13.9 C
Belluno
mercoledì, Giugno 23, 2021
Home Scuola Il Lions Club Belluno dona 18 Pc alle scuole di Borgo Valbelluna

Il Lions Club Belluno dona 18 Pc alle scuole di Borgo Valbelluna

Il Lions Club Belluno, dopo l’apprezzato intervento per le scuole primaria e secondaria di Limana, ha voluto donare alle scuole di Borgo Valbelluna diciotto personal computer usati e ricondizionati da destinare a ragazzi che, a seguito della pandemia sono costretti a seguire le lezioni a distanza (DAD).

Una delegazione del Lions Club di Belluno, guidata dal presidente Giosaffatte Panella, dalla socia Lions Sabrina Bulegato delegata al Services e dal tesoriere Stefano Janiro, è stata accolta nel cinquecentesco salone municipale di Mel dal vicesindaco Monica Frapporti che ha ringraziato per questa meritoria iniziativa.

“Quest’iniziativa è l’esempio concreto di come unendo le forze, si riescono a realizzare concretamente dei progetti che hanno anche una valenza particolare”. Così si è espressa la vicesindaco Monica Frapporti che ha aggiunto: “In questo periodo dove anche gli studenti sono costretti al distanziamento, i computer sono uno strumento molto utile per la didattica, ma non solo. Questo progetto, molto valido, va nella direzione di sensibilizzare tutti noi verso la lotta allo spreco, un messaggio per andare verso un’economia circolare”.
A queste parole il Presidente del Club Panella ha affermato: “Come tutti i nostri Services, cerchiamo di utilizzare le competenze, le risorse e i contatti che abbiamo per fare squadra. In questo caso ringraziamo vivamente la Start UP Informatica srl rappresentata da Alberto Bonan, oggi con noi, che riesce a dare nuova vita alle apparecchiature da dismettere ripulendole e ricondizionandole. Come Lions siamo impegnati sul fronte ambientale su quattro punti, le quattro R: recupero, riciclo, riduzione, riutilizzo”.

Per il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Mel dott. Umberto De Col: “Riceviamo questo materiale, per noi prezioso. E’ in atto un cambiamento volto alla tecnologia e anche le famiglie più in difficoltà, come le straniere, si stanno avvicinando alle forme nuove di comunicazione con la scuola. La tecnologia non è solo utile per la didattica e per ricevere le nostre circolari, ma anche per rendere meno isolate le persone in un territorio bello come il nostro ma ampio e le aiutano anche nelle piccole cose come ad esempio pagare una bolletta. Dalla prossima settimana faremo partire un percorso di formazione per le famiglie con formatori qualificati”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Cento anni del Trenino delle Dolomiti: i radioamatori del Cadore e di Brunico portano le celebrazioni in tutto il mondo

“È stata un’esperienza bellissima; organizzare un’attività radioamatoriale congiunta tra le sezioni ARI Cadore e Brunico in occasione dei Campionati Mondiali di Sci a Cortina...

Mask to Ride. Parte il nuovo tour di Alvaro Dal Farra, 7mila Km in 12 giorni

Dopo MBE si parte con Mask to Ride. E' iniziata finalmente l'estate di Alvaro Dal Farra, che appena rientrato dal Motor Bike Expo di...

Escursionista scivola dagli Sfornioi e perde la vita

Val di Zoldo (BL), 23 - 06 - 21   Poco prima delle 14 la Centrale del 118 è stata allertata dai compagni di un'escursionista...

Diffamazione a mezzo stampa: incostituzionale il carcere obbligatorio. Compatibile solo nei casi di ecceziionale gravità

Roma, 22 giugno 2021 - La Corte costituzionale ha esaminato oggi le questioni sollevate dai Tribunali di Salerno e di Bari sulla legittimità costituzionale...
Share