13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 1, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo Agrimont 2022: ultimi due giorni con gli allevatori, la riqualificazione rurale, i...

Agrimont 2022: ultimi due giorni con gli allevatori, la riqualificazione rurale, i prodotti tipici con degustazione e l’apicoltura di montagna

In primis Longarone Fiere Dolomiti ringrazia nuovamente per lo straordinario lavoro dei Vigili del Fuoco, delle Forze dell’Ordine, della Protezione Civile, per l’intervento di tantissimi Operatori e Volontari. Il fronte dell’incendio è sotto controllo e non ci sono problemi per la Fiera e per chi ha in programma di visitarla.

Ultimi due giorni di Agrimont quindi, sabato 26 e domenica 27, con orario 9-19. Presenti 214 marchi aziendali, di cui 173 da 13 regioni italiane e 41 da 11 Paesi esteri. Per i prodotti, le macchine e attrezzature per l’agricoltura e per tutto ciò che riguarda il mondo rurale montano Agrimont si conferma come l’evento di riferimento, anche per la cura e manutenzione del territorio e il suo sviluppo agrituristico.
Ad accompagnare questa spettacolare esposizione, continuano gli attesi appuntamenti di approfondimento e formazione. Sabato, a partire dalle ore 10.30 presso l’Area Incontri – pad. C, possiamo assistere alla presentazione ufficiale del nuovo protocollo di lavoro di ARAV per l’Asciutta Selettiva, messo a disposizione di allevatori e veterinari, in risposta alla normativa europea in vigore dal 28 gennaio. Coordinatore dei lavori sarà il Direttore di ARAV, Walter Luchetta, e aprirà gli interventi Milo Veronese, Presidente Assemblea Allevatori Belluno. A seguire la Prof.ssa Flaviana Gottardo del Dipartimento Medicina Veterinaria dell’Università di Padova che presenterà i dati raccolti attraverso il Progetto “Lisato Piastrinico” e il tecnico specializzato ARAV, il Dr. Raimondo Dal Prà il nuovo Protocollo di ARAV. Poi Giuseppe Mastrotto, dei Servizi Informatici spiegherà l’utilizzo del software SI@LLEVA nella gestione dell’Asciutta Selettiva. Chiuderà i lavori il Presidente ARAV, Floriano De Franceschi.
Mentre dalle ore 11 nel Centro Congressi, sarà presentata la pubblicazione “Il recupero dei fabbricati rurali e le opportunità per la montagna veneta” che è stata preparata dagli uffici della Regione Veneto per mostrare le possibilità che si offrono attualmente per la riqualificazione del patrimonio edilizio montano, non solo in termini di politiche e strumenti di sostegno, ma anche delle diverse forme d’uso che possono sostenere la valorizzazione di questi edifici. La pubblicazione, che sarà distribuita nel corso dell’evento, presenta il quadro politico-normativo per il recupero dell’edilizia montana nel territorio veneto, con approfondimenti dei responsabili regionali su forme d’uso quali l’agriturismo, la fattoria sociale, la fattoria didattica, la zootecnia, e gli strumenti di sostegno economico per la riqualificazione degli edifici. Il volume è stato realizzato dalla Direzione regionale Pianificazione territoriale nell’ambito delle attività del progetto Interreg Italia-Austria SHELTER.
Il “Progetto SHELTER e gli strumenti per sostenere il recupero dell’edilizia rurale” saranno descritti da Luca Lodatti e Claudio Perin, Regione Veneto – Direzione Pianificazione Territoriale. Toccherà invece al Sindaco di Val di Zoldo, Camillo De Pellegrin, presentare le attività svolte con questo progetto all’interno del suo territorio con il recupero del Mas de Sabe. Sulla partecipazione delle comunità per il recupero dei fabbricati rurali interverrà Jessica Balest dell’EURAC Research. Infine, Francesco Marinelli dell’Associazione Ecoaction parlerà di efficienza energetica e recupero del patrimonio edilizio rurale.
Nel pomeriggio si riprende alle ore 15.00 all’esterno grazie all’I.I.S. Agrario “A. Della Lucia” di Feltre con la dimostrazione “Teoria e pratica dell’innesto e della potatura” del prof. Alessandro Gallon.
Alle 15.30 invece, nell’Area Incontri, l’appuntamento con il “Percorso della Comunità del cibo Prealpi e Dolomiti Bellunesi” che vedrà gli interventi di Giorgio Trentin della Regione Veneto Direzione Agroalimentare, Enrico Sturaro dell’Università di Padova DAFNAE, Ezio Busetto dell’IIS Della Lucia, Oscar Padovani e Serena Turrin, membri del Gruppo Tecnico di Coordinamento della nascente Comunità del Cibo, Laura Solinas di Slow Food Belluno. E per finire, in collegamento dalla Provincia di Lucca, la Comunità del cibo della Garfagnana. Chiuderà l’evento la dimostrazione – cooking show dello chef Mauro Cavalet con la sua proposta, rigorosamente a base di prodotti tipici: orzotto al cappuccio viola con pastin croccante e fonduta al formaggio stagionato di Latteria accompagnati da vino bianco, rifermentato in bottiglia, di Bianchetta, uva autoctona. Prevista anche la degustazione naturalmente!
I convegni ospitati ad Agrimont 2022 sono disponibili online sul portale del Forum dell’Agricoltura di Montagna: https://forum.agrimont.it

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Gran finale al Mig, Premio Mastri Gelatieri, Premio MIG Green e l’attesissima 52ma Coppa d’Oro

52ma Coppa d’Oro, vince il gusto malaga di Barbara Bettera di Rivolta d’Adda Con gli ultimi concorsi si chiude la Mig 2022 Longarone, 30 novembre...

Vino & Arte in Villa in Valbelluna, prima edizione. Sabato a Villa Miari Fulcis a Modolo

Feltre, 30/11/2022  Grazie ad un contributo della Regione Veneto e la collaborazione tra Consorzio Dolomiti Prealpi, Villa Miari Fulcis e Villa San Liberale sono in...

Infiltrazioni criminalità organizzata nel tessuto economico del Veneto

Marghera, 30 novembre 2022. Quello dell’infiltrazione della criminalità organizzata nelle Imprese del Nord Est è purtroppo uno dei fenomeni che in questi ultimi anni...

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre nelle piazze il “Panettone fatto per bene” di Emergency

Il dolce tipico del Natale quest’anno avrà tutto un altro sapore: da giovedì 8 a domenica 11 dicembre 2022 Emergency sarà con i suoi...
Share