13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 1, 2022
Home Cronaca/Politica No greenpass 28 Belluno. La forma vince sulla sostanza: alle Poste non...

No greenpass 28 Belluno. La forma vince sulla sostanza: alle Poste non si entra con tampone molecolare negativo privo di codice Qr

Belluno, 5 febbraio 2022 – Ve lo ricordate il romanzo scritto nel 1940 da Dino Buzzati “Il deserto dei Tartari” diventato un film nel 1976? Ebbene c’è una scena in cui un soldato uscito dalla Fortezza Bastiani per recuperare un cavallo, quando deve rientrare dimentica la parola d’ordine e la sentinella che riconosce il suo commilitone guarda il suo superiore il quale lo osserva impassibile. A quel punto la sentinella spara e uccide il soldato, come da regolamento. La finzione letteraria e cinematografica, fondata su una dimenticanza, un maledetto vizio di forma, di procedura, di regolamento, ben rappresenta quello che è successo questa mattina all’ufficio postale di Fortogna (Longarone), raccontato da una signora oggi pomeriggio al Parco “Città di Bologna” alla 28ma manifestazione nogreenpass di Belluno. Avevamo scritto ieri di un pensionato, che essendo senza green pass, non ha potuto ritirare la sua pensione all’ufficio postale di Fortogna. Ebbene, ieri la stessa persona, munita di tampone molecolare negativo rilasciato da una struttura pubblica riconosciuta, è tornato allo stesso ufficio postale, ma l’inflessibile impiegata, come la guardia della Fortezza Bastiani, a fronte del documento cartaceo valido privo del codice Qr ha allontanato nuovamente l’uomo senza consegnargli la pensione. Di più. Anche la moglie, munita anch’essa della certificazione negativa di tampone molecolare privo di codice Qr, non ha potuto ritirare una raccomandata giacente. Se non fosse tutto vero, sembrerebbe la trama di un film surreale di Buñuel. Insomma, siamo alla follia, dove se manca un codice, peraltro derivato dal documento cartaceo scitto in chiaro che certifica la “negatività Rna-Sars-Cov2 con test di screening effettuato con metodo real time PCR con confronto del gene…” l’ingranaggio burocratico s’inchioda. Chissà come giustificherà ora la direzione provinciale delle Poste tale comportamento, al limite della persecuzione.

Altri due interventi oggi hanno guadagnato gli applausi degli oltre 200 presenti alla manifestazione. Quello di don Floriano Pellegrini che ha lanciato l’idea di costituire un’associazione in difesa dei giovani e dei bambini, posto che i rischi da effetti avversi nella popolazione giovanile superano quelli da eventuale malattia covid. E’ intervenuto inoltre Gabriele Sannino, giornalista, scrittore, blogger, che ha illustrato il sistema QFS quantum financial system, una moneta legata all’oro, che sostituirà quello delle banche centrali. Una nuova élite insomma, che controllerà tute le operazioni e che soppianterà quella attuale.

Roberto De Nart

Share
- Advertisment -

Popolari

Gran finale al Mig, Premio Mastri Gelatieri, Premio MIG Green e l’attesissima 52ma Coppa d’Oro

52ma Coppa d’Oro, vince il gusto malaga di Barbara Bettera di Rivolta d’Adda Con gli ultimi concorsi si chiude la Mig 2022 Longarone, 30 novembre...

Vino & Arte in Villa in Valbelluna, prima edizione. Sabato a Villa Miari Fulcis a Modolo

Feltre, 30/11/2022  Grazie ad un contributo della Regione Veneto e la collaborazione tra Consorzio Dolomiti Prealpi, Villa Miari Fulcis e Villa San Liberale sono in...

Infiltrazioni criminalità organizzata nel tessuto economico del Veneto

Marghera, 30 novembre 2022. Quello dell’infiltrazione della criminalità organizzata nelle Imprese del Nord Est è purtroppo uno dei fenomeni che in questi ultimi anni...

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre nelle piazze il “Panettone fatto per bene” di Emergency

Il dolce tipico del Natale quest’anno avrà tutto un altro sapore: da giovedì 8 a domenica 11 dicembre 2022 Emergency sarà con i suoi...
Share