13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 18, 2021
Home Cronaca/Politica Polveri sottili. Zanoni: "Veneto inadempiente anche per responsabilità della Regione. Grave che...

Polveri sottili. Zanoni: “Veneto inadempiente anche per responsabilità della Regione. Grave che i sindaci siano lasciati soli a dover decidere”

Andrea Zanoni, consigliere regionale

Venezia, 13 settembre 2021 “Dal report di Legambiente, purtroppo, nessuna novità positiva. Ancora una volta il Veneto si trova in vetta per lo sforamento dei limiti delle polveri sottili. È una storia che si trascina da anni, con misure inadeguate da parte delle istituzioni, a cominciare dalle Regione”. È quanto dichiara Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico a Palazzo Ferro Fini, dopo aver letto il dossier ‘Mal’aria’ di Legambiente che certifica come ad oggi già quattro capoluoghi veneti abbiano superato la soglia massima dei 35 sforamenti annui: Verona e Venezia, al primo posto in Italia con 41 giorni ‘fuori limite’, quindi Vicenza a 40, Treviso con 38. Ma presto si aggiungeranno anche Padova e Rovigo, ferme a 35.

“L’Italia e il Veneto continuano a scherzare col fuoco: oltre al danno per la salute dei cittadini, a breve rischiamo anche la beffa di multe salatissime. Nel 2018 dalla Corte di Giustizia dell’Ue è arrivata una seconda condanna per l’Italia, dopo quella del 2012, per la violazione sistematica tra il 2008 e il 2017 della Direttiva sulla qualità dell’aria in riferimento ai valori limite di Pm10. Urgono misure efficaci, non palliativi, coordinate a livello regionale. Invece finora è mancata una regia unica, con i sindaci lasciati soli a dover decidere, con provvedimenti scoordinati o addirittura in contrasto fra loro e quindi inefficaci. E ci vorrebbero maggiori risorse per incentivare i cittadini a rottamare le vecchie auto inquinanti e le stufe a legna; potenziare il trasporto pubblico acquistando mezzi elettrici”.

“Finora è stato fatto troppo poco – insiste Zanoni – sia dalle Regioni che dallo Stato. Serve un intervento europeo per un cambio di rotta. Europa a cui mi sono rivolto anche io nel 2019, presentando una denuncia alla Commissione per l’ennesima violazione della Direttiva sulla qualità dell’aria con relativa emergenza sanitaria”.

Share
- Advertisment -




Popolari

Denunciato il direttore della Ser.S.A.

7Belluno, 17 settembre 2021 - Può un direttore di una Rsa impedire la visita di un parente diretto nell’orario prestabilito, in possesso di prenotazione...

Crisi Acc. Donazzan: Dopo le rassicurazioni di Annibaletti confidiamo in una posizione coerente del Mise

Venezia, 17 settembre 2021  -  L’Assessore regionale al lavoro del Veneto, Elena Donazzan, alla luce delle odierne dichiarazioni riportate dalla stampa locale in merito alla...

ACC. Incontro al Mise del 28 settembre. Zuglian: “La Fim Cisl non lascerà che a pagare errate valutazioni o previsioni siano ancora i lavoratori”

"La Fim Cisl giudica positivamente la pronta convocazione del tavolo ACC al Mise del 28 settembre. Alla luce di alcune dichiarazioni apparse sui giornali...

Via le restrizioni del green pass a scuola, sono discriminatorie e pericolose

L’Italia è il Paese con il Green Pass più restrittivo d’Europa eppure non ci sono ancora linee guide precise su come vivere la quotidianità...
Share