13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 26, 2024
HomeCronaca/PoliticaConsiglio provinciale, il presidente assegna le deleghe ai consiglieri

Consiglio provinciale, il presidente assegna le deleghe ai consiglieri

Palazzo Piloni, sede della Provincia

Il presidente della Provincia di Belluno Roberto Padrin ha proposto oggi l’assegnazione delle deleghe. Gli incarichi di governo sono stati affidati a tutti i dieci consiglieri.

A Silvia Calligaro è stata affidata la vice presidenza, oltre alle deleghe a viabilità, infrastrutture, caccia e pesca, e agricoltura.

A Massimo Bortoluzzi le deleghe a difesa del suolo, protezione civile, demanio idrico, mobilità e trasporti.

A Simone Deola rimangono ambiente, rifiuti e Dolomiti Unesco, e a Mario De Bon i Fondi Comuni di confine.

A Sindi Manushi è stata affidata la delega a cultura e minoranze linguistiche.

A Matilde Vieceli bilancio, patrimonio e pari opportunità.

A Marzo Sovilla le deleghe a edilizia scolastica, urbanistica e impianti a fune;

a Vanessa De Francesch turismo, istruzione e innovazione;

ad Alberto Peterle attività produttive, programmazione strategica unitaria, sviluppo transfrontaliero, rapporti con gli enti locali e residenzialità;

a Donatella De Pellegrin welfare, volontariato e sociale, e formazione.

Al presidente restano in capo personale, Polizia Provinciale, sport, attuazione della legge regionale 25/2014 e rapporti con la Regione del Veneto, Olimpiadi Milano-Cortina 2026 e grandi eventi.

«La mia concezione è sempre stata quella di un governo unitario dell’ente: solo così ha senso la Provincia di secondo grado, uscita dalla riforma Delrio» le parole del presidente. «La Provincia ha sul banco tanti temi che necessitano dell’impegno e del lavoro dei consiglieri eletti, che sono chiamati a occuparsi delle varie questioni e li ringrazio per questo».

- Advertisment -

Popolari