13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 28, 2022
Home Cronaca/Politica Fondi Comuni confinanti. Firmate le ultime quattro convenzioni, chiusa la programmazione 2013-2018

Fondi Comuni confinanti. Firmate le ultime quattro convenzioni, chiusa la programmazione 2013-2018

Interventi sulla viabilità, sugli ecocentri e su un immobile; contributi alle imprese colpite dal Covid

Palazzo Piloni, sede dell’amministrazione provinciale

Si è conclusa martedì 31 agosto la programmazione 2013-2018 dei Fondi Comuni confinanti a regia provinciale. A Palazzo Piloni infatti sono state firmate le ultime quattro convenzioni relative ad altrettanti progetti di area vasta.

Il primo progetto è il piano di “Miglioramento delle condizioni di sicurezza e viabilità nei collegamenti principali dei Comuni dell’Agordino con i territori confinanti”, che prevede interventi puntuali lungo la Sp 346 e la Sp 347 per migliorare le condizioni di sicurezza e assicurare maggiore velocità negli spostamenti quotidiani oltre che agevolare i flussi turistici. Un progetto da 1.540.000 euro, cofinanziato dal Fondo Comuni confinanti per 1.390.000 euro e dalla Provincia per 150mila euro. Questo intervento completa un pacchetto di quattro progetti con soggetto attuatore Veneto Strade, all’interno del quale rientrano anche la Galleria di Pala Rossa e la tangenziale di Agordo.

Il secondo progetto riguarda il “Miglioramento e messa a norma degli ecocentri dell’Agordino”, per un valore complessivo di 2 milioni di euro, interamente a carico del Fondo. Si tratta di un piano omogeneo di interventi sugli ecocentri, in particolare di adeguamento alla normativa vigente e di forniture di nuove attrezzature.

Il terzo progetto comprende la prima tranche delle misure a sostegno delle attività economiche e produttive per un totale di 1.750.000 euro, con cofinanziamento provinciale di 500mila euro. Infine, il quarto progetto, è la “Ristrutturazione dell’immobile ex caserma dei Carabinieri di Lamon”. Un piano da 1.650.814 euro, cofinanziato per 1 milione dal Fondo e per la restante cifra dalla Provincia. È previsto un restauro del complesso edificato, attualmente non utilizzato per le carenti condizioni strutturali e impiantistiche.

Roberto Padrin – Presidente della Provincia

«La Provincia crede fortemente nella capacità di questi progetti di mettere a frutto le risorse del Fondo e di consentire servizi e infrastrutture adeguate alla montagna, strumenti in grado di garantire qualità di vita e vivibilità alle “terre alte” – il commento del presidente di Palazzo Piloni Roberto Padrin -. Per questo abbiamo cofinanziato i progetti con risorse provinciali per quasi 1 milione 300mila euro, consapevoli di quanto sia importante allargare il più possibile gli obiettivi dalle aree strettamente di confine a tutto il territorio provinciale».

 

 

Dario Bond, deputato FI

«Con questi quattro progetti si chiude la vecchia programmazione del Fondo, portata avanti dal mio predecessore» commenta l’onorevole Dario Bond attuale presidente del Comitato Paritetico Fcc. «Ora dovremo aprire la nuova programmazione, sempre con l’obiettivo di garantire risorse e possibilità alla montagna e alle “terre alte” che pagano un gap notevole con i territori autonomi contermini. Se il Fondo vuole essere uno strumento per contrastare lo spopolamento e la crisi demografica, deve guardare sempre più ai servizi e alle necessità dei cittadini, non solo agli investimenti infrastrutturali. Va in questa direzione il fondo riservato alle imprese colpite dal Covid, anche con una spinta verso la digitalizzazione e la promozione di servizi in grado di bypassare le distanze fisiche».

Roger De Menech, deputato Pd

«La Provincia acquista un ruolo sempre più importante di regia e coordinamento, per pianificare il miglior utilizzo dei fondi Fcc sia a livello complessivo dell’intera provincia, sia anche all’interno delle vallate – il commento dell’ex presidente del Comitato Paritetico onorevole Roger De Manech -. Particolarmente importante in questo caso è la concretizzazione del “fondone Covid” a favore delle imprese, pensato ancora in una fase iniziale della pandemia, quando tutti pensavano che la situazione difficile durasse qualche settimana; vista l’evoluzione dei fatti, oggi è oltremodo importante come segno di attenzione a tutte le imprese. Queste risorse dovranno servire sia per lenire i problemi derivanti dal Covid, sia per dare uno spunto alla ripartenza, sperando di tornare alla normalità molto presto».

Share
- Advertisment -

Popolari

Presidenzialismo. Trabucco: “Approccio superficiale”

All'indomani delle elezioni politiche del 25 settembre 2022, il partito di maggioranza relativa (Fratelli d'Italia), in modo pienamente legittimo, ha illustrato uno dei punti...

Riqualificazione energetica dell’edificio Kraller. Saranno riservati 8 alloggi ai lavoratori temporanei

Belluno, 27 settembre 2022 - Via libera oggi in giunta al progetto definitivo/esecutivo di riqualificazione energetica dell’edificio Kraller, in via Lungardo. L’operazione, finanziata dal...

Tutto esaurito per i Percorsi della Memoria 2022: seimila partecipanti sui luoghi del Vajont

Longarone. Tutto esaurito per l’edizione 2022 dei Percorsi della Memoria: domenica prossima 2 ottobre ci saranno 6000 persone a camminare sui luoghi del Vajont....

Disponibile e gentile, amante della natura e dello sport. Cercasi Cavaliere sulle piste da sci, nell’area vacanze sci & malghe Rio Pusteria

Aperte fino all'8 novembre 2022 le candidature per svolgere il lavoro più cool delle Alpi nell'area vacanze sci & malghe Rio Pusteria, tra le...
Share