13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 30, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo L'8 agosto di 53 anni fa la tragedia di Marcinelle in Belgio,...

L’8 agosto di 53 anni fa la tragedia di Marcinelle in Belgio, dove morirono 262 minatori tra cui Dino Della Vecchia di Sedico

 53 anni fa, l’8 agosto del 1956, a causa di una errata manovra dell’ascensore nel pozzo n.1 di Marcinelle (zona mineraria di Bois du Cazier in Belgio), si sviluppa un incendio che provoca la morte di 262 minatori. 136 erano italiani e tra di loro c’era anche Dino Della Vecchia di Sedico. Le operazioni di soccorso proseguono per 15 giorni, finché viene diramato l’annuncio in italiano: “Tutti cadaveri”. L’incendio avviene alle 8.30, a causa di un malinteso tra i manovratori di superficie e gli addetti ai carrelli. L’ascensore risale e urta una trave metallica che a sua volta spezza una tubatura di olio e dei cavi elettrici. Si sviluppa un incendio alimentato dalla dalla ventilazione forzata dell’aria, che fa bruciare tutte le strutture in legno. E’ l’inferno. Il pozzo n.1, in funzione dal 1930, aveva una sola via di entrata e una di uscita attraverso due ascensori. Un minatore che risale in superficie dà l’allarme. Un’ora dopo due lavoratori tentano di raggiungere i loro compagni attraverso un passaggio laterale, ma devono rinunciare. Quattro ore e mezza dopo viene allargato il tunnel e si cominciano a trovare i cadaveri. Dal pozzo n.1 usciranno vivi solo una decina di minatori. In Belgio, tra il 1946 e il 1957 emigrarono 140mila italiani che alloggiarono nelle baracche dei vecchi campi di concentramento della II Guerra mondiale. Questo flusso migratorio era il risultato dell’accordo del 23 giugno del 1946 che De Gasperi firmò con il ministro belga Van Hacker per garantire all’Italia l’approvvigionamento di carbone, in cambio dell’impegno di fornire mano d’opera per le miniere. Marcinelle è una delle tante tragedie dell’emigrazione italiana. Nel dicembre 1907 ci fu Monongah, negli Stati Uniti, dove persero la vita un migliaio di minatori in maggioranza italiani; nell’ottobre del 1913 Dawson (New Mexico) oltre 250 morti di cui 146 minatori italiani; il 30 agosto 1965 la valanga di ghiaccio durante la costruzione della diga di Mattmark, in Svizzera, dove morirono molti bellunesi. Ma l’Italia è un Paese dalla memoria corta. E a pochi riesce di vedere negli occhi dei sans papier dei barconi, gli stessi occhi smarriti dei nostri minatori.

 

 

 

Share
- Advertisment -



Popolari

Cordoglio per la morte di Bepi Tormen

«La scomparsa improvvisa di Bepi Tormen ci lascia senza parole. La Provincia perde un validissimo consulente, un ricercatore che da anni collaborava con noi». Il...

Marchon Italia: accordo sindacale sullo smart working

Diritto alla disconnessione, tre giornate massime di smart working alla settimana, flessibilità della prestazione lavorativa. Sono alcuni degli elementi che caratterizzano l'accordo sullo smart...

Caffè pedagogico. Appuntamento on line il 5 e 9 ottobre per genitori con bambini da 0 a 6 anni

Il “Caffè Pedagogico” è un’Associazione culturale costituita nel 2017 da un gruppo di professionisti amanti del mondo dell’infanzia, convinti del valore pedagogico in educazione...

Fondo solidarietà bilaterale artigianato bloccato. Scarzanella: imprenditori senza assegno da maggio

«Il lockdown e la pandemia continuano a mettere in ginocchio il mondo dell'artigianato. La situazione comincia a farsi insostenibile». È quanto afferma la presidente...
Share