13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 8, 2023
Home Società, Associazioni, Istituzioni Comunità energetiche rinnovabili. Il convegno del Lions a Feltre

Comunità energetiche rinnovabili. Il convegno del Lions a Feltre

Professionisti, imprenditori e cittadini hanno seguito con interesse l’evento promosso dal Lions Club Feltre Host e Leo Club Feltre “Sostenibilità” e “comunione”: questi i due termini ribaditi più volte durante l’incontro che mercoledì sera a Palazzo Bianco a Feltre ha radunato decine di interessati al tema delle CER – Comunità Energetiche Rinnovabili; ad organizzare l’evento, con il patrocinio del Comune di Feltre, dell’Unione Montana Feltrina e di Confindustria Belluno Dolomiti, il Lions Club Feltre Host e il Leo Club Feltre.

Quello delle comunità energetiche è un tema che tocca tanto il sociale quanto l’ambiente, ed è questo il motivo del coinvolgimento del Lions Club Feltre Host, come spiega il presidente Emiliano Oddone: «Ci occupiamo da anni dei temi ambientali: lo scorso anno abbiamo parlato di clima, con un incontro dedicato soprattutto alle scuole sui cambiamenti climatici. Quest’anno volevamo siglare un lavoro in continuità, ed abbiamo deciso di puntare sulle comunità energetiche.
L’associazione si è interrogata sul tema, e la popolazione ha risposto con entusiasmo. Speriamo anche sia un invito e uno slancio di speranza per il futuro per il nostro territorio, che possa essere sempre energetico e – soprattutto – che sia comunità».
A spiegare potenzialità, aspetti tecnici e strategie di finanziamento e sviluppo erano presenti rappresentanti di Volksbank e di Regalgrid Europe s.r.l . , technology provider trevigiano : tante le domande rivolte a loro dal pubblico a fine serata, segno di un tema sentito dai professionisti, dagli imprenditori e dai cittadini.
« L’energia diventa strumento di aggregazione e condivisione di vari soggetti, come già accade nelle aree montane per molti altri aspetti. – ha spiegato Manuel Marangon, sales manager Regalgrid – Le CER permettono di valorizzare alcune vocazioni territoriali, ma anche di generare valore economico, ambientale e sociale a livello locale. La nostra attività consiste nell’ottimizzare e massimizzare i flussi energetici all’interno della Comunità, permettendo di efficientare al massimo gli scambi energetici tra soggetti produttori e consumatori ».
Più volte nel corso dell’incontro si è ribadito l’obbiettivo delle CER, che è quello non di “trarre profitto” dagli incentivi previsti dalla legge, ma di sostenere la produzione energetica in loco e l’autoconsumo, in una situazione virtuosa che coniughi rispetto
per l’ambiente e condivisione tra tutte le realtà – residenziali, imprenditoriali, industriali, del terzo settore e pubbliche – che possono dar vita alla Comunità Energetica.
Sul coinvolgimento del territorio nei progetti ha infatti puntato i riflettori Vittorio Pucella, direttore d’area Belluno-Treviso-Pordenone di Volksbank, che con i colleghi Manuela Miorelli (responsabile innovazione e sostenibilità) e Paolo Marafatto (responsabile clienti aziendali) ha illustrato caratteristiche e potenzialità delle CER: «L’obbiettivo della Comunità Energetica è la sostenibilità, e con essa si può contribuire alla de-carbonizzazione del territorio e ad una maggiore indipendenza dai combustibili fossili; c’è poi un fine sociale, che è quello del
sostegno allo sviluppo del territorio. Il ruolo di una banca territoriale, in questa partita, è quello di “fare cultura” con serate informative come questa, ma anche di sostenere finanziariamente i progetti che mirano a questo tipo di transizione».

Share
- Advertisment -

Popolari

La sindaca di Pieve di Cadore Manushi incontra il presidente dell’Anas

Pieve di Cadore, 7 giugno 2023 - "Al termine della riunione che si è svolta a Pieve di Cadore nel corso della mattinata odierna,...

Pista da bob Cortina 2026. Cristina Guarda (EV): “Opzione Innsbruck mai presa seriamente in considerazione”

"Il Presidente Zaia e il Commissario Sant'Andrea omettono le reali condizioni della Pista di Innsbruck". La consigliera regionale Cristina Guarda (Europa Verde) interviene così sulla...

Fagiolo Mame feltrine riconosciuto dal Ministero dell’Agricoltura

Salgono ufficialmente a cinque gli ecotipi di fagiolo bellunesi, oltre ai Lamon già certificati IGP, quelli riconosciuti e iscritti nell'Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari...

Saucony Dolomiti Extreme Trail 9 – 11 giugno: in 1700, da 48 nazioni, a gareggiare in Val di Zoldo

Val di Zoldo (Dolomiti Bellunesi), 7 giugno 2023 – Ancora una volta, Saucony Dolomiti Extreme Trail fa il pieno di iscritti. Sono infatti 1.700...
Share