13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 24, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo Pmi dati del Veneto. Piol (Presidente Comitato piccola industria Confindustria Veneto): "Le...

Pmi dati del Veneto. Piol (Presidente Comitato piccola industria Confindustria Veneto): “Le nostre Pmi sono esposte a rischi climatici, ambientali e di transizione”

Davide Piol, presidente del Comitato della Piccola industria di Confindustria Veneto

La guerra ucraina e la crisi energetica hanno ulteriormente peggiorato lo scenario, mettendo in bilico la tenuta del sistema e vanificando la ripresa nel biennio 2022-23

Mestre, 21 settembre 2022 – E’ stato presentato il Rapporto Regionale PMI 2022, realizzato da Confindustria e Cerved, in collaborazione con Unicredit e Gruppo 24 Ore, che analizza gli andamenti e le prospettive delle 160 mila società italiane che – impiegando tra 10 e 249 addetti e con un giro d’affari compreso tra 2 e 50 milioni di euro – rientrano nella definizione europea di piccola e media impresa, e generano un valore aggiunto complessivo pari a 204 miliardi di euro. Lo studio tiene conto del conflitto russo-ucraino e della persistenza dei rincari sul mercato delle materie prime e analizza l’esposizione delle PMI italiane ai rischi climatici, ambientali e di transizione nelle diverse regioni.

«Nell’ultimo anno – commenta Davide Piol, Presidente Comitato Piccola Industria di Confindustria Veneto – le PMI hanno dovuto fronteggiare sia le conseguenze della pandemia sia un nuovo e inaspettato shock: quello del conflitto in Ucraina, il tutto all’interno di un contesto già di per sé sfidante sul fronte della transizione ecologica e digitale. L’attuale scenario internazionale e gli effetti sui rincari dei prezzi delle materie prime rischiano di pregiudicare, inesorabilmente, il processo di ripartenza. È in bilico la tenuta stessa del sistema e per questo è necessario mettere in campo azioni diversificate, orientate al sostegno della competitività delle aziende, vero motore per la ripresa del Paese. Per questo, i Comitati della Piccola Industria di Confindustria hanno individuato alcune proposte da attuare il prima possibile, tra cui: il rinnovo della moratoria di legge per le PMI; un intervento strutturato per la patrimonializzazione e il rafforzamento della struttura finanziaria delle imprese; l’utilizzo di strumenti come la leva fiscale o il rafforzamento degli schemi di garanzia a supporto delle emissioni obbligazionarie e di altri strumenti di debito per favorire la crescita dimensionale delle imprese; la proroga del “credito d’imposta per la quotazione delle PMI” e lo sviluppo della finanza alternativa. Occorre creare condizioni migliori e mettere a disposizione strumenti più efficaci per potenziare la patrimonializzazione delle imprese e rilanciarne gli investimenti, al fine di accompagnarle in un percorso di crescita e di innovazione.»

Share
- Advertisment -

Popolari

Oltre le vette – Metafore, uomini, luoghi della montagna. A Belluno dal 7 al 16 ottobre 2022

Oltre 40 eventi in calendario, per la prima volta la rassegna coinvolge i comuni di Alpago, Agordo, Cesiomaggiore, Sedico, Val di Zoldo Si svolgerà come di...

Addio all’Italia. Elena Da Ronch, ecco perché me ne vado. A 16 mesi dal vaccino gli effetti avversi non sono cessati

Belluno, 24 settembre 2022 - "Ho paura a rimanere qui, per questo ho deciso di andarmene"! E' quanto rivela Elena Da Ronch, tutt'oggi vittima degli...

Modena Motor Gallery 2022. Sabato e domenica la 10ma edizione

Una grande festa dei motori e non solo. Modena Motor Gallery 2022, l’edizione del decennale, in programma nei giorni 24 e 25 Settembre 2022, in...

No all’apertura anticipata della caccia. Il Tar del Veneto sospende il calendario venatorio

Il Tribunale amministrativo regionale del Veneto, con l’ordinanza n. 798/2022, ha disposto la sospensione del Calendario venatorio nella parte in cui prevede l’apertura della...
Share