13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Confindustria Belluno Dolomiti incontra Abi Veneto. Tavolo di confronto per migliorare l'accesso...

Confindustria Belluno Dolomiti incontra Abi Veneto. Tavolo di confronto per migliorare l’accesso al credito delle imprese

Fare affidamento a Neafidi, usufruire dei servizi “anti-crisi” che le banche hanno concordato con Confindustria, istituire un tavolo tecnico che elabori una modulistica uniforme fra i vari istituti di credito: sono i risultati dell’incontro che si è svolto ieri fra Confindustria Belluno Dolomiti e ABI Veneto, seguito al primo svoltosi anch’esso su sollecitazione dell’Associazione Industriali di Belluno nel mese di aprile scorso. Nel corso dell’incontro, a cui ha partecipato lo stesso Presidente Vascellari accompagnato da Antonio Fontana, componente della Giunta con delega alla Finanza e dal direttore Stefano Perale, è stato fatto il punto del rapporto fra le aziende bellunesi  e il sistema bancario provinciale, ricordando gli accordi a sostegno delle imprese che ABI ha firmato con Confindustria nazionale, Confindustria Veneto e Regione. In particolare si è concordato che Confindustria Belluno Dolomiti e tutti gli Istituti bancari con le loro strutture periferiche favoriranno la più ampia conoscenza ed applicazione dei due principali strumenti di aiuto per le PMI previsti dall’Avviso comune firmato dal Ministero dell’Economia, dall’ ABI e dalle Associazioni di categoria, tra cui Confindustria, il 3 agosto scorso: sospensione per 12 mesi della quota capitale delle rate dei mutui e dei canoni di leasing e allungamento fino a 270 giorni delle scadenze del credito a breve termine, con riferimento alle operazioni di anticipazione su crediti certi e esigibili.Inoltre si è individuato in NEAFIDI, di cui Confindustria Belluno è tra i soci fondatori, e in particolare nella garanzia sussidiaria che lo stesso può fornire, lo strumento attraverso il quale le aziende possono avere accesso facilitato al credito bancario. Infine si è pure concordato l’avvio di uno o più tavoli tecnici che dovranno elaborare una modulistica uniforme tra i vari Istituti bancari, sia per quanto riguarda la fase della richiesta di affidamento che per quanto riguarda la rendicontazione delle operazioni in essere come gli estratti conto, al fine di rendere meno burocratico e gravoso il lavoro delle PMI. “Un passaggio fondamentale di trasparenza e collaborazione che le banche devono attuare nei confronti dei correntisti” – afferma il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti Valentino Vascellari – “Stabilire relazioni efficaci e attuare nel concreto i protocolli d’intesa concordati con ABI a livello nazionale e regionale sono operazioni di prioritaria importanza per la nostra Associazione: dopo mesi di avvicinamenti e di accordi, con l’autunno è davvero arrivato il tempo di passare ai fatti. Rivolgo pertanto un invito a tutte le nostre imprese: andate dalle vostre banche di fiducia e chiedete che vengano applicati gli accordi, per avere accesso a finanziamenti per lo sviluppo, ma anche per congelare le rate dei mutui laddove ci siano stati di difficoltà che perdurano. Confindustria Belluno Dolomiti continuerà a vigilare sul rispetto degli accordi.”

Share
- Advertisment -

Popolari

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza,...

Lavori alla scuola “Valeriano” di Castion. Le classi ripartite tra Badilet, Borgo Piave e Castion

Si è concluso in questi giorni, dopo un incontro con i vertici dell'Istituto Comprensivo 3 e con gli esponenti del consiglio d'istituto, lo studio...
Share