13.9 C
Belluno
venerdì, Aprile 23, 2021
Home Prima Pagina Dieci anni fa in Afganistan moriva Matteo Miotto, Medaglia d'Argento al Valore...

Dieci anni fa in Afganistan moriva Matteo Miotto, Medaglia d’Argento al Valore dell’Esercito

Oggi 31 dicembre 2020 si celebra il decimo anniversario della tragica e prematura scomparsa del caporalmaggiore Matteo Miotto, effettivo al 7mo Reggimento Alpini, ucciso all’età di 24 anni nella missione in Afghanistan.
Matteo fu colpito a morte durante il suo turno di guardia in un altana situata nell’avamposto
“Snow” di Buji, distretto del Gulistan, provincia di Farah, quando, tra tutti i suoi colleghi
Alpini del 7mo ancora viva e aperta era la ferita per la scomparsa – era il 9 ottobre – dei quattro colleghi Gianmarco Manca, Francesco Vannozzi, Sebastiano Ville e Marco Pedone, investiti dallo scoppio di un IED durante una scorta, anch’essi nel distretto del Gulistan.
Alla memoria di Matteo Miotto sono state conferite nell’agosto 2011 la “Croce d’Onore alle
vittime di atti di terrorismo o di atti ostili impegnate in operazioni militari e civili
all’estero” e nel dicembre 2012 la “Medaglia d’Argento al valore dell’Esercito” con la
seguente motivazione:

“Graduato dislocato presso l’avamposto di combattimento del passo di Buji,
durante un prolungato attacco portato contro l’installazione, sprezzante del
notevolissimo pericolo in atto e a manifesto rischio della vita, accorreva
prontamente a rinforzare il dispositivo perimetrale, contribuendo con il tiro
prolungato della propria arma a respingere la minaccia in atto e cadendo
infine mortalmente ferito dal fuoco nemico.
Buji (Afghanistan), 31 dicembre 2010.”

Il primo caporal maggiore Matteo Miotto, riposa oggi nel cimitero della sua città, Thiene, in
provincia di Vicenza, nell’area riservata ai caduti della Grande Guerra. Matteo prima di
partire, aveva lasciato questo suo testamento in caso di morte, avrebbe voluto essere sepolto in quella parte di cimitero nella quale riposavano i caduti della prima guerra mondiale.

Anche oggi i componenti della consulta e tutti gli iscritti di Fratelli d’Italia della provincia di
Belluno, vogliono porgere il loro pensiero a chi ha elevato la propria vita per i valori di
questa Forza Armata e delle istituzioni.

Il Responsabile della consulta provinciale
Alessandro Farina

Share
- Advertisment -

Popolari

Scuole. Superiori con prime e quinte in presenza al 100% le altre classi al 70%. Trasporti con Dolomitibus al 50%. Situazione Covid

Belluno, 23 aprile 2021 - Da lunedì 26 aprile nelle scuole superiori la didattica in presenza sarà al 70% con priorità alle prime e...

Eventi culturali a Borgo Valbelluna

Il Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, fiore all’occhiello delle iniziative in Sinistra Piave, vede confermata la presenza dello scrittore veneziano Tiziano Scarpa...

Apre Decathlon, nell’area riqualificata ex Comedil a Ponte nelle Alpi

Ponte nelle Alpi, 23 aprile 2021 - È il primo in provincia di Belluno. E da oggi ha aperto ufficialmente i battenti: il nuovo...

Lettera dei sindaci ai politici per la riapertura delle piscine coperte

Preg.mi Ministro Daniele Franco segreteria.ministro@mef.gov.it Ministro Federico D'Inca' rapportiparlamento.segrcapodip@governo.it Sen. Luca De Carlo luca.decarlo@senato.it Sen. Paolo Saviane paolo.saviane@senato.it On. Mirco Badole badole_m@camera.it On. Dario Bond bond_d@camera.it On. Roger De Menech roger@demenech.it Pres.te...
Share