13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 20, 2020
Home Cronaca/Politica Sei nuove leve nel progetto di servizio civile del Comitato d'Intesa

Sei nuove leve nel progetto di servizio civile del Comitato d’Intesa

E’partito lo scorso primo settembre il progetto di servizio civile regionale del Comitato d’Intesa “Promotori di solidarietà nella provincia di Belluno”. Sei i giovani volontari che hanno iniziato la loro esperienza presso la Casa del volontariato di Belluno e le sedi operative dei distinti progetti a Belluno, in Alpago, Valbelluna e Feltre. Il progetto si sviluppa in due ambiti e tre azioni. Nell’ambito dell’assistenza e servizio sociale una prima azione si concretizza nella Conca dell’Alpago e si intitola “Alpago: Anziani giovani, giovani e anziani -AGGA”. Partner dell’iniziativa sono l’Associazione Gruppo volontari Ceno Barattin, i cinque Comuni dell’Alpago, la Comunità Montana, la Consulta giovani dell’Alpago e il Gruppo Alpini di Chies d’Alpago. L’obiettivo è di rafforzare il concetto di domiciliarietà, considerando l’alta percentuale di persone anziane che vivono nel territorio dell’Alpago. Nell’ambito della promozione e organizzazione di attività educative e culturali, ci sono due azioni. Una è stata chiamata “Inquadrati – dare visibilità alla solidarietà”, e riguarda l’area dell’intera provincia di Belluno. Lo scopo è di rendere visibile l’impegno delle associazioni e di altre forme di aggregazione a favore della propria comunità, dando voce al volontariato e alla solidarietà. L’ultima azione, denominata “Attivatori di economia solidale, educazione multiculturale”, è distribuita soprattutto in Valbelluna presso i centri della Onlus Samarcanda. Lo scopo è di favorire il consolidamento dei rapporti tra le diverse associazioni, lo scambio di esperienze e la costruzione di progettualità comuni, favorendo tra i giovani lo sviluppo di un approccio critico e positivo alle tematiche dell’economia solidale, consumo critico, sviluppo sostenibile, pace, diritti umani. Partner sono l’Ufficio scolastico provinciale di Belluno, Samarcanda, Insieme si può, Comitato Pollicino. I sei giovani selezionati per portare avanti le tre azioni  sono: Riccardo Chiesura e Jessica Barat per il progetto “Alpago: Agga”, Giorgio Dell’Osta Uzzel e Cristiana Isabel Bratti per il progetto “Inquadrati”, e Silvia Donà e Paola Da Ros per il progetto “Attivatori”. I civilini resteranno in servizio per un anno presso le sedi del progetto, dopo una fase iniziale di formazione generale alla Casa del volontariato di Belluno, in via del Piave , seguita da una formazione specifica che consenta ai giovani volontari di attuare la propria collaborazione nei rispettivi ambiti di lavoro.

Share
- Advertisment -



Popolari

Esercitazione dei vigili del fuoco ad Alleghe

Oltre 60 vigili del fuoco, tra permanenti e volontari, con 20 automezzi l’elicottero Drago 71 e personale del centro telecomunicazioni regionale, hanno preso parte...

Riapre la caccia, ma c’è ancora illegalità in Italia. Il caso del Veneto

Pubblicato l'annuale rapporto del CABS sui reati venatori. Lo studio prende in esame le comunicazioni istituzionali delle forze dell'ordine, stampa accreditata, interventi delle Guardie...

Elezioni 2020. Regionali, referendum sul taglio dei parlamentari, suppletive Senato, Comuni. Affluenza, exit poll e risultati

Urne aperte domenica 20 settembre dalle 7 alle 23, e domani lunedì dalle 7 alle 15 per il voto del referendum costituzionale sul taglio...

Interventi di soccorso domenica e sabato sera a Cortina

Rocca Pietore (BL), 20 - 09 - 20 Alle 17.15 circa la Centrale del 118 è stata allertata da due alpinisti in difficoltà sulla...
Share