13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 1, 2022
Home Sanità Giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa. I consigli della Ulss Dolomiti

Giornata mondiale contro l’ipertensione arteriosa. I consigli della Ulss Dolomiti

Oggi, 17 maggio, ricorre la Giornata mondiale contro l’ipertensione, un momento importante per sensibilizzare sull’importanza del controllo della pressione arteriosa, informare sulla prevenzione dell’ipertensione e sui relativi rischi. Controllare la pressione è importante. Secondo i dati raccolti nell’abito del sistema di sorveglianza Passi, in Ulss Dolomiti l’89% dei cittadini adulti hanno misurato la pressione arteriosa negli ultimi due anni e il 18% riferisce di aver ricevuto una diagnosi di ipertensione. Entrambe le percentuali ci collocano in una situazione migliore rispetto al valore nazionale, dove troviamo un 81% che riferisce di aver misurato la pressione negli ultimi due anni e un 19,9% che presenta ipertensione.

Che cos’è l’ipertensione?
L’ipertensione è una condizione caratterizzata dall’elevata pressione del sangue nelle arterie, determinata dalla quantità di sangue che viene pompata dal cuore e dalla resistenza delle arterie al flusso del sangue. E’ il più comune fattore di rischio modificabile per le malattie cardiovascolari
e si prevede che entro il 2025 interesserà circa 1,5 miliardi di individui, pari a 1/5 della popolazione mondiale.

Quali sono i fattori di rischio?
Alcuni fattori di rischio responsabili dello sviluppo dell’ipertensione arteriosa sono:
• età
• familiarità (anche solo uno dei genitori o parente di primo grado)
• eccessivo consumo di sale
• sovrappeso o obesità
• sedentarietà
• uso di farmaci o sostanze che possono aumentare la pressione (contraccettivi, farmaci antinfiammatori, cortisonici, vasocostrittori nasali, anfetamine, cocaina, liquirizia etc.)
• cause ormonali (aldosterone, renina, catecolammine)

Quali sono i sintomi dell’ipertensione?
Molte delle persone affette da ipertensione non lamentano sintomi, anche in presenza di valori pressori molto elevati. I sintomi legati all’ipertensione arteriosa, infatti, non sono specifici, e per questo sono spesso sottovalutati. Tra i sintomi più comuni troviamo:
• Mal di testa, specie al mattino
• Stordimento e vertigini
• Ronzii nelle orecchie (acufeni, tinniti)
• Alterazioni della vista (visione nera, o presenza di puntini luminosi davanti agli occhi)
• Perdite di sangue dal naso (epistassi)

Come prevenire l’ipertensione?
Secondo il Ministero della Salute, ogni persona può adottare cinque misure concrete per ridurre al minimo il rischio di sviluppare l’ipertensione con le sue conseguenze dannose:
1. Seguire un regime alimentare sano e bilanciato, con particolare attenzione a una nutrizione adeguata per i bambini e i giovani.
2. Evitare il consumo dannoso di alcol.
3. Praticare attività fisica regolarmente e mantenere un peso corporeo nella norma.
4. Smettere di fumare e di esporsi al fumo passivo.
5. Gestire lo stress in maniera sana.

Quali sono i valori normali?
La misurazione della pressione arteriosa viene espressa attraverso due valori, pressione sistolica (massima) e pressione diastolica (minima), derivati dalla contrazione (sistole) e dal rilasciamento (diastole) del muscolo cardiaco tra un battito e l’altro.
I valori normali per la popolazione adulta sono compresi entro i 140/85 mmHg. Pertanto, si parla di ipertensione quando uno o entrambi i valori di pressione sono costantemente superiori alla norma.

Come misurare correttamente la pressione?
1. Sedersi per almeno 5 minuti in ambiente silenzioso e confortevole, senza accavallare le gambe, prima di iniziare la misurazione
2. Appoggiare il braccio, in posizione comoda, all’altezza del cuore
3. Almeno 1 ora prima della misurazione, per ottenere dei valori affidabili, è bene non assumere alcool, caffè o thè, farmaci decongestionanti nasali e non fumare
4. Effettuare 2-3 misurazioni in sequenza (a distanza di 1 minuto)
5. Misurare la pressione anche in piedi, dopo 1-3 minuti
6. Rilevare anche la frequenza cardiaca

“L’ipertensione arteriosa è solitamente subdola e il solo modo per fare diagnosi è quello di sottoporsi periodicamente a misurazioni della pressione. Il più delle volte si arriva alla diagnosi quando i valori di pressione, alti da parecchio tempo, hanno già fatto danno o, addirittura, in occasione di eventi acuti (infarto miocardico, ictus cerebrale). Una volta diagnosticata l’ipertensione arteriosa, è utile sottoporsi ad alcuni esami che permettono di capire se l’ipertensione ha già danneggiato i vasi, il cuore, i reni, aiutando il medico nella definizione del profilo di rischio cardiovascolare dei pazienti e nella scelta della terapia antiipertensiva più adatta.” spiega il Responsabile dell’UOS di Imaging cardiovascolare, Giuseppe Bilardo.

La possibilità di misurare la pressione arteriosa con metodica semplice nasce nel 1896 quando il medico italiano Scipione Riva Rocci, modificando una precedente invenzione, mise a punto lo strumento chiamato sfigmomanometro, che usiamo ancora oggi. Da allora, per tutta la prima metà del secolo scorso, sono stati condotti numerosi studi che hanno identificato i valori di ‘normalità’ e che hanno dimostrato che l’ipertensione aumenta il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari e aumenta il rischio di morte rispetto alle persone con normale pressione arteriosa. Dagli anni ’60-70 sono comparse le prime cure farmacologiche e numerosi studi condotti con metodo scientifico fino agli anni ’90 dimostrarono che la riduzione della pressione arteriosa portava ad una riduzione delle malattie cardiovascolari e un aumento della sopravvivenza.

“La ricerca farmaceutica ha quindi fornito cure efficaci e ben tollerate per il controllo di questo importante fattore di rischio: sono disponibili molteplici categorie di farmaci antiipertensivi e per ogni categoria sono disponibili diverse molecole.” commenta il Direttore dell’UOC di Cardiologia di Belluno, Alessandro De Leo “La terapia farmacologica, che deve essere sempre accompagnata dalle modifiche dello stile di vita e dalle misure igienico-dietetiche, va testata identificando nella singola persona la tipologia di farmaco e la sua posologia più adatte. La terapia farmacologica, in generale, va assunta in modo continuativo alle dosi indicate dal medico, ma vi può essere la necessità di modularla nel corso del tempo. Pertanto la pressione arteriosa va controllata regolarmente – ma non troppo assiduamente – per verificare l’efficacia della terapia.”

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Gran finale al Mig, Premio Mastri Gelatieri, Premio MIG Green e l’attesissima 52ma Coppa d’Oro

52ma Coppa d’Oro, vince il gusto malaga di Barbara Bettera di Rivolta d’Adda Con gli ultimi concorsi si chiude la Mig 2022 Longarone, 30 novembre...

Vino & Arte in Villa in Valbelluna, prima edizione. Sabato a Villa Miari Fulcis a Modolo

Feltre, 30/11/2022  Grazie ad un contributo della Regione Veneto e la collaborazione tra Consorzio Dolomiti Prealpi, Villa Miari Fulcis e Villa San Liberale sono in...

Infiltrazioni criminalità organizzata nel tessuto economico del Veneto

Marghera, 30 novembre 2022. Quello dell’infiltrazione della criminalità organizzata nelle Imprese del Nord Est è purtroppo uno dei fenomeni che in questi ultimi anni...

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre nelle piazze il “Panettone fatto per bene” di Emergency

Il dolce tipico del Natale quest’anno avrà tutto un altro sapore: da giovedì 8 a domenica 11 dicembre 2022 Emergency sarà con i suoi...
Share