13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 9, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Una fotografia per cambiare il domani: convegno anti-spopolamento organizzato dal Fondo Welfare....

Una fotografia per cambiare il domani: convegno anti-spopolamento organizzato dal Fondo Welfare. De Biasi: «Due nuovi progetti di crowdfunding, lavoro ai giovani»

Francesca De Biasi, assessore al Comune di Belluno e presidente del Fondo Welfare

Continua l’impegno anti-spopolamento del Fondo Welfare e Identità territoriale. Proprio in questi giorni verranno lanciati due nuovi progetti, partendo dai dati del questionario proposto qualche mese fa. Il primo riguarda uno sportello dedicato al rientro dei giovani dall’estero; il secondo invece la promozione del servizio civile regionale sul territorio.

Per parlare di queste progettualità, ma anche dell’aggiornamento sui problemi demografici della montagna bellunese, il Fondo organizza un convegno, dal titolo “Una fotografia per cambiare il domani”. L’appuntamento è per venerdì prossimo (11 dicembre) dalle 15 alle 17, e potrà essere seguito in diretta streaming sulla piattaforma dedicata, direttamente dal sito www.welfaredolomiti.it.

Dopo i saluti di rito della Provincia e della diocesi, con partecipazione del vescovo Marangoni, verrà tracciato un quadro aggiornato dello spopolamento, con il segretario regionale dello Spi Cgil Renato Bressan. «A partire dai dati, parleremo delle prospettive che si delineano per il nostro territorio – spiega la presidente del Fondo Welfare, Francesca De Biasi -. La prospettiva dei lavoratori, con Rudy Roffarè della Cisl; la prospettiva delle imprese, con Andrea Ferrazzi di Confindustria; e la prospettiva dei Comuni, con il sindaco di Val di Zoldo, Camillo De Pellegrin. Illustreremo anche i dati del questionario sull’attaccamento al territorio e sull’identità territoriale, grazie alla lectio magistralis del professor Gino Mazzoli, sociologo all’Università Sacro Cuore di Milano. Insomma, metteremo sotto la lente non solo il problema annoso del Bellunese, ma anche le prospettive per risolverlo».

Infine, verranno lanciati i due progetti del crowdfunding, legati al lavoro dei giovani. «Con Bellunesi nel Mondo abbiamo ideato uno sportello per agevolare il rientro dei giovani dall’estero, attraverso l’incrocio di domanda e offerta con le aziende del territorio – prosegue De Biasi -. Con il Comitato d’Intesa, invece, abbiamo intenzione di allargare la platea dei destinatari di servizio civile. Oggi uno dei problemi principali per cui i giovani se ne vanno è quello del lavoro. Crediamo che intervenendo in questo campo, possiamo cominciare a invertire la rotta dello spopolamento».

Share
- Advertisment -

Popolari

Cinema Italia, tutto quello che c’è da sapere sullo storico cinema di Belluno. Martedì con il Fai Giovani su piattaforma Zoom

Il gruppo Fai Giovani di Belluno ha organizzato una conversazione on line dedicata allo storico cinema Italia di Belluno. Il gestore Manuele Sangalli porterà...

Il Lions Club Belluno dona 18 Pc alle scuole di Borgo Valbelluna

Il Lions Club Belluno, dopo l’apprezzato intervento per le scuole primaria e secondaria di Limana, ha voluto donare alle scuole di Borgo Valbelluna diciotto...

Si può battere sul tempo l’infezione da Sars Cov 2 grazie agli antivirali e ad una nuova organizzazione del territorio

È ormai acclarato che l’opportunità terapeutica dell’utilizzo degli antivirali contro l’infezione da Sar-Cov2 è tanto più efficace quanto prima si utilizzano tali rimedi fin...

No paura Day 3. Domenica alle 16 in piazza Martiri a Belluno

Belluno, 9 maggio 2021 – Oggi pomeriggio alle ore 4 in piazza dei Martiri a Belluno si terrà il terzo appuntamento “No paura day”,...
Share