alle politiche della mobilità del Veneto Renato Chisso, dal sindaco Floriano De Pra e dal responsabile di RFI per il Veneto Giuseppe Albanese, presente il consigliere regionale Dario Bond, che ha seguito l’iter dell’intesa.
“Questo è uno di quegli interventi apparentemente piccoli ma preziosi – ha spiegato Chisso – perché consentirà di far passare sulla linea più convogli e ad una velocità commerciale un po’ più elevata dell’attuale. Gli effetti li vedremo già con l’adeguamento dell’orario ferroviario della metà dicembre 2010”. I circa 40 chilometri della linea Conegliano – Ponte nelle Alpi sono a semplice binario senza elettrificazione e offrono attualmente una unica possibilità di incrocio fra treni provenienti da direzioni opposte, in corrispondenza della stazione di Vittorio Veneto, situata a circa 14 km da Conegliano ed a circa 26 km da Ponte. Con il nuovo posto di incrocio nella stazione di S. Croce al Lago, mediante un nuovo binario di precedenza, sarà possibile aumentare la capacità della tratta e quindi di incrementare la frequenza di passaggio dei treni, realizzando una adeguata flessibilità del servizio ferroviario. Nello stesso tempo il telecomando potrà passare da Belluno a Mestre, con un maggior controllo del sistema. Ma non è tutto, perché nell’occasione saranno anche realizzati nuovi marciapiedi e un sottopasso che garantirà l’utilizzo della stazione in piena sicurezza: “è parte di un sogno che si avvera – ha commentato il sindaco De Pra – perché l’iniziativa rientra in un più vasto progetto che riqualificherà l’intera area, comprendendo il miglioramento dell’accesso alla stazione, il nuovo centro velico pure finanziato dalla Regione e un centro ittiogenico”. Il protocollo d’intesa definisce le fasi realizzative dell’intervento, per il quale la Regione si fa carico di 2 milioni di euro sulla spesa complessiva di 3,2 milioni; i restanti un milione 200 mila euro saranno a carico di RFI che curerà tutta la parte relativa all’armamento. I lavori inizieranno entro l’anno corrente e saranno portati a termine per dicembre del 2010. “Per certi aspetti – ha concluso Chisso – questa intesa rappresenta il primo effetto concreto successivo all’accordo di programma tra il presidente del Veneto Giancarlo Galan e l’Amministratore delegato di Ferrovie dello Stato S.p.A. Mauro Moretti per assicurare più qualità e servizi al sistema ferroviario che interessa il territorio regionale e il trasporto locale su ferro”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rc auto: a Belluno prezzi in calo del 5%

  il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 57.000 automobilisti veneti; tanti sono gli automobilisti che, secondo l'analisi di Facile.it, avendo nel 2020...

Ulss Dolomiti. Rallentamento epidemico. Da sabato 23 gennaio via alla nuova organizzazione dei drive-in tamponi per l’area di Belluno

Il rallentamento epidemico registrato nelle ultime settimane comporta una minor richiesta di esecuzione tamponi che consente una rimodulazione di orario. Per quanto attiene la logistica,...

Premio Rodolfo Sonego, iscrizioni entro il 7 Febbraio 2021

Il Premio Rodolfo Sonego - il concorso per sceneggiature di cortometraggi creato da Lago Film Fest con la collaborazione di Scuola Holden (Torino) -...

Maltempo di inizio dicembre. Il Comune di Belluno segnala danni per 1,6 milioni

Ammonta a poco meno di 1,6 milioni di euro (per la precisione 1.583.800 euro) la conta dei danni segnalati dal Comune di Belluno alla...
Share