13.9 C
Belluno
lunedì, Novembre 23, 2020
Home Cronaca/Politica Contributi della Giunta veneta ai Comuni svantaggiati di montagna, per case di...

Contributi della Giunta veneta ai Comuni svantaggiati di montagna, per case di riposo e per la fiera “Caccia Pesca Natura”

La Giunta regionale del Veneto ha approvato ieri (martedì 21 aprile) una serie di benefici economici a favore dei comuni ricadenti nelle aree svantaggiate di montagna. «Esprimo particolare soddisfazione – ha dichiarato Oscar De Bona al termine della seduta – perché questo  provvedimento proposto dal collega Flavio Silvestrin, assessore agli Enti locali, interessa numerosi Comuni della provincia di Belluno».
Questi gli enti locali finanziati con 135 mila euro:
– Ospitale di Cadore, per lavori di ristrutturazione della ex scuola elementare e per lavori di riqualificazione urbana di Termine di Cadore;
– Seren del Grappa, per la realizzazione di parcheggio e strada  di accesso al cimitero di Rasai;
– Domegge di Cadore, per l’adeguamento funzionale della piazza dei Martiri;
– Vigo di Cadore, per la ristrutturazione della ex scuola di Laggio;
– Canale d’Agordo, per il miglioramento delle infrastrutture per turisti e residenti;
– Sappada, per manutenzione ed adeguamento illuminazione pubblica;
– Livinallongo del Col di Lana, per acquisto di un’auto per la polizia municipale e un’altra per il trasporto anziani, per attrezzatura di sgombero neve e per una nuova tettoia nell’ecocentro;
– Falcade, per la ristrutturazione della scuola di Marmolada;
– Santo Stefano di Cadore, per il ripristino e la valorizzazione delle aree pubbliche di Costalissoio e Casada;
– La Valle Agordina, per il miglioramento dell’impianto sportivo delal “Boa”;
– Cencenighe Agordino, per il completamento dei lavori e l’arredamento della sala polifunzionale della nuova sede municipale;
– San Gregorio nelle Alpi, per il completamento del 1. stralcio del recupero di un fabbricato da destinare a sala polifunzionale;
– Lentiai: per la ristrutturazione della ex scuola elementare del capoluogo con cambio di destinazione a centro polifunzionale;
– Quero, per il recupero storico delle rive del torrente Tegorzo e la ricostruzione del molino Banchieri;
– Lozzo di Cadore, per ricostruire un muro di sostegno, ristrutturare locali di proprietà comunale, rivalorizzare l’area attigua alla chiesa “Percorso Benedetto XVI”, fornitura e posa di bussole nell’ex chiesa parrocchiale;
– Pedavena, per interventi di miglioramento della rete di illuminazione pubblica;
– San Vito di Cadore, per realizzare un parcheggio in prossimità dell’ex hotel San Marco e per realizzare una nuova strada in località “La Scura”;
– Taibon Agordino, per il collegamento pedonale sul Cordevole tra piazza San Cipriano e  piazza Municipio;
– Puos d’Alpago, per ristrutturare l’impianto termino del municipio con l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili;
– Farra d’Alpago, per interventi per la sicurezza viaria a Buscole con la realizzazione di parcheggi
Alano di Piave, per il 2. stralcio di lavori per l’ampliamento delle scuole medie.
Ad Alleghe è stato concesso il finanziamento di  € 102.870 per l’adeguamento  dell’impianto elettrico della scuola media di Caprile.
Per le spese correnti invece sono stati erogati contributi ai seguenti Comuni tenendo conto del più alto indice di svantaggio: € 19.485 a Gosaldo;  € 17.647 a Colle Santa Lucia, Danta di Cadore, Vallada Agordina, Rivamonte Agordino, San Tomaso Agordino; € 16.544 a Voltago Agordino; € 13.971 a Zoppè di Cadore, Sovramonte, Lamon.
«Sono grato inoltre ai colleghi assessori alle Politiche sociali Stefano Valdegamberi e alle Politiche faunistico venatorie Elena Donazzan per i provvedimenti portati all’approvazione della Giunta del Veneto a favore di iniziative in provincia di Belluno». Lo comunica l’assessore Oscar De Bona il quale fa sapere il dettaglio dei finanziamenti. Per lavori di adeguamento di strutture  socio-sanitarie per anziani non autosufficienti: € 600 mila per la residenza per anziani “Beata Gaetana Sterni” di Auronzo di Cadore;  € 500 mila per la casa di soggiorno “Giovanni Paolo II” di Santo Stefano di Cadore; € 500 mila per la casa di riposo  “Casa Charitas” di Lamon; € 160 mila per la casa di riposo “Madonna della salute” di Trichiana.    Per quanto riguarda il settore faunistico venatorio è stato concesso un contributo d i10 mila euro alla manifestazione di Longaronefiere “Caccia Pesca Natura”, ritenuto uno dei più importanti appuntamenti fieristici a livello regionale e nazionale in questa materia. Ad avvalorare ulteriore significato all’iniziativa è la sua collocazione in territorio montano

Share
- Advertisment -

Popolari

Pizzicati dai carabinieri due locali in Comelico con clienti dopo l’orario

Due locali del Comelico sono stati sanzionati per irregolarità sull'orario di apertura. Gli accertamenti sono stati eseguiti nell'ambito dei controlli da parte dei carabinieri...

Rinforzata l’Arma bellunese: 6 marescialli e 24 carabinieri da oggi in servizio

Una importante iniezione di personale nelle fila dell'Arma dei carabinieri. Da oggi prendono servizio in provincia 30 militari (6 marescialli, di cui 3 donne...

Cortina Fashion Weekend 2020: una decima edizione “responsabile” e dal risvolto benefico

Cortina d'Ampezzo, 23 novembre 2020 - Vuole essere un forte segno di fiducia nel futuro e di coraggio, questo Cortina Fashion Weekend 2020. Dal...

Campagna vaccinazione antinfluenzale: vi hanno aderito il 50% dai 60 ai 64 anni

L’Ulss Dolomiti, attraverso il Dipartimento di prevenzione ha completato la vaccinazione dei soggetti tra 60 e 64 anni che hanno aderito all’invito a vaccinarsi...
Share