13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Cronaca/Politica Anche Belluno aderisce alla protesta contro le restrizioni imposte dal governo. Domani...

Anche Belluno aderisce alla protesta contro le restrizioni imposte dal governo. Domani il volantinaggio davanti alle scuole Catullo

Domani 27 gennaio 2022 nelle principali piazze italiane, i movimenti Resistenza Radicale, Sindacato Fisi e Comitato di Liberazione Nazionale, consegneranno ai cittadini una lettera aperta di protesta contro le scelte del governo. Per combattere questa deriva totalitaria si è ricostituito il Comitato di Liberazione Nazionale, presieduto dal professor Mattei, e il sindacato Fisi ha proclamato ancora una volta uno sciopero generale in difesa della Costituzione, per il 15 Febbraio a Roma, piazza San Giovanni, h.14.30.

E del resto, che qualcosa oramai stia cambiando, lo si capisce dalle parole del professor Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, ospite del programma ‘Il mio medico’ su Tv2000: “Se in primavera raggiungeremo il 95% di protezione, è il momento di rivedere la strategia e l’impianto del Green pass. Con il 95% di protezione nella popolazione, che senso ha continuare a chiedere il Green pass? E’ servito per far vaccinare le persone, ma così diventa purtroppo uno strumento di odio sociale”

Domani, anche a Belluno aderisce alla protesta attraverso il volantinaggio davanti alla Scuola “Catullo”.

“Il governo – si legge nel documento – perseguita milioni di cittadini, colpevoli di esercitare il diritto a non essere sottoposti a trattamento farmacologico sperimentale;

Il governo costringe la popolazione a sottoporsi a una sperimentazione farmacologica, estorcendo il consenso tramite la violenza;
Il governo priva del diritto al lavoro e alla sussistenza i dissidenti politici, condannandoli alla morte sociale e alla morte per fame;
il governo costringe bambini e giovani a sottoporsi alla sperimentazione, senza alcuna utilità e con enormi rischi, ricattandoli con l’esclusione dalla vita sociale;
Il governo tiene al confino sulle isole i dissidenti politici, cui è impedito di muoversi se non sottoposti alla sperimentazione;
Il governo e le massime istituzioni minacciano e additano all’odio quella parte dei cittadini che si oppone alla dittatura;
Il governo si sostituisce al potere legislativo con l’abuso della decretazione d’urgenza;
Il governo impone ai parlamentari il green pass come strumento di tracciamento, e impedisce l’esercizio delle funzioni a quei parlamentari che rifiutano;
Il governo utilizza il green pass contro le stesse norme che lo istituiscono a livello europeo, norme che vietano di discriminare chi rifiuta il farmaco sperimentale.

Lottiamo perchè la memoria sia viva, costruiamo insieme una disobbedienza nonviolenta di massa”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share