13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 17, 2021
Home Cronaca/Politica Fondi per le aree svantaggiate: Fistarol interroga il ministro Fitto

Fondi per le aree svantaggiate: Fistarol interroga il ministro Fitto

Maurizio Fistarol senatore Pd
Maurizio Fistarol senatore Pd

Un’interrogazione per sollecitare l’emanazione del bando per beneficiare del “Fondo per la valorizzazione e la promozione delle aree territoriali svantaggiate confinanti con le Regioni a Statuto speciale e con le Province autonome di Trento e Bolzano”. E’ quella presentata dal senatore del Partito Democratico, Maurizio Fistarol, al ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto, recependo l’istanza di 28 sindaci bellunesi che, nei giorni scorsi, avevano chiesto di poter inoltrare, entro breve, i progetti relativi, così come avvenuto nel corso del 2008. “Il Fondo – ha spiegato l’esponente del Pd – è stata la prima risposta concreta al disagio delle aree svantaggiate di montagna. Istituito nel 2007 dal governo di centrosinistra, grazie ad un’iniziativa mia, dell’allora presidente della Provincia Sergio Reolon e del collega Gianclaudio Bressa, aveva lo scopo di riequilibrare le disparità di quei territori veneti che da anni sono in sofferenza per la “concorrenza” con aree più dotate finanziariamente e, dunque, più attrattive sotto il profilo dell’offerta economica, culturale e turistica. Con la Legge Finanziaria 2009 è stato disposto lo stanziamento di 20 milioni di euro per il 2009 e il 2010 e 27 milioni di euro per il 2011. Ad oggi, però, non si ha nessuna notizia dell’emanazione del bando per beneficiare di questi contributi”.  “L’accesso al Fondo – ha continuato Fistarol –  permetterebbe ai Comuni di far fronte a molteplici e urgenti necessità di tipo infrastrutturale, sociale e culturale, ma i bilanci comunali preventivi per il 2010 dovrebbero già contenere la disposizione degli stanziamenti da impiegare”. Nell’interrogazione il senatore del Pd chiede, pertanto, di sapere “quali sono i tempi previsti perché le amministrazioni dei territori destinatari del Fondo possano presentare con procedura a bando la richiesta delle dotazioni previste”. “Abbiamo motivo di credere – ha concluso l’ex sindaco di Belluno – che il Fondo sia stato svuotato per finanziare gli interventi di ricostruzione nelle zone colpite dal terremoto in Abruzzo o sia stato, comunque, destinato ad altri capitoli di bilancio. Ora è giunto il momento di fare chiarezza e se occorre di reintegrare le somme”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Quarto imperdibile concerto per l’estate feltrina: a fine agosto arriva anche Niccolò Fabi

Più di 90 canzoni, 9 dischi di inediti, 2 raccolte ufficiali, 1 progetto sperimentale come produttore, 1 disco di inediti con la super band...

AAA Offresi: un’estate utile e creativa per i giovani del territorio

Torna il progetto Aaa Offresi, promosso dal Comune di Ponte nelle Alpi: i laboratori creativi e le attività di manutenzione si svilupperanno da lunedì...

Sull’Alemagna per testare la Smart Road e controllare i lavori. Padrin: «Entro giugno apre il primo viadotto alla Gardona»

Primo viaggio-test sulla Alemagna, stamattina, per controllare il funzionamento della Smart Road. Con i tecnici e i rappresentanti di Anas, c’era anche il presidente...

Vivi Borgo Valbelluna. Alla scoperta delle meraviglie della Valbelluna

Borgo Valbelluna, 16 giugno 2021  -  Molte le iniziative messe in campo dal Comune di Borgo Valbelluna in questo 2021 per tentare la ripresa...
Share