13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Cronaca/Politica Lunedì iniziano i lavori per la messa in sicurezza della frana di...

Lunedì iniziano i lavori per la messa in sicurezza della frana di via Miari

Da lunedì prossimo, 14 aprile, cominceranno i lavori per la messa in sicurezza definitiva del corpo franoso in via Miari. L’inizio dei lavori era stato programmato dall’Assessorato ai Lavori Pubblici già a partire dal 13 marzo, ma a seguito della necessità di dare priorità all’intervento di sistemazione delle curve di Busche, con la conseguente chiusura di un tratto della sinistra Piave, su richiesta della Prefettura, esso è stato rinviato sino al termine di questi ultimi. Poiché l’intervento comporta l’impiego di macchine operatrici sulla carreggiata nonché operazioni di disgaggio di materiale, per garantire la regolarità dell’intervento nonché  la sicurezza  e l’incolumità delle persone, verrà istituito il divieto di circolazione in via Miari, nel tratto compreso tra il Ponte Dolomiti ed il Bar “La  Fontana”, dal 14 aprile 2009 al 30 aprile 2009 e, comunque, fino al termine dei lavori.
Nel dicembre scorso, in un periodo di forti precipitazioni, un tratto del versante a monte di via Miari, era stato interessato da uno smottamento  con conseguente scivolamento di materiale e detriti contro le reti paramassi all’altezza della confluenza del Torrente Ardo con il Fiume Piave. La strada era stata chiusa per motivi di sicurezza e immediatamente si era proceduto a rimuovere il materiale scivolato a valle che tuttavia corrispondeva ad una minima parte del materiale instabile ancor lungo il pendio, ed in prossimità della sommità, con il pericolo di franare in caso di precipitazioni continue o in occasione di cicli di gelo e disgelo. Si era tuttavia deciso di attendere la bella stagione per i lavori di messa in sicurezza definitiva. Dopo Pasqua si procederà alla messa in sicurezza anche dei tratti contermini a quello franato, rilevata l’opportunità di intervenire nell’intero tratto di versante compreso tra le reti di protezione già installate, per evitare futuri piccoli interventi che potrebbero comportare ingenti spese.
Questi gli interventi previsti:
* rimozione delle reti di contenimento per un tratto di circa 30 m per consentire la piena libertà di manovra alle macchine operatrici e l’avvio delle operazioni in piena sicurezza;
* protezione del sistema di allarme e dei relativi cavi e sensori, da attuarsi secondo le disposizioni della ditta MAE srl che effettua i controlli;
* parziale scoprimento della rete di protezione e geostuoia in sommità, per evitarne il danneggiamento e consentire la libertà operativa;
* rimozione del materiale instabile posto lungo la sommità del fronte di frana per una lunghezza di circa 40.00 m  per una larghezza di almeno 2.00 m verso il piano, previo taglio delle alberature e ceppaie presenti rimozione del materiale fino al raggiungimento dello strato stabile lungo il pendio di frana, compresa la rimozione di arbusti e ceppaie;
* rimozione di tutto il materiale depositato al piede della frana e pulizia fino al raggiungimento dello strato stabile;
* ripristino dei profilati danneggiati delle barriere paramassi e delle relative piastre di ancoraggio, con verifica dell’eventuale snervamento dei tirafondi;
* consolidamento corticale del versante tramite intervento analogo a quello effettuato in occasione della frana del 05.6.2008, che ha dato buoni risultati durante l’evento meteorico attuale;
* montaggio delle reti paramassi;
* ripristino e riattivazione del sistema di allarme.
L’importo complessivo dei lavori è di 130.000 euro.
Martedì 14 aprile, alle ore 15.00, il Sindaco, Antonio Prade, e l’assessore ai Lavori Pubblici, Denio Dal Pont, visiteranno il cantiere.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share