13.9 C
Belluno
venerdì, Febbraio 26, 2021
Home Pausa Caffè On line il video promozionale del 36mo Rally Bellunese

On line il video promozionale del 36mo Rally Bellunese

Mentre fervono i preparativi in vista dall’appuntamento con la 36ma edizione, il Rally
Bellunese conferma la propria popolarità sui social con circa 3000 visualizzazioni totali. Dopo ventiquattro ore dalla sua pubblicazione su Instagram e Facebook (@rallybelluneseofficial), il nuovo video di presentazione dell’evento, che si svolgerà il 17 e 18 aprile prossimi, aveva registrato oltre 2100 visualizzazioni totali, 882 su Instagram e 1300 su Facebook. Un successo che in casa Tre Cime Promotor asd spiegano così: “Per la realizzazione del video emozionale che promuove la gara ci siamo affidati ad un autentico professionista del settore: Mattia Collavino, fondatore di Rallyciak. Oltre ad essere un grande e competente appassionato di rally, Mattia è molto bravo a montare le immagini di cui dispone e ad assemblarle con musiche e suoni che rendono il tutto molto coinvolgente. Il video prodotto per il 36° Rally Bellunese si snoda con un ritmo incalzante, come se chi lo guarda fosse lui stesso impegnato in corsa. Proprio per questo la presentazione della gara risulta davvero accattivante e centrata. I numeri di visualizzazioni registrati in poco tempo sui nostri canali social sono molto interessanti, ci spronano a proseguire con entusiasmo il nostro impegno e indicano che il lavoro imbastito con dedizione da Francesco Bona, il nostro giovane Social Media Manager, sta andando nel verso giusto”.
Intanto, mentre il presidente Achille “Brik” Selvestrel ed alcuni fra i suoi più stretti
collaboratori come Michele Coletti e Paolo Scarton, hanno già proficuamente incontrato i
sindaci dei comuni interessati dal passaggio della corsa (Limana, Borgo Valbelluna,
Cesiomaggiore), oltre che l’Assessore allo sport di quello di Belluno, Marco Bogo, c’è stata
la conferma che anche il 36° Rally Bellunese, come avviene dal 2017, renderà con
semplicità un sentito e commosso omaggio a Maurizio Da Lan, l’appassionato amico e
collaboratore di Tre Cime Promotor, prematuramente scomparso quattro anni orsono. La
scelta giusta, condivisa da tutti i componenti dello staff, per ricordarlo.
Quest’anno, dopo oltre quattro lustri felicemente trascorsi a Santa Giustina, la sede di
partenza ed arrivo del Rally Bellunese si sposteranno nella zona industriale di Lentiai, in
Comune di Borgo Valbelluna. Non si tratta di una decisione assunta per dissapori con
chicchessia, né per rinnegare qualcosa o, peggio, per volontà di cancellare il passato.
Nulla di tutto questo. Semplicemente si tratta di una scelta forzata, dovuta ad esigenze
logistiche conseguenti all’obbligo, per ogni organizzatore, di rispettare lo specifico
Regolamento di settore e il Protocollo sanitario emanati da ACI Sport, tenendo conto delle
disposizioni governative riguardanti l’emergenza Covid-19. In merito, Tre Cime Promotor
asd è convinta di aver agito per il meglio al fine di garantire, nel pieno rispetto delle regole
succitate, lo svolgimento di una manifestazione del rilievo e dell’importanza del Rally
Bellunese, valido per la Coppa Rally quarta zona, con coefficiente 1,5.
Link al video: https://youtu.be/tHOax323YFE

Share
- Advertisment -

Popolari

Maria Grazia Carraro è il nuovo direttore generale della Ulss 1 Dolomiti

Maria Grazia Carraro, laureata in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, con Specializzazione in Igiene e medicina preventiva, è il nuovo direttore generale della...

Servizio Civile Universale: oltre 760 domande registrate dal CSV Belluno Treviso

Oltre 760 domande. A chiusura del bando 2020, è questo il numero delle candidature al Servizio Civile Universale registrate dal neo costituito CSV Belluno...

Una nuova filiale dell’agenzia per il lavoro Adhr Group a Belluno

Inaugura oggi in Piazzale Resistenza 10 la nuova filiale dell'agenzia per il lavoro ADHR Group, in risposta alla ripartenza del mercato dopo un anno...

Aumentano i contagi, da lunedì 6 regioni a rischio arancione

Da lunedì saranno sei le regioni italiane che rischiano di passare in fascia arancione con le relative restrizioni:  Piemonte, Lombardia, Lazio, Marche, Puglia e...
Share