13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 6, 2021
Home Cronaca/Politica "Legge Stazzema" contro la propaganda fascista e nazista. Massaro: «Piena adesione alla...

“Legge Stazzema” contro la propaganda fascista e nazista. Massaro: «Piena adesione alla raccolta firme. Presto un gazebo in piazza»

Palazzo Rosso, sede dell’Amministrazione comunale di Belluno

La maggioranza di Palazzo Rosso sostiene con convinzione la raccolta firme per la presentazione di una proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda fascista e nazista: l’iniziativa è partita qualche settimana fa da Stazzema, comune toscano che nel 1944 vede morire 560 civili – di cui 130 bambini – per opera delle milizie naziste, e si concluderà il prossimo 31 marzo.

«Viviamo in una democrazia dove le libertà di pensiero e di opinione sono ritenute sacre, ma stiamo assistendo ad un pericoloso ritorno di ideologie estremiste, come fascismo e nazismo, che negano proprio l’essenza della libertà dell’individuo. – commenta il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro,a nome di tutta la maggioranza di Palazzo Rosso – Per questo, tutti noi consiglieri di maggioranza e membri della giunta ci schieriamo a favore di questa iniziativa fondamentale per evitare pericolose derive e atteggiamenti “nostalgici”, come quelli che abbiamo potuto vedere anche in Veneto pochi giorni fa, o revisionisti».

La proposta prevede che “chiunque propagandi i contenuti del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco, o dei relativi metodi eversivi del sistema democratico, anche attraverso la produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, o ne fa comunque propaganda richiamandone pubblicamente la simbologia o la gestualità è punito con la reclusione da sei mesi a due anni”.

I consiglieri dell’amministrazione Massaro si mettono quindi a disposizione per l’autentica delle firme raccolte, ma non solo: «Compatibilmente con tutte le restrizioni legate al momento, stiamo lavorando all’organizzazione di un gazebo in piazza dove effettuare la raccolta delle sottoscrizioni. – anticipa Massaro – Nel giro di poche settimane sono state raccolte decine di migliaia di firme; l’obbiettivo delle 50mila firme necessarie per la presentazione della proposta sembra quindi già vicino, ma più cittadini firmeranno, più forte sarà la nostra voce. Vogliamo sensibilizzare tutti, a partire dai più giovani, a un dramma che ha segnato la storia italiana, e coscienza, conoscenza e partecipazione sono la armi migliori contro pericolosi e antistorici ritorni».

In attesa del gazebo, è possibile sottoscrivere la raccolta firme all’Ufficio Anagrafe del Comune di Belluno in Via Mezzaterra; viste le norme anti-Covid, è necessario prendere appuntamento telefonando allo 0437/913474 o 0437/913133, dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e il giovedì anche nel pomeriggio dalle 15.00 alle 17.00.

Share
- Advertisment -

Popolari

Treno delle Dolomiti. Scopel: «Attendiamo gli elaborati dalla Regione Veneto»

«Prendiamo atto della scelta del tracciato del Treno delle Dolomiti operata dalla Regione Veneto. Se è vero, come leggiamo dalla stampa, che gli studi...

Il sole illumina la prima tappa della WinteRace 2021

Cortina d’Ampezzo, 5 marzo 2021 - Al via questa mattina alle ore 9.00 da Corso Italia l’ottava edizione della WinteRace. Sotto un cielo terso, le...

Da lunedì il Veneto torna arancione. Ecco le regole

"Il Veneto in zona arancione da lunedì 8 marzo. Ma le scuole non chiuderanno". Lo ha anticipato nella conferenza stampa in diretta su Facebook...

Acc, Ex-Embraco. Nobis (Fim-Cisl): concretizzare subito progetto Italcomp, a rischio 750 famiglie

Questa mattina i lavoratori della ACC di Mel (Belluno) sono in presidio davanti ai cancelli dell'azienda, una prima azione di mobilitazione – dice il segretario...
Share