13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 28, 2023
Home Cronaca/Politica Ultimo giorno di campagna elettorale, dalla mezzanotte scatta il silenzio

Ultimo giorno di campagna elettorale, dalla mezzanotte scatta il silenzio

Belluno, 10 giugno 2022 – Ancora poche ore di campagna elettorale e poi dalla mezzanotte scatterà il silenzio, in vista del voto di domenica che interessa 65 Comuni.

Ma come hanno passato l’antivigilia i tre candidati sindaco di Belluno e i loro candidati? Festa è stata la parola d’ordine per tutti.

Giuseppe Vignato, con i candidati delle sue quattro liste a sostegno era nella location più suggestiva, il parco di Lambioi, con dj alla consolle e buffet per tutti. Buona la partecipazione, presente anche il ministro Federico D’Incà e l’onorevole Roger De Menech.

Lucia Olivotto ha scelto di rimanere in centro, al bar Insolita Storia, vicino a Piazza Piloni dove ha la sua sede per questa campagna elettorale. Musica pop e rock live. Presenti i candidati e i simpatizzanti del centrosinistra bellunese.

Parcheggi auto esauriti a Cavarzano, meta dei candidati del centrodestra a sostegno di Oscar De Pellegrin e dove la festa elettorale è diventata festa del quartiere. Anche qui musica dal vivo, con piatti e snack di vario tipo.

Domani, sabato saranno allestiti i seggi nelle varie scuole. Domenica 12 giugno si vota per il sindaco e per i referendum sulla giustizia, che prevede un quorum del 50% degli elettori più uno. Alla chiusura dei seggi, domenica alle 23 inizierà lo scrutinio dei 5 referendum. Mentre le schede per le elezioni comunali saranno scrutinate lunedì dalle ore 14.

Ecco in sintesi i 5 quesiti sulla giustizia

  1. Si chiede di abrogare parte della legge Severino laddove prevede l’incandidabilità, l’ineleggibilità e la decadenza automatica per parlamentari, membri del governo, consiglieri regionali, sindaci e amministratori locali nel caso di condanna per reati gravi.
  2. Si chiede lo stop alle cosiddette “porte girevoli” per far cessare il cambio di funzioni tra giudici e pm e viceversa nella carriera di un magistrato.
  3. Si chiede l’eliminazione dell’obbligo per un magistrato di raccogliere da 25 a 50 firme per presentare la propria candidatura al Consiglio Superiore della Magistratura.
  4. Si chiede di togliere la “reiterazione del reato” dai motivi per cui i giudici possono disporre la custodia cautelare in carcere o i domiciliari per una persona durante le indagini e quindi prima del processo.
  5. Si chiede che gli avvocati, parte di Consigli giudiziari, possano votare in merito alla valutazione dell’operato dei magistrati e della loro professionalità.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Soccorso alpino e droni: attività e prospettive

Il passaggio al nuovo anno è il momento in cui si tirano le somme del passato e si pianifica il futuro. Il Soccorso alpino...

Moda: gli accessori più importanti per una donna

Per rendere meglio l'idea potremmo dire che gli accessori femminili stanno all'abbigliamento come l'illuminazione sta all'arredamento di una stanza. Se scelti bene, possono far...

Caso Miramonti. L’immobiliarista Corsini scrive a tutte le autorità elencando le criticità rilevate

C’è un nuovo intervento dell’immobiliarista romano Matteo Corsini che oggi ha inviato una comunicazione a tutte le autorità sul caso del Grand Hotel Miramonti...

Safilo Longarone. Segreterie regionali Filctem Cgil – Femca Cisl – Uiltec Uil: 472 lavoratori ritenuti non più strategici

Ieri, giovedì 26 gennaio presso la sede di Veneto Lavoro, si è tenuto alla presenza dell’Assessore Elena Donazzan l’incontro fra le OO.SS e l’Amministratore...
Share