13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 7, 2021
Home Cronaca/Politica La festa degli alpini, le promesse elettorali dei politici e il sogno

La festa degli alpini, le promesse elettorali dei politici e il sogno

La caserma Fantuzzi di Belluno
La caserma Fantuzzi di Belluno

Il prossimo fine settimana avrà luogo il III Raduno della Brigata Alpina Cadore. Una gran festa con una serie di manifestazioni collegate: mostre, filmati, gli onori ai Caduti, la cerimonia di conferimento della cittadinanza onoraria all’Ana (Associazione nazionale alpini), la messa per i Caduti in Russia, e la tradizionale sfilata per le vie della città. A questa kermesse di tre giorni saranno senz’altro presenti i parlamentari bellunesi e, chi lo sa, potremmo vedere anche qualche “pezzo da 90” del Governo. In tal caso, il nostro sogno ricorrente potrebbe avverarsi. Perché qualcuno dei politici locali che ci rappresenta potrebbe, ad esempio, ricordare a chi ci governa, che la  Brigata Alpina Cadore è stata sciolta il 31 gennaio del 1997, e da allora la più bella caserma della nostra Provincia, la Fantuzzi, giace in stato di completo abbandono. Perché è evidente che non basta fare pulizia delle erbacce e scopare la polvere sotto i tappeti per il giorno di festa, eppoi lasciare che il tempo distrugga irrimediabilmente l’immobile. Ebbene, l’illusione che la risoluzione del caso fosse vicinissima ce la diede l’8 giugno del 2004 l’onorevole Carlo Giovanardi, all’epoca ministro per i rapporti con il Parlamento, che intervenuto alla Sala De Luca per presentare i candidati della lista Udc ebbe a dire: «Il via libera all’apertura del tavolo della discussione tra il demanio ed i rappresentanti delle amministrazioni locali, è stato formalizzato dal generale ispettore capo Vittorio Colucci, su incarico del ministro della Difesa Antonio Martino, con  nota del 27 maggio 2004 a me indirizzata nella quale si legge: “ In relazione all’interessamento prospettatomi dalla S.V. assicuro la mia disponibilità per una riunione con l’Amministrazione comunale di Belluno al fine di esaminare le problematiche connesse all’uso e/o alle dismissioni degli immobili militari ubicati nel territorio”». L’onorevole Giovanardi, insomma, cinque anni fa si era impegnato solennemente a convocare le parti immediatamente dopo le elezioni, assicurando il suo costante interessamento volto a dirimere i conflitti di competenza e le lungaggini burocratiche che notoriamente caratterizzano queste procedure di cessione tra demanio ed enti locali. Ma ad oggi la Caserma Fantuzzi, e anche tutte le altre, giacciono come allora aspettando che qualcuno si ricordi di loro. Sono passati 12 anni da quando non c’è più la Brigata e nulla di visibile è stato fatto. Un immobile in centro di grande valore che cade a pezzi e che poteva essere utilizzato per le Forze di polizia. Ma oggi sarebbe andato benissimo anche per ospitare le classi delle Scuole Gabelli, anziché un prefabbricato provvisorio che ha tutta l’aria di diventare definitivo. Chissà se domenica prossima qualcuno si ricorderà delle promesse elettorali, tra un’inaugurazione e un brindisi. E trasformerà il nostro sogno in realtà.

Share
- Advertisment -

Popolari

Guardia di finanza. Concorso per 1030 allievi marescialli. Domande entro il 20 maggio

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale IV Serie Speciale n. 31 del 20 aprile 2021 il bando di concorso, per titoli ed esami, per...

Crisi ACC. Appello di De Carlo al ministro D’Incà: “Il problema è ora, basta rimandare. I lavoratori non paghino il prezzo delle beghe di...

“Il problema di liquidità di ACC è oggi, non può essere ancora dimenticato in un angolo. Le centinaia di lavoratori di questa azienda non...

Trio Kanon a Belluno, 11 maggio 2021, apertura 68ma Stagione Circolo Culturale Bellunese

Concerto di inaugurazione 68a Stagione 2021 Trio Kanon. Martedì 11 maggio 2021, ore 19:00 Sala Giovanni XXIII, Belluno Si apre la 68a Stagione del Circolo Culturale Bellunese,...

Il prefetto, Mariano Savastano, avvia una serie di incontri con le categorie economiche

“Un tavolo che apriamo oggi e che dovrà restare aperto”. Così il prefetto, Mariano Savastano, ha salutato i rappresentanti di Confcommercio, Confartigianato, Appia –...
Share