13.9 C
Belluno
martedì, Settembre 27, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti L’estate continua con il festival Vertigini. Ecco il programma della seconda settimana

L’estate continua con il festival Vertigini. Ecco il programma della seconda settimana

Dopo una settimana di eventi quasi tutti sold out, il festival Vertigini prosegue a Belluno, sempre all’insegna della sperimentazione, della ricerca e della condivisione, con moltissimi appuntamenti tra teatro, musica, performance, burattini, laboratori, installazioni e spettacoli in realtà virtuale.

Ecco il programma della seconda settimana

Lunedì 20 avremo il piacere di ospitare a Belluno la storica compagnia del Teatro del Lemming con “Metamorfosi. Di forme mutate” presso l’Hangar 11. Liberamente ispirato alle Metamorfosi di Ovidio, lo spettacolo, che non rinuncia alla specifica poetica sensoriale della Compagnia, denominata “Teatro dello spettatore”, propone per ogni partecipante un’immersione radicale, intima e personale nello spazio del rito, del mito e del ricordo. Uno spettacolo per cinque spettatori alla volta. L’evento è già da giorni sold out.

Martedì 21/09 alle 18:30 presso la Chiesetta di San Liberale, sarà la volta di “Primo Canto per voce e tempesta” di SlowMachine, una performance vocale tratta da “Causa di beatificazione” di Massimo Sgorbani dove l’attrice Elena Strada, darà voce e corpo all’estasi e al dolore della mistica del 1200 Angela da Foligno. Il luogo è raggiungibile a piedi con una camminata di 20 minuti dal parcheggio di via Sala, ora di partenza dal parcheggio: 18:10.

Giovedì 23 e Venerdì 24, nel pomeriggio in vari turni, nel chiostro di Palazzo Fulcis, sarà presentata l’installazione “Ecosistemi sonori” dei bellunesi Davide Rizzardi e Alessandro Casol. Rendere visibile – o meglio udibile – ciò che risulta spesso invisibile al nostro sguardo, ovvero, il fatto che la vita è un incessante interagire, spesso inconscio, tra gli elementi che la compongono. Questa rete di relazioni è ciò che l’installazione vuol far riaffiorare per generare in ciascuno di noi un profondo senso di appartenenza. In questa installazione non vi sono spettatori, ogni persona è parte costitutiva dell’ecosistema sonoro.
Sempre il 23 e 24 le giornate proseguono all’Hangar11 dove alle ore 21:00 sarà rappresentato lo spettacolo “Notti” di SlowMachine. A partire da “Le notti bianche” di Dostoevskij, passando attraverso “Amore liquido” di Bauman, uno spettacolo tra teatro e video che si interroga sulla dimensione nell’oggi di quell’assoluto e fragile sentimento chiamato amore.

Sabato 25/09 il pomeriggio sarà dedicato ai più piccoli. Si parte alle ore 16:00 con un laboratorio gratuito di burattini a cura di Paolo Rech per bambini dai 5 ai 12 anni, presso lo Studio SlowMachine di Via del Piave. Si prosegue alle ore 18:00 con lo spettacolo “Arlecchinate” di Bambabambin Puppet Theatre a Parco Bologna ad ingresso libero. Spettacolo di burattini tradizionali di e con Paolo Rech, un repertorio di farse provenienti dalla tradizione italiana, protagonista Arlecchino, accompagnato dai personaggi della Commedia dell’Arte, in uno spettacolo che unisce dialoghi divertenti e ritmo incalzante.

La serata di sabato 25 si conclude al chiostro di Palazzo Fulcis alle ore 21:00, con la sonorizzazione dal vivo di Stefano Pilia e Paolo Spaccamonti del film “L’uomo con la macchina da presa”, in un progetto che unisce cinema e musica dal vivo. L’uomo con la macchina da presa diretto dal regista Dziga Vertov è il monumento del cinema costruttivista sovietico, un vorticoso mosaico sull’utopia dell’uomo-macchina. Questo classico del cinema muto non è mai stato mostrato con la musica che lo stesso Vertov aveva immaginato per il film, eseguita soltanto alla sua prima uscita.
I musicisti Stefano Pilia e Paolo Spaccamonti, si incontrano sul palco per dare voce e suono ad una delle ultime espressioni dell’avanguardia cinematografica sovietica.
Il festival si conclude domenica 26 con “Segnale d’allarme_La mia battaglia” in VR regia Elio Germano e Omar Rashid al Teatro Comunale di Belluno. Uno dei primi esperimenti mondiali di teatro in realtà virtuale. Allo spettatore occhiali immersivi e cuffie, per una visione a 360° dello spettacolo, tratto dalla traduzione italiana di Mein Kampf di Adolf Hitler, diretto e interpretato da Elio Germano, attore tra i più importanti del cinema italiano.

Per il programma completo e i costi visitate il sito www.slowmachine.org.
I posti sono limitati, per tutti gli eventi è consigliata la prenotazione scrivendo a biglietteria@slowmachine.org o telefonando al 328 9252116
Si ricorda che, in ottemperanza alle normative vigenti, l’accesso agli eventi è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Green Pass (in formato cartaceo o digitale) in corso di validità. Sono esenti da verifica i minori di 12 anni e i soggetti esenti sulla base di idonea certificazione (art. 3 comma 3 D.L. 105 del 23 luglio 2021).

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Elezioni politiche 2022. Maria Teresa Cassol (PD): “Partito Democratico da rifondare: si torni tra le gente, si parta dai giovani”

“I partiti, iniziando dal Partito Democratico, devono tornare a stare tra la gente: il PD è un grande partito, che va però rifondato identificando...

Politiche 2022. Osnato (FdI): “Una vittoria senza se e senza ma”. De Carlo: “5 anni fa eravamo al 4%, oggi in regione siamo al...

"Questa mattina, con dati ormai definiti, possiamo sicuramente trarre le prime considerazioni. Si tratta di una vittoria senza “se” e senza “ma”, che dimostra una...

Federica Lotti (flauto) e Massimo Somenzi (pianoforte) venerdì alle 20:30 al Liceo Lollino di Belluno

Al via la seconda parte della 69ma Stagione 2022 del Circolo Culturale Bellunese, sulle note del flauto di Federica Lotti, accompagnata al pianoforte da...

Nuova pista di atletica al Polisportivo di Belluno

Sono a buon punto i lavori al Polisportivo di Belluno: entro la settimana sarà terminata la posa della nuova pista di atletica. Il progetto,...
Share