13.9 C
Belluno
martedì, Giugno 15, 2021
Home Prima Pagina Ora di religione. Ecco cosa sta succedendo nella scuola pubblica

Ora di religione. Ecco cosa sta succedendo nella scuola pubblica

Tre mesi fa Tar del Lazio, con sentenza n. 10273/2020 ha accolto il ricorso dell’UAAR  (Unione degli atei e degli agnostici razionalisti) ed ha condannato il Ministero dell’istruzione per le «soluzioni formative inadeguate o inesistenti» che proponeva al posto dell’Irc (insegnamento religione cattolica). I giudici amministrativi hanno così annullato la circolare del MIUR n. 96/2012 , affermando: “Se è vero che al fine di non condizionare dall’esterno la coscienza individuale nell’esercizio di una libertà religiosa sia necessaria la scissione tra scelta di non avvalersi della religione cattolica e scelta delle attività alternative, questa seconda, pur successiva alla prima, deve avvenire in tempi che garantiscano la tempestiva programmazione e l’avvio delle attività didattiche secondo quanto richiesto dai principi di ragionevolezza e buon andamento.”

“Nella sostanza – spiega Manuel Bianco responsabile della comunicazione interna dell’UAAR – prima di questa nostra vittoria legale i genitori erano costretti a scegliere l’attività alternativa solo ad anno scolastico già avviato, con la conseguenza pratica che per settimane o mesi l’insegnante scelto dal vescovo teneva le sue lezioni dottrinali e l’alternativa, anche per studenti di tenera età, era quella di essere smistati in altre classi o rimanere in fondo all’aula a subire sermoni. Ma, fatta la sentenza, trovato l’inganno. Poiché, dovendosi adeguare alla sentenza, il ministero ha comunque pensato di complicare  la procedura: la scelta delle alternative all’Irc, infatti, non solo è stata separata dalla procedura per le iscrizioni online (che quest’anno si conclude il 25 gennaio alle ore 20), ma è stata addirittura spostata nel mese di giugno. Abbiamo prontamente mandato una lettera alla ministra Azzolina per chiedere il perché di questa inutile complicazione. Purtroppo questa lettera è ancora in attesa di risposta”.

“Ma c’è di più – prosegue Manuel Bianco – Da quest’anno in tutte le scuole è diventato obbligatorio l’insegnamento di educazione civica. La materia. però, non ha un docente dedicato, e le scuole devono assegnarla a uno o più docenti in maniera trasversale. Gli insegnanti di religione cattolica hanno colto la palla al balzo per provare a infilarsi e aumentare la propria influenza. L’Irc è però una materia facoltativa e l’insegnante scelto dal vescovo non può in alcun modo impartire i suoi insegnamenti a chi ha scelto di non subirli. Inoltre, educazione civica deve avere una valutazione numerica che concorre alla media dei voti dei ragazzi, mentre i docenti di religione possono solamente esprimere un giudizio non numerico e solo per la loro materia conforme alla dottrina della chiesa. Assegnare a un insegnante di una materia facoltativa una materia obbligatoria per tutti gli allievi è quindi illegittimo e l’Uaar ha inviato pec a diverse scuole per porre fine a questi comportamenti.

L’UAAR, pertanto, vigila e sostiene le famiglie che vogliono far valere i propri diritti di non credenti. Se sei testimone o conosci casi in cui il diritto all’ora alternativa viene ostacolato -dichiara Manuel Bianco – , Covid o no, o sai di docenti di religione cattolica che insegnano la materia obbligatoria di educazione civica, scrivici a soslaicita@uaar.it.
Sul sito https://www.uaar.it/uaar/campagne/progetto-ora-alternativa/ puoi trovare altro materiale e un facsimile di diffida all’istituto scolastico.

Entro lunedì 25 gennaio – conclude Manuel Bianco – scrivi alla tua scuola (anche una semplice mail) e comunica che non vuoi più avvalerti dell’Irc. Questo ti darà garanzia assoluta che dal prossimo anno scolastico sarai libero dall’insegnamento dottrinale”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Comune di Alpago cerca rilevatori per il censimento

All’Albo pretorio on line e sul sito istituzionale del Comune di Alpago, è stato pubblicato l'avviso pubblico di selezione per il conferimento di incarichi...

Contributo per avversità atmosferiche dal 28 al 30 agosto 2020. Domande entro venerdì 30 luglio 2021

La Regione del Veneto, con decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 94 del 30 agosto 2020, ha riconosciuto lo "stato di crisi" per...

Danni da maltempo dicembre 2020. Parte la raccolta dati: i Comuni hanno tempo fino al 22 giugno

Nelle ultime settimane è stato nominato il commissario delegato all’emergenza meteo del 4-9 dicembre 2020, che in gran parte del Bellunese ha creato notevoli...

35esima edizione della Mostra dell’Artigianato di Feltre: presentato oggi il programma ufficiale nella Sala degli Stemmi del Palazzo Municipale

Si alza il sipario sull’edizione numero 35 della Mostra dell’Artigianato Artistico e Tradizionale Città di Feltre. Il programma della rassegna è stato presentato stamane...
Share