13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 20, 2021
Home Cronaca/Politica Allarme dei sindaci agordini per l'economia turistica. De Carlo: “Preoccupazione condivisibile. I...

Allarme dei sindaci agordini per l’economia turistica. De Carlo: “Preoccupazione condivisibile. I sindaci non sostengono un governo che guarda solo alle poltrone”

“Il ministro D’Incà qualche settimana fa diceva di avere il sostegno dei sindaci bellunesi. Si vede che, oltre a non aver parlato con me, evidentemente non aveva chiamato nemmeno loro: i sindaci non possono sostenere un governo che guarda più ai numeri per salvare la propria poltrona che alle necessità dei cittadini e dei territori”: il senatore di Fratelli d’Italia e sindaco di Calalzo di Cadore Luca De Carlo commenta così la lettera inviata da alcuni sindaci agordini ai parlamentari bellunesi, nella quale si denuncia l’allarme per l’economia turistica del territorio.
“Da sindaco condivido le loro preoccupazioni, e le ho esposte più volte sia in aula che in commissione, dove però tutti gli emendamenti presentati sono stati bocciati”, sottolinea De Carlo che ricorda come l’unica battaglia vinta sia stata quella portata avanti da Fratelli d’Italia per l’aumento delle risorse per il trasporto scolastico, “100 milioni di euro che sono solo un primo passo per la copertura del servizio”.
“Noi amministratori sappiamo che l’impoverimento delle aziende corrisponde a un impoverimento dei nostri paesi”, ricorda De Carlo “e nei prossimi mesi come sindaci saremo chiamati sempre più a intercettare le richieste di aiuto dei nostri cittadini. Basti pensare che uno studio della CGIA di Mestre ha verificato come i vari ristori statali abbiano coperto solo il 7% delle perdite subite dalle aziende in questo lungo periodo di emergenza”.
“Io cercherò in tutte le sedi, dai prossimi decreti ristori al Milleproroghe, di migliorare gli interventi demagogici proposti da questo governo, per dare ai sindaci e ai territori gli strumenti adeguati per intervenire”, conclude De Carlo. “Visto però l’interesse attuale di questo esecutivo solo per i numeri che gli consentirebbero la sopravvivenza, anziché per i drammatici numeri della crisi, sono convinto che la vera svolta, il vero cambio di passo, potrà arrivare solo dopo il voto, con il centrodestra alla guida di un governo forte e unito”.

 

La lettera dei sindaci

Egregio Sig. Ministro FEDERICO D’INCA’
Egregio Senatore PAOLO SAVIANE
Egregio Senatore LUCA DE CARLO
Egregio Onorevole DARIO BOND
Egregio Onorevole MIRCO BADOLE
Egregio Onorevole ROGER DE MENECH

Con la presente siamo a segnalare quanto la situazione nei nostri territori della montagna Bellunese, si stia ulteriormente aggravando a seguito dell’emergenza Covid-19.
Il rischio sanitario si sta sempre di più unendo a quello economico.
Le nostre località ad economia prevalentemente turistica, in questo momento stanno vivendo una situazione di sofferenza, che unita ai precedenti disastri meteorologici come Vaia, rischia di compromettere seriamente l’economia locale.
C’è bisogno di aiuti consistenti ed immediati affinché le famiglie abbiano di che vivere.
Tutto il settore turistico è fermo da mesi, le aziende che gravitano su questo settore sono chiuse e i tanti dipendenti (stagionali e non), sono a casa privi di adeguate forme di sostentamento, ma soprattutto senza certezze per il futuro.
Ogni giorno che passa diventa sempre più difficile alla luce del fatto che molti hanno già terminato il sussidio di disoccupazione, le aziende devono far fronte ad ingenti costi fissi per mantenere le strutture riscaldate, affinché non gelino gli impianti, pendenze finanziare con le banche, tasse e utenze, anticipi ai lavoratori e zero incassi.
Se non ci sarà un intervento immediato il rischio è di compromettere pesantemente la difficile situazione in cui ci troviamo.
Tante aziende non riusciranno a ripartire e molte persone perderanno definitivamente il lavoro.
Ci appelliamo anche ai nostri rappresentanti bellunesi al Governo affinché si facciano portavoce di questa tragedia che rischia di vedere la montagna ancora una volta colpita e vittima dimenticata.

Sindaco di Alleghe
Danilo De Toni

Sindaco di Cencenighe Agordino
Mauro Soppelsa

Sindaco di Livinallongo del Col di Lana
Leandro Grones

Sindaco di Rocca Pietore
Andrea Severino De Bernardin

Sindaco di San Tomaso Agordino
Moreno De Val

Share
- Advertisment -

Popolari

Temporali, vento e grandine da domenica pomeriggio

Venezia, 19 giugno 2021 - Il bollettino emesso dal Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto annuncia, per le prossime ore, tempo instabile in...

Tolti 4,6 miliardi per infrastrutture alle zone deboli. De Menech: «Tentativo di sottrarre risorse alla montagna. Non passerà in Parlamento»

«C'è un tentativo di sottrarre risorse alla montagna, alle aree interne e al sud. Grave il colpo di mano che ha tolto dal decreto...

Pubblicato dalla Regione l’elenco dei maestri artigiani: per Confartigianato Belluno c’è Antonio Da Ronch, restauratore

Antonio Da Ronch, titolare della Adr Restauri di Feltre, è il primo associato di Confartigianato Belluno a essere insignito della qualifica di maestro artigiano...

Malore mortale sotto il Rifugio 7mo Alpini

Belluno, 18 - 06 - 21 - Attorno alle 13.20 il Soccorso alpino di Belluno è stato allertato a seguito della chiamata della gestrice...
Share