13.9 C
Belluno
giovedì, Febbraio 25, 2021
Home Cronaca/Politica I collaboratori del Gazzettino di Belluno incrociano le braccia e chiedono un...

I collaboratori del Gazzettino di Belluno incrociano le braccia e chiedono un incontro con i vertici dell’azienda

Un contratto ancora più penalizzante per una categoria già oltremodo “flessibile”. Non invieranno pezzi al giornale fino a domenica prossima 31 collaboratori del Gazzettino di Belluno. Pubblichiamo il loro comunicato nel quale spiegano le ragioni di quello che potrebbe essere registrato come il primo sciopero nella storia dei collaboratori. “Dopo giorni di inutile attesa, con tristezza e stupore il gruppo di collaboratori de “Il Gazzettino” di Belluno è costretto a registrare che da parte dei vertici dell’azienda cui martedì 14 luglio era stato chiesto un incontro urgente per discutere dei contenuti del contratto inviato in data 1. luglio 2009,  a tutt’oggi, ore 23 di martedì 21 luglio, cioè a più di una settimana di distanza, non è  ancora arrivata alcuna risposta né un’ipotesi di data per un eventuale incontro.  In questo periodo, i collaboratori succitati si sono impegnati come al solito per dare dignità e forza al giornale, seguendo con professionalità e dedizione anche i tragici eventi verificatisi a Borca di Cadore garantendo a quanti, dalla redazione, coordinavano il lavoro, di poter firmare un’edizione eccellente, capace di rendere conto con serietà, professionalità e completezza di quanto accaduto. Anche in questa occasione, ma la prossima potrebbe essere dietro l’angolo, è stato possibile toccare con mano quanto la capillarità dei collaboratori sparsi sul territorio sia uno dei punti di forza del nostro giornale. Quel fiore all’occhiello che, anche nell’ incontro avuto dai collaboratori di Belluno in occasione delle feste natalizie del 2008, il direttore Roberto Papetti ha definito come “redazione allargata”. Per il silenzio registrato in questi giorni, dunque, con l’unico scopo di continuare a cercare di far sentire, questa volta con altri mezzi, la propria voce, per ottenere la revisione del contratto proposto, per vedere riconosciuta dignità al proprio lavoro e per garantire quella qualità dell’informazione che in questi anni ha sempre cercato di offrire, il gruppo dei collaboratori in calce comunica che da domani, mercoledì 22 luglio, e sino a domenica 26 luglio, non invierà alcun pezzo alla redazione di Belluno.  Rimaniamo in attesa, come peraltro già richiesto, ci venga concesso un incontro”.
Seguono 31 firme

Share
- Advertisment -

Popolari

L’Ulss 1 Dolomiti acquista attrezzature per oltre 1 milione di euro

Sono state acquisite, tramite le procedure previste dal Decreto Rilancio, altre attrezzature sanitarie utili, tra cui una nuova TAC per l’ospedale di Belluno, che...

Furto in abitazione a Feltre

Feltre, 24 febbraio 2021 - Nella tarda mattinata di oggi, i carabinieri della Stazione di Feltre sono intervenuti in un'abitazione di via Farra a...

Rinnovo cariche all’Ebav. Alessandro Conte (Cna Veneto) alla presidenza. Giannino Rizzo (Uil) vice presidente. Nel consiglio Rudy Roffarè (Cisl Veneto)

Venezia 24 febbraio 2021 – L'assemblea EBAV riunitasi martedì 23 febbraio, ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione dell'Ente Bilaterale dell'Artigianato Veneto e ha nominato...

Scuola. L’assessore regionale Donazzan scrive al ministro Bianchi: investire su organici. 3mila docenti licenziati perché in possesso del vecchio diploma magistrale

Venezia, 24 febbraio 2021   “Ho colto con favore l’invito del Ministro Bianchi ad avviare una positiva interlocuzione con i territori a partire dal raccogliere...
Share