Tuesday, 12 December 2017 - 19:59

E’ il Gialet della Valbelluna il re del fagiolo incoronato alle Fagioliadi di Lucca. A proporlo Beatrice Secco dell’Agriturismo Albero degli Alberi di Seren del Grappa

Dic 7th, 2014 | By | Category: Meteo, natura, ambiente, animali, Riflettore, Società, Istituzioni
Il fagiolo Gialét della Valbelluna – presidio Slow Food® ha vinto le Fagioliadi 2014, la gara semiseria di legumi – presidio cucinati dai produttori, che si è tenuta oggi, domenica 7 dicembre a Lucca.
 A proporre e servire il re dei fagioli, incoronato dalla giuria, è stata Beatrice Secco, titolare dell’Agriturismo Albero degli Alberi aperto quattordici anni fa a Seren del Grappa dove produce i deliziosi legumi. Che fanno parte del piatto tradizionale della ristorazione, insieme alle zuppe, le tagliatelle fatte in casa tutti rigorosamente “chimica free”, e i secondi piatti di galletto, agnello e manzo dell’omonima azienda agricola.La competizione tra i 18 Presidi in gara è stata accesa, in un clima di competitivo ma di reciproco apprezzamento. Si tratta, infatti, delle migliori eccellenze italiane in tema di legumi, nell’intento di voler mantenere una biodiversità di pregio coltivata, che nutre e caratterizza il territorio e le persone.

“Un bell’incoraggiamento per i produttori a perseverare nella coltivazione – afferma Laura Solinas dell’Azienda agricola Villa Buzzati di Belluno – e una grande soddisfazione per l’ennesima conferma da parte di un pubblico che ha dovuto scegliere tra piatti davvero ottimi. Auspichiamo che il gialet possa diventare uno degli emblemi gastronomici della Provincia, riconosciuto come “prodotto turistico” oltre che come elemento identitario del territorio. E che i nostri bravi ristoratori proseguano nel percorso di interpretazione creativa tracciato dalla rassegna 2013 “d’inverno a tavola”, che ci ha proposto piatti squisiti e molto vari a base di gialét-Presidio SlowFood®”.

Alberto De Nart

Share

One comment
Leave a comment »

  1. una famiglia dedita al naturale corso della terra , in sintonia con il territorio pronti a sviluppare materie prime di ottima qualita , laddove nel piatto fa quadrato la passione fisica e creativa di una persona mai paga di nuove sfide. la valle di seren del grappa è luogo di rispetto per chi ha combattuto , per la fauna la flora e chi ci abita. complimenti Beatrice.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.