Thursday, 14 November 2019 - 03:56
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Marcello Veneziani diverte il pubblico con il suo sarcastico Comizio d’amore

Dic 19th, 2015 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Riflettore
Marcello Veneziani

Marcello Veneziani

“Abbiamo 4 animatori. Li avrete subito identificati, uno di professione, Beppe Grillo, comico istrione di mestiere l’altro è animatore televisivo efficace, Matteo Salvini che parla alla pancia del Paese, il decano degli istrioni è Berlusconi grande uomo di spettacolo, seduttore. Ma oggi su tutti torreggia il principale degli animatori, Matteo Renzi, che è un formidabile illusionista, perché è riuscito a darci l’impressione che ci ha presi che eravamo sotto la Grecia, e ora ci ha portato sopra la Germania!”
Lo ha detto Marcello Veneziani, giornalista e scrittore, durante il suo monologo “Comizio d’amore” sabato sera, divertendo il numeroso pubblico del Teatro del Centro Congressi Giovanni 23mo in piazza Piloni a Belluno, alla rassegna culturale I Grandi incontri di Liberal Belluno.
“Sempre televisivamente vivace, accattivante, funziona soprattutto come prozac per gli italiani: tira su il morale, non tira su non i conti. Ma qualche merito ce l’ha. Ricorderete quel corteo funebre dei tecnici al governo, quella compagine iettatoria che per anni abbiamo avuto al governo, il ministro dell’economia che sembrava un impresario di pompe funebri, l’altra ministra piangente, soprattutto lui, il presidente del consiglio…il giorno dei Monti viventi, che ci parlava sempre di catastrofi, di sacrifici umani, di un paese sull’orlo del baratro, insomma un corso intensivo di depressione collettiva. Se ne accorsero pure i collaboratori di Monti. Tant’è che una sera per dare uno spiraglio disse “intravedo una luce in fondo al tunnel” che è quello che dicono i moribondi quando sono in coma”.
Sarcastico anche sul Giubileo speciale indetto da Papa Francesco. “I numeri sono impressionanti, c’è più gente ai concerti di Vasco Rossi o di Jovannotti che al giubileo del papa. Bisogna riconoscere che ha una grandissima popolarità, molto amato dai non credenti, atei devoti, che rimangono non credenti, ma hanno simpatia per questo papa”.
Tra i dati statistici snocciolati degli italiani, oltre a quello del primato della longevità in occidente. “Siamo il paese che fa meno figli, 1,2 a coppia, ossia un secondo figlio ogni 5 coppie. Siamo anche il paese al mondo che ha più leggi e più inosservanza alle stesse. E abbiamo il maggior consumo pro capite di pillole blu, Viagra, perché siamo una delle maggiori impotenze mondiali”.

Share

Comments are closed.