13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Cronaca/Politica Montagna. Lotto: "cosa fa la Regione oltre a lamentarsi? Dallo stato 12...

Montagna. Lotto: “cosa fa la Regione oltre a lamentarsi? Dallo stato 12 miliardi al Veneto di cui oltre 40 milioni nel Bellunese, dalla Regione non si sa»

Monica Lotto

Belluno, 13 gennaio 2021  «Vogliamo sapere quante risorse ha messo la Regione Veneto per i ristori ai commercianti, alle imprese e ai cittadini che hanno perso il lavoro a causa della pandemia». La segretaria provinciale del Partito democratico, Monica Lotto, ricorda al senatore Saviane che dallo stato tra Cassa Integrazione, Cassa Integrazione in Deroga, ristori per le categorie economiche e fondi per gli enti locali, sono arrivati 12 miliardi di euro. «Quanti miliardi ha messo la Regione Veneto? Non si capisce perché se da un lato si chiede autonomia, dall’altro si batte cassa, un po’ come i giovani indolenti che vogliono andare ad vivere da soli, ma l’affitto glielo devono pagare i genitori».

Solo di ristori per le categorie economiche il Veneto è la regione che ha percepito più contributi a fondo perduto dallo Stato dopo la Lombardia, con 929 milioni 680 mila euro in soccorso delle 282 mila 427 domande presentate a seguito dei decreti cosiddetti ‘Rilancio, Ristori e Natale’. Per la Provincia di Belluno i dati riguardano al momento solo i decreti Ristori e Rilancio e fanno in totale 32,2 milioni di euro. A questi andranno sommati circa 10 milioni del decreto Natale, ma dipende dal numero di domande. Inoltre, moltissimi Comuni si sono attivati con misure specifiche e contributi a favore dei propri cittadini e delle proprie attività economiche. «Dalla Regione invece, solo lagne e polemiche».

«Purtroppo», continua Lotto, «la Regione e il suo presidente si sono incaponiti nel mantenere la zona gialla durante la seconda ondata, con il risultato, tutt’altro che eccellente, di avere costretto bar e ristoranti a rimanere aperti. Il danno per questi esercenti è di aver subito un calo della domanda tra l’80 e il 90 per cento a causa dell’altissimo tasso di contagi e la beffa è costituita dall’impossibilità di accedere alle misure di ristoro, proprio per colpa della decisione di Zaia di mantenere la zona gialla».

Sugli impianti da sci la polemica è sterile, afferma la segretaria. «Se gli spostamenti alle persone sono impediti tra le regioni e con le misure restrittive applicate in tutta Europa, aprire le piste da sci senza sciatori, ovvero costringere i gestori degli impianti ad affrontare spese abnormi con una frazione minima dei ricavi abituali».

Al di là dell’emergenza sanitaria, conclude Lotto, «resta di un certo interesse capire qual sia il progetto della Regione Veneto per la montagna e con quali azioni si concretizza. Le conferenze stampa con le bandiere, le foto del capo e senza contraddittorio paiono insufficienti».

Share
- Advertisment -

Popolari

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza,...

Lavori alla scuola “Valeriano” di Castion. Le classi ripartite tra Badilet, Borgo Piave e Castion

Si è concluso in questi giorni, dopo un incontro con i vertici dell'Istituto Comprensivo 3 e con gli esponenti del consiglio d'istituto, lo studio...
Share