13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 20, 2021
Home Meteo, natura, ambiente, animali Gruppo Salvataggio Anfibi Belluno torna in azione in vista della migrazione di...

Gruppo Salvataggio Anfibi Belluno torna in azione in vista della migrazione di rospi e rane

La primavera bussa alla porta ed i volontari rospisti si rimboccano le maniche per posizionare reti e barriere che serviranno per salvare gli anfibi che a breve si metteranno in cammino per raggiungere gli specchi d’acqua e deporre le uova.

Ieri, domenica 21 febbraio, è stata posata la barriera in località Molinello di Borgo Valbelluna, lungo la strada provinciale Madonna del Piave all’altezza della cava di Molinello. Il tutto grazie a una ventina di volontari che hanno operato nel rispetto delle norme di sicurezza anti covid.
Seguirà la posa delle reti a Rasai di Seren del Grappa e Punta Trifina di Ponte Nelle Alpi nel giro di una decina di giorni.
Grazie alle numerose collaborazioni tra volontari, si uniranno per l’occasione anche gli Eco Volontari dell’Unione Montana Feltrina e della Associazione Siamo Tutti Animali.
I nostri volontari saranno impiegati tra marzo ed aprile in turni serali muniti di torcia e secchio per raccogliere e portare in salvo i preziosissimi alleati dell’ecosistema.

Lo scorso anno – racconta Michela Zatta coordinatrice del Gruppo – non abbiamo potuto effettuare i salvataggi a causa del covid 19. Possiamo solo sperare che il lock down abbia permesso agli anfibi di attraversare senza essere vittime delle auto.
L’attività di posa reti e di salvataggio viene svolta senza assembramenti e nel più scrupoloso rispetto delle norme igieniche perché si è naturalmente distanziati per poter coprire la maggior parte del percorso, si usano guanti monouso che vengono cambiati anche più volte per turno e tutto il materiale, strettamente personale, viene disinfettato a fine serata (secchi, suole delle scarpe, stivali) come da raccomandazione del S.H.I.
(Societas Herpetologica Italica) per evitare di trasmettere parassiti o malattie tra gli anfibi.
Alla nostra già consolidata e scrupolosa osservanza delle norme igieniche aggiungiamo la mascherina”.

“Grazie al lavoro instancabile dei volontari – prosegue Michela Zatta – ogni anno riusciamo a salvare complessivamente oltre 10.000 anfibi e garantire la continuità delle specie che vivono nel territorio bellunese, mantenendo i delicati equilibri della natura, rendendo più sicure le strade anche per gli automobilisti e consentendo di abbassare l’uso di pesticidi grazie alla presenza di questi alleati insettivori.

In provincia di Belluno, i volontari attivi sono circa 45/50 che colgo l’occasione per ringraziare, insieme al consolidato appoggio delle amministrazioni comunali di Borgo Valbelluna, Ponte Nelle Alpi e Seren del Grappa e del Gruppo Carabinieri Forestale di Belluno, Veneto Strade ed Anas.

Questa migrazione – conclude Michela – ci coglie con un velo di tristezza per la perdita del nostro amico e compagno di salvataggi Bepi Tormen, mancato improvvisamente l’autunno scorso lasciando un vuoto incolmabile tra noi volontari, abbiamo perso un amico, un mentore ed un grande esperto di anfibi e di fauna selvatica.”

Vuoi diventare volontario rospista? Mettiti in contatto con noi:
Isabella per la Sinistra Piave: 349/4474104
Giuliana per Ponte Nelle Alpi: 329/1410122
Michela per Seren del Grappa e per le attività del gruppo: 328/9204968
Oppure scrivi una mail all’indirizzo: grupposalvataggioanfibibelluno@gmail.com

Storia del Gruppo Salvataggio Anfibi Belluno
Il gruppo è attivo in provincia di Belluno dal 2013, dapprima abbiamo iniziato a Rasai di Seren del Grappa dove da anni era nota una grande e critica situazione di attraversamento sulla strada delle Montegge, successivamente abbiamo dato il via ai salvataggi anche a Ponte Nelle Alpi in località Punta Trifina per l’intenso attraversamento di rospi scendevano verso il lago, infine nella Strada Provinciale Madonna del Piave, nel Comune di Borgo Valbelluna.
Grazie ai volontari ogni anno salviamo diverse migliaia di rospi e rane raccogliendoli prima che finiscano in strada e li avviciniamo alla zona umida che cercano di raggiungere per far sì che questi indispensabili animali non si estinguano.

Nuovi progetti
Non solo anfibi, il gruppo dallo scorso anno lavora ad un progetto di tutela della fauna selvatica che vive in ambito urbano come rondoni, rondini, rondini montane, balestrucci, pipistrelli in collaborazione con Lac, WWF, Siamo tutti Animali, Gruppo Eco Volontari, Monumenti Vivi, Liberi di Volare 2012.
Per maggiori informazioni sulle attività del gruppo contattare Michela Zatta 328/9204968
grupposalvataggioanfibibelluno@gmail.com

Share
- Advertisment -

Popolari

Temporali, vento e grandine da domenica pomeriggio

Venezia, 19 giugno 2021 - Il bollettino emesso dal Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto annuncia, per le prossime ore, tempo instabile in...

Tolti 4,6 miliardi per infrastrutture alle zone deboli. De Menech: «Tentativo di sottrarre risorse alla montagna. Non passerà in Parlamento»

«C'è un tentativo di sottrarre risorse alla montagna, alle aree interne e al sud. Grave il colpo di mano che ha tolto dal decreto...

Pubblicato dalla Regione l’elenco dei maestri artigiani: per Confartigianato Belluno c’è Antonio Da Ronch, restauratore

Antonio Da Ronch, titolare della Adr Restauri di Feltre, è il primo associato di Confartigianato Belluno a essere insignito della qualifica di maestro artigiano...

Malore mortale sotto il Rifugio 7mo Alpini

Belluno, 18 - 06 - 21 - Attorno alle 13.20 il Soccorso alpino di Belluno è stato allertato a seguito della chiamata della gestrice...
Share