13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 30, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti La città scomparsa: sabato il convegno a "Oltre le vette"

La città scomparsa: sabato il convegno a “Oltre le vette”

Sabato 10 ottobre dalle 9 alle 13 all’Auditorium comunale di Belluno, all’interno della manifestazione “Oltre le vette”, si terrà il convegno dal titolo “La città scomparsa. Dalle esperienze particolari ai paradigmi generali” organizzato dall’associazione ‘Penelope Onlus’ e dalla Delegazione bellunese del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico. L’incontro sarà introdotto da Elisa Pozza Tasca presidente di Penelope Italia e da Giovanni Cipollotti presidente  Cnsas veneto. Vi parteciperanno come relatori gli uomini del Soccorso alpino Fabio Bristot, Alberto Paoletti, Gianni Mezzomo e Luca Pezzullo dell’Associazione nazionale psicologi. Dal 1974 ad oggi in Italia sono 24.804 le persone scomparse senza lasciare traccia, 934 solo in Veneto. Una piccola ‘città’ di dispersi dei quali le famiglie non hanno mai più avuto notizia. Il fenomeno delle persone scomparse ha assunto negli ultimi anni una dimensione allarmante nel nostro paese. Da fonti ufficiali provenienti dal Ministero degli interni risultano ad oggi ben 24.804 persone delle quali non si ha alcuna notizia e che sono ufficialmente ancora da ricercare. Parallelamente emerge dallo stesso rapporto una altro dato sconcertante: i cadaveri censiti non identificati sono 753. Il convegno ha quale scopo principale tematizzare un problema drammatico e tracciare, assieme alle istituzioni e agli organi competenti, un percorso concreto per determinare sistemi innovativi di ricerca, banche dati nazionali sui soggetti scomparsi e sulla loro tracciabilità nel tempo e nello spazio, soluzioni legislative e normative e ogni altro strumento che possa essere di conforto alle famiglie delle persone scomparse. “Abbiamo aderito subito all’iniziativa allo scopo di essere di aiuto alle persone scomparse, alle loro famiglie, e soprattutto perchè sia di sollecitazione agli organi competenti affinchè entrino in azione con ricerche immediate”, sottolinea Gilda Milani Bianchi, presidente di Penelope Italia Veneto, l’associazione nazionale delle famiglie e degli amici delle persone scomparse. “Spesso le persone scomparse vengono classificate tra quanti si allontanano volontariamente – continua Milani Bianchi – noi ci battiamo perchè invece la sparizione venga parificata a un reato e perchè ci sia più disponibilità a seguire le ricerche con maggiore attenzione. Come associazione riteniamo poi importante essere vicini alle famiglie, sempre abbandonate a loro stesse. L’augurio è che, come avviene in montagna, anche in città si parta non appena scatta la segnalazione. I primi momenti sono fondamentali per poter rintracciare le persone”. Il Soccorso alpino è demandato a coordinare la ricerca dei dispersi in ambiente ostile e impervio, attività che nell’ultimo decennio ha fatto registrare un aumento esponenziale dei casi.

Share
- Advertisment -



Popolari

Progetto “Alps 2030”. Ultimi giorni per le candidature

Ultimi giorni per presentare la propria candidatura per il progetto “Alps 2030”, promosso da CIPRA, e che vedrà protagonisti anche tre giovani bellunesi: scadono...

Venezia in Cadore 1420-2020. Quasi 5mila visite alla mostra che celebra i 600 anni della dedizione del Cadore alla Serenissima

Si è conclusa sabato 28 settembre e i numeri anche per l’esposizione estiva di quest’anno sono importanti, nonostante le misure restrittive imposte dalla normativa...

Confermato il servizio di controllo con e-bike nei sentieri dalla polizia a Cortina

La fase di sperimentazione del controllo del territorio lungo i sentieri e nei rifugi dolomitici del personale della Polizia di Stato in sella alle...

Cordoglio per la morte di Bepi Tormen

«La scomparsa improvvisa di Bepi Tormen ci lascia senza parole. La Provincia perde un validissimo consulente, un ricercatore che da anni collaborava con noi». Il...
Share